Cirse Astro 8mm

Rimessa in funzione delle "Vecchie Signore"
Rispondi
8inlinea
Messaggi: 4
Iscritto il: mer apr 13, 2011 12:39 am
Skype: ilvanzo

Cirse Astro 8mm

Messaggio da 8inlinea » mer apr 13, 2011 3:54 pm

Buongiorno a tutti, sono nuovo del forum anche se in passato ogni tanto ho letto alcune di queste pagine, perchè i proiettori cinematografici mi affascinano come ogni altro oggetto meccanico! ;)

Ieri in uno dei soliti mercatini dell'usato ho acquistato un proiettore Cine Cirse Astro, 8mm standard muto, e mi piacerebbe rimetterlo in funzione: è così bello, con la sua "aria da grande", sembra un proiettore da 35mm in scala!
IMG_0284.jpg
IMG_0284.jpg (197.08 KiB) Visto 6922 volte
IMG_0287.jpg
IMG_0287.jpg (191.89 KiB) Visto 6922 volte
Ha ancora la scatola originale in cartone, un po' malconcia, con il nastro adeisvo personalizzato della casa produttrice!

Per prima cosa vi chiedo se sapete dirmi che tipo di lampada monta, poichè purtroppo ne è sprovvisto: questo è lo zoccolo
IMG_0289.jpg
IMG_0289.jpg (179.04 KiB) Visto 6922 volte
la trasmissione alla bobina traente è tramite o-ring: per fortuna non è sciolto (come capita spesso su macchine anziane, non avevo mai aperto un proiettore prima ma ho una certa esperienza nel restauro di macchine per ufficio d'epoca, e la gomma è una disgrazia... :confuso: ), è solo irrigidito nella posizione di lavoro, ma spero di trovarne uno di ricambio.

come devo procedere con la frizione? bisogna cambiare i due feltrini? vanno lubrificati? mi sembra molto dura, sapete dirmi un valore realistico della coppia a cui deve slittare?

il casino grosso è che non riesco a rimuovere la ventola di raffreddamento, e senza toglierla non posso aprire il carter che alloggia il meccanismo di avanzamento. non riesco a capire se è calettata sull'albero del motore o se è avvitata sull'albero stesso, e non voglio forzare...
IMG_0293.jpg
IMG_0293.jpg (190.69 KiB) Visto 6922 volte
ho provato a montare una pellicola: è corretto? quanto devono essere ampi i "riccioli" tra i rocchetti e la piastra di guida? se qualcuno sapesse indicarmi dove recuperare il manuale di questo proiettore gliene sarei davvero grato!
IMG_0285.jpg
IMG_0285.jpg (193.14 KiB) Visto 6922 volte
aspetto consigli, spero di non abusare della vostra disponibilità!
grazie fin d'ora, a presto!

Luciano Pecoraro
Utente 8mm
Messaggi: 133
Iscritto il: mar gen 12, 2010 4:42 pm
Skype: luciano16

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Luciano Pecoraro » mer apr 13, 2011 7:08 pm

Benvenuto nel Forum!
Posso rispondere in parte ai tuoi quesiti.
La lampada che montava il Cirse, in origine, 300W 125V (220V) lampada
ad incandescenza p28s. Esiste una versione di questo proiettore, con cambiatensione per il motore, in origine andava solo a 125 volt.
Se il tuo proiettore è munito di cambiatensione, settato su 220/240v,
puoi utilizzare una lampada da 230v, altrimenti. devi usare una lampada da 120/130v e utilizzare un trasformatore da 230 a 120/130v.
Riguardo il riccio della pellicola, devi farlo un poco più abbondante rispetto la foto.
La frizione, assicurati che non sia incollata, eventualmente, lava il feltrino e le parti interessate con un po di benzina avio.
(La lampada, forse, la trovi minimo da 500w)

Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Alvaro » mer apr 13, 2011 10:18 pm

Ciao, benvenuto qua.

Cine Cirse Torino. Gruppo della Microtecnica.
Anno di produzione attorno al 1955.
Varie versioni. Astro, Oregon, Missouri, cinesound (con sonoro magnetico).

La lampada 120v /300w si trova benissimo in commercio. Ci sono stati vari proiettori che la adottarono come il DeJour 750 e, oggi, viene usata su apparecchiature elettromedicali. La corrispondente sigla della lampada odierna è CXK.

la lampada che cerchi è questa:
cxk.JPG
cxk.JPG (61.43 KiB) Visto 7421 volte
la trovi ad esempio qui:
http://www.tias.com/showcase/1/Photogra ... ies/2.html

oppure qui:
http://www.topbulb.com/search/results.asp?REF=110
ciao - Alvaro

8inlinea
Messaggi: 4
Iscritto il: mer apr 13, 2011 12:39 am
Skype: ilvanzo

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da 8inlinea » mer apr 13, 2011 10:23 pm

Grazie mille!!
Il mio modello ha il cambiatensione :) meglio così!

Poi sono riuscito a togliere la ventola: era solo forzata sull'albero, un po' di olio e pazienza ed è venuta via.
Così sono riuscito ad accedere alla cinghia che dà moto all'otturatore e al trascinamento. Per fortuna neanche questa era messa tanto male, ma la sostituisco con un nuovo oring (oddio, quella originale non è nera come di solito sono gli oring, ha sezione circolare ma è grigio chiaro e sembra più morbida)

Purtroppo ho scoperto un danno importante che non so se riuscirò a riparare: una delle due lenti del condensatore è spaccata in due... :wowo!!: shock termico? boh.
Per fortuna i due pezzi sono ancora in sede; per ora ho smontato il supporto e l'ho messo da parte, ma l'unica è cercare una lente sostitutiva: appena ho tempo vado in officina e misuro il tutto.

per la lampada... venerdì mattina provo alla casa della lampadina di via gioberti (torino), è l'unico posto che mi viene in mente in cui magari non mi mandano via a calci a priori!! :o.O:

su un altro sito in effetti ho trovato questo modello sia come prodotto dalla cirse, sia dalla microtecnica: sapete di esperti microtecnica a cui pietire eventuale documentazione tecnica...? :D

grazie ancora!

Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Alvaro » mer apr 13, 2011 10:43 pm

se hai il cambio tensione meglio così. Una lente è spaccata? Credo poco allo shock termico a meno che non fosse proprio gelato e l'hanno acceso; credo pittosto ad uno shock da urto (magari è caduto).

Si, quel tipo di proiettore aveva una forma molto in voga per quell'epoca. Per quanto riguarda la Microtecnica, stai fresco: ha chiuso oltre trent'anni fa! Ci può, tuttavia, essere qualcuno che magari ha qualche rimasuglio o che può darti info. Le mie conoscenze della Microtecnica si fermano alla Micron Eta e Micron Tau. (35 mm )

A proposito di altri siti, su "super 8 club", nel forum, si è parlato della Cirse che divenne poi Silma, mentre Microtecnica divenne Cinerapid. Poi, basta.
ciao - Alvaro

Massimo_Renzi
Messaggi: 12
Iscritto il: gio mar 31, 2011 5:20 pm
Skype: ik4zie
Località: Imola

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Massimo_Renzi » mer apr 13, 2011 11:20 pm

Ciao e benvenuto.
Possiedo un proiettore esattamente uguale al tuo, ma marcato COMET. Recentemente ho ripristinato le cinghie e oliato i vari punti che lo richiedono. I punti in questione sono due forellini posti sopra al corpo motore (vicino ad un nottolino che serve, ruotandolo in proiezione, per regolare il quardo) ed uno tre la base del supporto bobina superiore e la lampada. Dovrebbero esser segnati in rosso. La leva che trovi subito li sopra serve per invertire il senso di marcia per riavvolgere la pellicola. Non azionare durante la proiezione. A fianco dell'obiettivo hai un'altra levette che, avendo tu già montato la pellicola, sai bene che serve per sollevare il pressa pellicola. Nel mio, sempre lì a fianco, (nella tua foto non lo vedo, ma vedo una specie di tappo) c'è un nottolino un po' più grosso, per testare manualmente il corretto montaggio della pellicola prima dell'avviamento, ruotandolo in senso orario. Come giustamente ti ha scritto Luciano, questo proiettore funziona a 125 V. Nel mio modello non esiste la possibilita di utilizzarlo a 220V e purtroppo, a suo tempo, questo "dettaglio" mi ha fatto perdere la lampadina anche a me. Venendo allo smontaggio della ventola, io darei un po' di svitol e tirerei con attenzione in senso assiale. Sempre facendo riferimento al mio modello (che dalle foto che hai messo direi che è sostanzialmente identico salvo per pochi dettagli), io ho svitato il dado che la serrava ed ho tirato. In questo modo potrai accedere all'otturatore ed al dentino del fotogramma. Troverai anche lì una cinghia che porta il movimento dal motore alla meccanica. E' molto più grossa di quelle che movimentano le bobine, ed è in lattice di gomma o addirittura in caucciù, ma puoi tranquillamente sostituirla con un OR, anche se non troverai la sezione corrispondente. Puoi comunque usare una sezione 5 mm al posto della 4,3 esistente. Ci sta bene e gira che è una meraviglia. Metti un po' di olio da macchina da cucire anche nei feltrini oliatori che trovi all'interno. Anch'io ho sostituito tutte le cinghie con delle OR adatte. Per la tensione mi sono regolato ad occhio ed esperienza: non tirate, ma nemmeno lasche. Come Luciano, ti suggerisco di tenere il ricciolo (in particolare quello superiore a quel che vedo) un pochino più ampio. Per la frizione lascerei stare, prima prova coma va così, potrebbe non esser necessario fare niente. Vedo che anche nel tuo gli interruttori sono due: un per il motore ed uno per la lampada. Ovviamente vanno manovrati inquest'ordine per l'avvio (motore - Lampada) ed lal contrario per l'arresto. In questo modo parte prima e si ferma dopo il raffreddamento della lampada. Un autotrasformatore che comprenda la tensione dei 125 V fra quelle possibili, e che eroghi 400-450W (se la lampada che trovi si mantiene sui 300) è sufficente e lo puoi agevolmente trovare nei mercatini o fiere dell'eletronica. Per il manuale invece non so che dirti, io non ce l'ho, ma direi che è circa tutto quello che ho scritto.
Dimenticavo! Probabilmente all'interno della base potresti trovare una grossa resistenza a filo, di tipo variabile (tipo reostato) che mi pare serva per ila regolazione in fino della velocità del motore. Non ci andrei intorno. Alcune sono molto delicate. Se non l'hai ancora messo in azione, prova eventualmente la conduttività e la resistenza con un tester settato su OHM 200 f.s.
Sono stato un po' lungo, ma questo è proprio tutto quello che so su questa macchina.
P.S. Capisco l'abominio per chi restaura macchine del genere, ma sto studiando il modo di utilizzare altri tipi di lampada per poterlo rivedere in funzione. Non escludo anche di usare un LED ad altissima luminosità. Ovviamente con possibilità di reversibilità o ripristino. Se interessato...
Saluti
Massimo

8inlinea
Messaggi: 4
Iscritto il: mer apr 13, 2011 12:39 am
Skype: ilvanzo

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da 8inlinea » gio apr 14, 2011 12:12 am

grazie mille a tutti!

la lampada a led mi interessa eccome! anzi è la prima cosa che mi è venuta in mente quando ho visto che il proiettore ne era sprovvisto.

nel frattempo se trovo una lampada così la prendo: penso sia l'equivalente della CXK in 220V.

massimo, temo che il mio modello sia una versione ancora più "base", infatti per il riavvolgimento non ha l'inversore ma solo una manovella sul perno della bobina superiore... :)

comunque questo è l'interno, chiedo scusa per la scarsa qualità delle immagini
foto (1).JPG
foto (1).JPG (122.65 KiB) Visto 7410 volte
foto.JPG
foto.JPG (115.92 KiB) Visto 7410 volte
la frizione non è bloccata ma è abbastanza dura e secca. seguirò il consiglio di lavare i feltrini in petrolio.

questo invece è lo stato pietoso in cui è ridotto il condensatore: una lente spaccata e l'altra staccata... (tra l'altro, va montata con la convessità verso l'esterno o verso l'altra lente?)
foto (2).JPG
foto (2).JPG (122.32 KiB) Visto 7410 volte
alvaro: ma quindi la microtecnica dei proiettori non è la microtecnica tuttora in attività? essendo entrambe di torino pensavo fossero la stessa azienda..

Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Alvaro » gio apr 14, 2011 9:23 am

Io di Microtecnica so quello che ho letto su altri forum e sulla rete internet. Però, data la tua domanda, ho voluto approfondire un poco la questione. Guarda caso dove lavoro (non parlo di cinema) c’è un proiettore di profili proprio della Microtecnica Torino. Non ci avevo mai badato più di tanto ma ora sono andato a guardare di proposito lo stemma: è una specie di cerchio con la mezzeria superiore a forma di M e la mezzeria inferiore a forma di ingranaggio, poi il nome; Microtecnica. Guardando un proiettore cinematografico della Microtecnica, lo stemma è lo stesso. Curiosamente le foto storiche e quelle odierne dell’edificio della Microtecnica sembrano le stesse. Ora Microtecnica si occupa di tecnologia industriale e aeronautica. Ci sta benissimo, a questo punto, che sia sempre la stessa che abbia solo abbandonato la linea di produzione cinematografica.

Se si legge la storia (sulla rete) di Microtecnica, quando nel 1929 venne fondata dall’ing. De Rossi, in via Madama Cristina, si occupava principalmente di apparecchiature belliche e, limitatamente, cinematografiche. Ora l’indirizzo (stando alla rete Internet) è Piazza Arturo Graf. Però non si trovano altre notizie inerenti il cambiamento(?) della linea di produzione(?) nel tempo.

A questo punto non sono più sicuro di quello che ti avevo detto prima. Se leggi in un forum trovi che microtecnica ha chiuso; in altri che la linea proiettori venne ceduta poi abbandonata; se indaghi un momento Microtecnica esiste ancora.

Ci sarabbero due soluzioni per sfatare: una è quella di telefonare a Microtecnica e fare la classica domandina “ Voi siete la Microtecnica che produceva anche proiettori cinematografici?” oppure, la seconda, qualcuno di Torino che abbia tempo e voglia di farsi quattro passi e verificare. Ormai la cosa mi ha incuriosito oltremodo . Se per caso / sai / trovi / scopri / qualcosa ti prego di scriverlo qua nel forum.
ciao - Alvaro

Luciano Pecoraro
Utente 8mm
Messaggi: 133
Iscritto il: mar gen 12, 2010 4:42 pm
Skype: luciano16

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Luciano Pecoraro » gio apr 14, 2011 10:40 am

8inlinea,
le lampade a 230v 500w puoi trovarle da "wittner.de", la lampada a luce fredda o a led, ti permette di proiettare a brevissima distanza, vengono usate, appunto, sui telecinema con ripresa diretta fotogramma/telecamera.
Se la lente del condensatore è crepata, non dovrebbe avere importanza. Ho visto
vari proiettori con la lente spezzata di proposito dalla fabbrica.
Saluti
Luciano

8inlinea
Messaggi: 4
Iscritto il: mer apr 13, 2011 12:39 am
Skype: ilvanzo

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da 8inlinea » gio apr 14, 2011 10:43 am

ho sollevato il dubbio sulla microtecnica proprio perchè sono di Torino e ho ben presente lo stabilimento (tra l'altro, bellissimo esempio di liberty industriale come del resto le altre opere di Giacomo Mattè Trucco, vedi il Lingotto, ma qui sono OT... :genio: ) di piazza graf, che altro non è se non uno slargo verso la fine di via madama cristina!

dai, mi informo e riporto gli aggiornamenti! ;)

angelom
Messaggi: 1
Iscritto il: gio mar 26, 2015 12:51 pm

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da angelom » gio mar 26, 2015 12:58 pm

per quanto riguarda il vetro tagliato in due è un vetro termico e deve essere fatto cosi saluti Angelo

Avatar utente
matticosez
Utente 35mm
Messaggi: 254
Iscritto il: lun apr 15, 2013 10:43 am
Località: Milano

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da matticosez » sab mar 28, 2015 12:50 pm

Comet e Cirse erano le stesse macchine, questa è la versione sonora.
DSC_0320.JPG
DSC_0320.JPG (143.84 KiB) Visto 4955 volte

Ilaria Nurchi
Messaggi: 2
Iscritto il: gio gen 16, 2020 12:45 pm
Skype: Ilaria

Re: Cirse Astro 8mm

Messaggio da Ilaria Nurchi » gio gen 16, 2020 1:07 pm

Per favore, ho trovato un proiettore identico al suo Astro cirse nella soffitta di mia nonna. Per caso mi può aiutare a metterlo a posto l’ho acceso e girava poi si è fermato.
Ci sino rimasta veramente male.

Saluti ilaria Nurchi

Rispondi