Progetto 35mm "James"

Rimessa in funzione delle "Vecchie Signore"
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun apr 13, 2020 1:29 pm

Non so quante persone interessate al 35mm seguano ancora questo forum ma ho pensato di raccontare qui un progetto che va avanti da diversi anni.

Intorno al 2012-2015 mi resi conto che i proiettori 35mm sparivano velocemente e che dopo 10-15 anni per me sarebbe stato solo una questione di ricordi, senza la possibilita' di vedere - o mostrare - il 35mm da nessuna parte.

Durante la mia attivita' lavorativa ho prima salvato dal ferrovecchio una testa di un Victoria 5 - senza lanterna ne' piedistallo perche' erano enormi e inutilizzabili per me.

Un giorno mi sono trovato davanti due macchine un po' uniche nel suo genere: due vecchi Kinoton FP20 (marchiato Philips) alimentati interamente da 220V monofase. Anche le lampade - Xenon 500W - alloggiavano in piccolissime lanterne che non necessitavano di estrazione di aria. I piccoli raddrizzatori, montato a "zainetto" sul piedistallo, viaggiavano a 220V monofase pure lui.
IMG_20200410_173746.jpg
IMG_20200410_173746.jpg (67.56 KiB) Visto 626 volte
IMG_20200404_183130.jpg
IMG_20200404_183130.jpg (65.73 KiB) Visto 626 volte
IMG_9430.JPEG
IMG_9430.JPEG (185.72 KiB) Visto 626 volte
(avevo una foto della cabina che ora non riesco a trovare...)

Una di queste due macchine veniva rimossa per l'installazione di un piccolo Christie digitale.

Ho pensato che quella fosse una occasione irripetibile per portarsi a casa una macchina "compatta" che potesse viaggiare con il 220V di casa. Trovato un accordo con il proiezionista, ho conservato quella macchina in un involucro di plastica per vari anni.

'Grazie' al lockdown, ho avuto tempo di mettere a posto il garage e ho pensato di rimuovere il telo di plastica e rimontare la macchina che a suo tempo avevo disassemblato un po' per rendere il trasporto piu' agevole.

Dopo qualche giorno di ispezione e collegamenti e dopo aver sbloccato la serranda che purtroppo si era un po' arrugginita sono riuscito a proiettare il primo trailer dopo tanti anni di inattivita'!

SAVE_20200413_122541.jpg
SAVE_20200413_122541.jpg (55.14 KiB) Visto 626 volte

Ecco una delle prime proiezioni! Il rumore orribile di fondo e' uno dei rocchetti che devo provare a sistemare - la roba Kinoton non e' di immediata manutenzione con i Cinemeccanica :)



Un fatto molto curioso di questa macchina e' che era installata a Londra nella casa di produzione di James Bond - da qui il nome del proiettore "James". Era installato nella saletta privata della storica famiglia produttrice della serie e sono certo che avra' proiettato per Sean Connery e Roger Moore!!

Negli anni ho potuto collezionare vari processori audio quindi al momento e' collegato ad un CP650 con una cassa collegata all'uscita HI (Hearing Impaired).

Nella mia collezione c'e' anche un processore Sony SDDS e visto il lockdown ho improvvisato una bella staffa di legno (!) e con sorpresa non ho avuto problemi a riprodurre un paio di trailer con traccia SDDS che ho trovato nella mia scatola di trailer!
Ammetto di aver impiegato un po' di tempo per trovare il cavo seriale giusto e, soprattutto, per capire che il software di setup per il processore SDDS gira al massimo su Windows 7 32 bit - non gira sulla versione 64bit! Qui sotto vedete lo status di lettura delle due tracce SDDS di un trailer.
IMG_9508.JPG
IMG_9508.JPG (173.65 KiB) Visto 626 volte


IMG_20200412_122851.jpg
IMG_20200412_122851.jpg (107.34 KiB) Visto 626 volte
E' bello tornare a smanettare con teste sonore, allineamenti, rulli che ti lasciano le mani nere (devo ancora pulire tutto) senza contare il dover riavvolgere tutto ad ogni passaggio!

Un giorno spero di avere un posto fisso per la macchina - una piccola cabina di proiezione dove poter immergermi nei ricordi e proiettare qualche trailer o qualche rullo di film. Per adesso faccio delle prove.

Il prossimo passo e' appunto pulire tutto e progettare una staffa di ferro che possa accogliere la testa DTS, SDDS e anche una CAT701.

Ho anche ordinato delle resistenze da 1W in quanto la testa di lettura SRD leggeva un valore di ampiezza video molto elevato, clippando il segnale dati in uscita: e' emerso che quella combinazione di schede e obiettivi per SRD richiede una modifica all'alimentatore per ridurre la luminosita'. Resto basito perche' era tutto regolarmente in funzione quando il proiettore e' stato rimosso.



Nella prima foto vedete il segnale in arrivo dalla cella come l'ho trovato. Notate che il livello video e' di circa 5.5V e il segnale e' tutto clippato in alto (questo e' il segnale letto dalla cellula SRD, non il segnale audio che viene estrapolato dopo)
InkedIMG_9487_LI.jpg
InkedIMG_9487_LI.jpg (364.24 KiB) Visto 626 volte

Dopo qualche regolazione sono riuscito ad evitare il clip del segnale anche se il livello video e' circa 5V - devo appunto cambiare delle resistenze sull'alimentatore dei LED.
IMG_9490.JPEG
IMG_9490.JPEG (367.22 KiB) Visto 626 volte


E qui la lettura vista dal software di controllo WinDRAS
IMG_9491.JPEG
IMG_9491.JPEG (383.5 KiB) Visto 626 volte
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » lun apr 13, 2020 8:17 pm

Che meraviglia Antonio!!!
Macchina stupenda. Sono felice tu sia riuscito a dedicarti a lei! E che storia dietro al proiettore, affascinante!
Complimenti per la competenza, la srtrumentazione e la capacità...da neofita sono ammirato. A fine lockdown se vuoi fare un giretto tra le valli torinesi c'è del lavoro da fare...avrei proprio bisogno di una mano :kcs: :hahaha:
Non sapevo si potessero postare video...come hai fatto?!? In serata provo a youtubare e linkare così vi mando qualcosina anch'io.
Sempre bello vedere tornare alla luce i proiettori!!! Per ora ho il mio bel da fare con il mio ma giunto alla fine vi dirò che se ne vedessi buttare via un'altro lo prenderei. È un'emozione rivederli tornare in funzione. Sono sicuro che sarebbero un patrimonio perduto che alla lunga qualcuno avrà piacere di riutilizzare.
W i salvatori di cinema antico!!!
Buona serata!

Francesco

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun apr 13, 2020 9:24 pm

Per i video, utilizza il tag "youtube" che trovi nella barra degli strumenti dell'editor completo. Assicurati di copiare solamente il codice del filmato, cioe' cio' che compare dopo il simbolo "="

Ti ringrazio. E' un bel passatempo e a volte mi domando chi me lo fa fare visto che sono tecnologie morte e sepolte!

I software di controllo per i processori sono liberi per tutti (almeno adesso) e un oscilloscopio e' purtroppo fondamentale per la taratura delle celle. ma te per ora concentrati su quel cavo di collegamento :)
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » lun apr 13, 2020 10:05 pm

D A N N A T O C A V O ! ! ! :arg:

Avatar utente
Elia Orselli
Moderatore da Baskerville
Messaggi: 1036
Iscritto il: dom nov 18, 2007 9:31 am
Località: Imola, Bologna
Contatta:

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Elia Orselli » mar apr 14, 2020 11:17 am

Certo che questa sembra essere una discussione più da Restauro e Ripristino...
Elia

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » mar apr 14, 2020 1:12 pm

Sai che hai ragione. Devo auto-segnalarmi? Mi auto-banno? :)
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Elia Orselli
Moderatore da Baskerville
Messaggi: 1036
Iscritto il: dom nov 18, 2007 9:31 am
Località: Imola, Bologna
Contatta:

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Elia Orselli » mar apr 14, 2020 4:24 pm

Per questa volta provvedo io a correggere, ma che non succeda più. ;)
Elia

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer apr 15, 2020 1:42 am

Ho trovato le foto della installazione originale! Questo (dietro il Christie) e' il fratello gemello che rimase in uso per qualche altro anno finche' anche lui non venne dismesso - riuscii a recuperare qualche ricambio: una seconda lanterna, i pattini, il lettore audio. Il resto, purtroppo, ferrovecchio.

Quello che ho io era dove si trova adesso il Christie.

(scopro adesso che si possono trascinare le foto per allegarle! Ma e' fantastico!!! :D )
Allegati
IMG_2077.JPG
IMG_2077.JPG (277.23 KiB) Visto 547 volte
IMG_2079.JPG
IMG_2079.JPG (165.34 KiB) Visto 547 volte
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » ven apr 24, 2020 1:04 pm

I lavori procedono.

Durante le mie prove mi sono reso conto che il proiettore era piuttosto sporco. Avendo una quantita' limitata di pellicole, non volevo causare danni evitabili e cosi' ho tirato fuori il petrolio bianco e il pennello e ho cominciato a smontare tutto, come ai vecchi tempi!

C'e' una cosa che non rimpiango del 35mm: le mani sporche a fine giornata! :)
IMG_9545.JPEG
IMG_9545.JPEG (264.41 KiB) Visto 469 volte
Ho rimosso e pulito praticamente tutto e gia' che c'ero ho sostituito tutti i cuscinetti a sfera di facile accesso. L'alberino del rocchetto superiore purtroppo era bloccato da un segno lasciato dalla vite di serraggio sul metallo: ho comprato un estrattore ma sono riuscito a fare lo stesso con un estrattore casalingo mentre mi veniva consegnato! L'albero e il rocchetto sono stati sistemati a dovere.

Ecco il mio estrattore autocostruito - ha funzionato bene!
IMG_20200418_133926.jpg
IMG_20200418_133926.jpg (73.13 KiB) Visto 469 volte
Il segno lasciato dalla vte di serraggio del rocchetto: ho impiegato diverse ore prima di riuscire ad estrarlo.
IMG_20200418_160414.jpg
IMG_20200418_160414.jpg (62.63 KiB) Visto 469 volte
Altre tecniche casalinghe per la rimozione di cuscinetti impiegavano bulloni, rondelle e - non so come si chiamano in italiano, le chiavi "a tazza" forse?
IMG_20200422_174740.jpg
IMG_20200422_174740.jpg (70.45 KiB) Visto 469 volte
IMG_9596.JPEG
IMG_9596.JPEG (219.75 KiB) Visto 469 volte
IMG_9649.JPEG
IMG_9649.JPEG (225.93 KiB) Visto 469 volte

Devo riconoscere che a Kinoton piaceva fare le cose molto complesse: ci sono vari design su questo proiettore che mi lasciano perplesso dalla loro apparentemente inutile complessita'. Adesso vedo molto bene la semplicita' di manutenzione di un Cinemeccanica rispetto a questo Kinoton.

Per fare un esempio, i rocchetti hanno un sistema di anti-avvolgimento pellicola - come anche i Cinemeccanica del resto. ma se su un cinemeccanica questo e' una semplice lamierina che non interferisce con la rimozione del rocchetto per pulizia/sostituzione, su un Kinoton il rocchetto e' inserito nello stampo di tutto il supporto. Ergo per rimuovere il rocchetto serve rimuovere il perno - quindi allentare tutto il pezzo, rimuovere la catena ecc. (detto questo mi dicono che su modelli piu' moderni Kinoton ha cambiato il design).

Ecco come il rocchetto si inserisce nel resto del proiettore:
08EEC964-0BD6-4763-A691-6D033192BF08.jpg
08EEC964-0BD6-4763-A691-6D033192BF08.jpg (233.81 KiB) Visto 469 volte
Il rocchetto stesso non e' un pezzo di metallo: e' un cilindro di metallo pieno con avvitati sopra due dischi dentati. Il problema e' che se allenti questi dischi poi nel rimontarli serve uno strumento di allineamento speciale in quanto i dischi hanno del gioco. Indubbiamente trasportare dei dischetti di ricambio con se' e' piu' semplice che trasportare dei rocchetti pieni ma mi pare un design inutilmente complesso.
IMG_20200419_183856.jpg
IMG_20200419_183856.jpg (91 KiB) Visto 469 volte

Ho capito che il rumore prodotto dal rocchetto inferiore e' causato da un danno sui dentini che forse potrei aver risolto con della carta vetrata molto fina - non ho ancora provato. Ma i denti sono consumati e sto cercando dei ricambi. Avrei dovuto pensarci prima.
rocchetto.jpeg
rocchetto.jpeg (181.2 KiB) Visto 469 volte

Ormai che avevo le mani sporche ho dato una pulita anche al retro e ho lavato e lubrificato le catene. Sul pignone dell'otturatore ho applicato del grasso grafitato.
IMG_20200421_155809.jpg
IMG_20200421_155809.jpg (109.81 KiB) Visto 469 volte

L'alberino superiore, piegato, e' di materiale talmente morbido che e' stato semplice raddrizzarlo senza grossi problemi.

Una volta rimontati i componenti principali ho fatto ripartire il motore - a brevi intervalli! Il mio timore era che qualcosa grippasse e che improvvisamente tutti quegli ingranaggi in fibra andassero in pezzi! Sembra tutto ok. Ho terminato il montaggio ed e' tutto a posto! Ho anche scoperto di aver portato dall'Italia nel 2009 il mio rullo di prova di "10.000AC", che usavo come test per il suono!




Non si vede molto dalle foto ma vi assicuro che e' tutto MOLTO piu' pulito!


I prossimi passi sono

1. Modificare la scheda di alimentazione dei LED del suono per ridurre la luminosita' in quanto ho eccessivo segnale sia digitale che analogico. Ho scoperto di avere una scheda SRD "ultima generazione" ma le vecchie lenti e non e' chiaro se la modifica che ho trovato andra' bene ma posso provare.

2. Installare un inverter che avevo recuperato da un FP30. Il mio motore e' monofase "speciale" (con una fase di accelerazione?) ma ho trovato su un forum tedesco una persona che ha fatto il collegamento e mi assicura che puo' funzionare.

3. Installare la mia Cat. 701 sopra la testa SDDS

4. Installare la testa DTS. (per questi ultimi due punti mi piacerebbe disegnare una staffa metallica che possa accogliere le tre teste con un look piu' professionale!
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab apr 25, 2020 1:21 am

Il punto numero 1 e' fatto e adesso posso finalmente raggiungere il livello video digitale richiesto!

Questo e' quanto ho trovato senza toccare niente: il livello clippa in modo feroce (la scala era 2V, tutte le altre figure sono 1V per divisione)
IMG_9487.JPEG
IMG_9487.JPEG (298.22 KiB) Visto 441 volte


Qui era facendo alcune regolazioni. Il livello non clippa piu' e l'SRD funziona ma siamo comunque fuori specifiche che richiedono un livello video di 4V p-p
IMG_9490.JPEG
IMG_9490.JPEG (367.22 KiB) Visto 441 volte


Qui dopo la modifica all'alimentatore - che praticamente abbassa la luminosita' dei LED
IMG_20200424_205439.jpg
IMG_20200424_205439.jpg (70.15 KiB) Visto 441 volte
Allegati
IMG_20200424_144912.jpg
IMG_20200424_144912.jpg (92.75 KiB) Visto 441 volte
IMG_20200424_153745.jpg
IMG_20200424_153745.jpg (140.04 KiB) Visto 441 volte
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Fbrighi
Digital Cinema Mastering Engineer
Messaggi: 837
Iscritto il: dom apr 17, 2005 7:42 pm
Località: Friuli-Venezia Giulia

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Fbrighi » sab apr 25, 2020 11:12 am

Bellissimo lavoro Antonio...mi sale la nostalgia debbo dire. Quando c'erano ancora queste bellissime macchine, operatori e addetti avevano la possibilità di spaziare le conoscenze tra meccanica, elettronica financo fai da te ... ora invece siamo in un certo senso più asettici. Infatti molte volte mi sorge un senso di "freddezza" che un tempo non c'era.

Ad ogni modo, riguardo il discorso design del kinoton, ritengo sia un tipo di approccio proprio della progettazione meccanica tedesca, non limitato ai soli proiettori ma in pratica a tutto. I tenutonici privilegiano soluzioni complicate, forse anche più eleganti, ma costose e difficili da manutenere...sulla meccanica grande è un classico. Hanno cominciato a cambiare di recente quando hanno capito che i costi lievitavano e i loro prodotti andavano fuori mercato, considerato oramai che i ragionamenti "pago di più per qualcosa che pesa di più" non esistono. Oramai vale il "pago meno possibile e se si guasta lo cambio".

Cinemeccanica invece rispecchia bene l'arte costruttiva italica, più orientata all'essenziale e al pratico.

FKB
FKB

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab apr 25, 2020 12:08 pm

Alcune soluzioni Kinoton sono eccellenti a mio avviso - vedi il pattino per esempio: in teflon, curvo, che io sappia era delicatissimo sulla pellicola. Certo andava cambiato piu' spesso ma mi pare un piccolo prezzo da pagare.
Altre soluzioni invece le trovo inutilmente complesse come appunto il rocchetto smontabile e rimuovibile solo smontando roba da dietro.

"Con il senno di poi" il V5 era un'ottima macchina - non per nulla molto diffusa in Europa e nel Mondo. Peccato per alcuni dettagli che avrebbero potuto essere migliorati con poco.

Sul discorso proiezionisti mi rammarico di avere un punto di vista meno entusiasta del tuo. Ho iniziato a lavorare nei cinema nel 1999 - sono 21 anni ormai (aiuto!). In tutti questi anni ho incontrato pochissime realta' dove il proiezionista si interessava ai proiettori se non oltre il minimo indispensabile per caricare la pellicola e premere "avanti". Quelle realta' di cui parli in teoria si sono - almeno in parte - trasferite nel D-Cinema: quest'ultimo avrebbe possibilita' di configurazione e flessibilita' pressoche' illimitate eppure continui a vedere in giro gente che non ha la piu' vaga idea di come funzioni una rete, che per far partire la proiezione devono salire 3 rampe di scale perche' non sanno come far girare il software di controllo su un portatile.
Io penso che non sia tanto un problema di tecnologia "asettica" quanto un problema di mentalita' che sopravvive tutte le tecnologie! :)

Ad ogni modo grazie per il commento! E' stato divertente anche se ora comincio a domandarmi cosa ci faccio con questo coso! :)
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » sab apr 25, 2020 2:47 pm

Antonio!!! Che meraviglia di lavoro e di macchina!!! Complimenti. Non posso lontanamente competere con il tuo knoh-how. Mi piacerebbe tanto saperne di più e imparare e l'esperienza di recupero devo dire che mi ha insegnato parecchie cose.
Questo tuo post mi è stato utilissimo per capire che la luminosità del led può essere modificata. Finalmente facenndo la somma tra la tua discussione e il manuale ho capito a che serve il trimmer dietro all'alimentatore della cellula. Anche il mio tendeva a clippare e adesso ho capito il perchè. Era al massimo della luminosità. Non ho un oscilloscopio e comunque non saprei usarlo ma andrò a orchhio abbassandola finchè il problema cesserà mediando tra processore e led!
Sono d'accordo sia con te che con Fbrighi. Digitale/analogico, due mondi, due epoche, tecnologia e evoluzione. Mi piacciono tutti e due nelle loro diversità e continuo (e speriamo si potrà tornare presto) ad andare al cinema anche se il fascino che su di me esercita e lo ha sempre fatto sin da bambino quando la padrona del cinema di zona mi permetteva di visitare la cabina e accendere il proiettore 35mm sotto la guida del paziente operatore non ha prezzo! Vedere e sentire la meccanica girare non so perchè mi ha sempre stimolato la fantasia e l'ingegno e avere in casa una di quelle macchine mi conforta, mi piace pensare di aver salvato un pezzetto importante del mio e del collettivo passato di tante persone. Un'idea romantica e nostalgica, sicuramente. Ma la bellezza del design di quelle macchine (erano proprio belle!!!), il pensiero tecnologico e la meccanica applicata all'elettricità ha qualcosa che trascende la qualità che un proiettore digitale può restituirmi. Sarà che non mi sono mai appassionato all'informatica perchè "non vedo cosa succede a occhio nudo" per quanto sia splendida e ci permetta di fare cose come scrivere su questo forum e sia assolutamente il presente e futuro ed è gustissimo sia così!
Beh Antonio, con quel "coso" ti vedi un sacco di belle "cose", ti salvi dalla noia del lockdown e ti godi il "CCCRRRRRRRRR" della pellicola che scorre tra i rocchetti (la cosa che mi manca più oggi nell'andare al cinema)!!! E secondo me...come è successo per la Vespa, la 500, i vinili e i pantaloni a zampa..quel "coso" potrebbe tornare interessante per qualcuno tra qualche anno. Questo quello che mi piace pensare.
Buona festa e un abbraccio a tutti!!!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab apr 25, 2020 3:50 pm

Ho idea che tu stia fraintendendo il discorso del clip. Il Cp55 non ha segnali di clip - quello che vedevi era probabilmente la spia rossa sulla 222 che e' piu' che normale che si accenda. Per regolare quel livello ti serve una cat 69T (T=Tone), la proietti a "loop" e il processore deve segnare le due spie verdi contemporaneamente accese su entrambi i canali. Il trimmer sull'alimentatore in effetti regola la luminosita' del LED. Il goal e' quello che tenere il LED il piu' basso possibile: regoli i livelli dei canali di ingresso nel 55 quasi al massimo e poi abbassi il LED finche' piu' o meno i due led verdi sono accesi. Poi fai le regolazioni fini dal 55. Ma durante la proiezione di materiale normale l'accensione dei led rossi e' normalissima.

Con il Digitale invece la regolazione e' interamente via LED - anche se le schede hanno un jumper che permette di settare un guadagno 1x o 2x (di norma settato su 2x in modo che il LED lavori meno e duri di piu' :) )

Un oscilloscopio e analizzatore di spettro (ma anche solo un analizzatore di spettro volendo) sono necessari per la taratura della cella analogica. Nel tuo caso, anche dando per scontato che la taratura meccanica sia a posto, dovrai regolare lo "slit loss" (l'equalizzazione delle alte frequenze sulla cellula) per il tuo proiettore in quanto quel processore arriva da un altro cinema.

Per l'SRD direi che un oscilloscopio sia necessario. Detto questo se la testa non e' proprio completamente fuori regolazione un computer collegato al processore e il software DRAS potrebbero essere un buon punto di partenza.

Ma a te sconsiglio di mettere mano per il momento. Se funziona, bene! :)

Il motivo per cui ho la mia piccola collezione e' in effetti per conservare qualcosa che tra 10-20 anni sara' quasi interamente dimenticato. Per poter mostrare ad amici e famiglia "come funzionava al cinema". Non sono un appassionato collezionista di pellicole. Anche avendo film interi non sono sicuro se varebbe la pena guardarli in 35mm dal momento che in Blu Ray si vedrebbero e sentirebbero meglio probabilmente! :)
Se un giorno avessi una casa piu' grande mi piacerebbe avere una piccola cabina di proiezione e magari proiettare qualche trailer ogni tanto.

Per il resto, non ci "vedo un sacco di cose" in quanto avendo una collezione limitata di pellicole non voglio "usarle" tutte subito: una volta usurate o rovinate non sono piu' reperibili. Ecco perche' ho pensato di pulire bene la macchina prima di continuare: non volevo danneggiare le poche pellicole in mio possesso!

Grazie per il commento! Te come procede con il V8?
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » sab apr 25, 2020 5:25 pm

Io bene! I lavori procedono e sono riuscito a ripristinare un interruttore sulla plancia di comando per cui adesso lampada (nel mio caso "lampadina"), ventolina di raffreddamento e aspiratore si accendono assieme e l'aspiratore è temporizzato oltre lo spegnimento luce. Pensavo addirittura di scollegarlo perchè è più che sufficiente la ventolina. La lampadina scalda davvero poco, l'aria in uscita è fresca così come il quadro. Davvero per me la scelta della fontre luminosa è stata azzeccatissima. Ottima luminosità e ottimo rapporto Consumi/Costo/Manutenzione.
Mi stavo giusto dedicando all'audio quando ho letto il tuo post che mi ha illuminato e ora ancor di più. Cercherò di ridurre al minimo il consumo del led così che possa avere vita lunghiiiisssiiima. Non mi ero assolutamente accordo fosse settato sul massimo possibile. Adesso so come fare!
Sono contento che tanti come me possano in questo periodo dedicarsi alla cura delle "vecchie signore" e per loro e per noi. È un'ottima terapia e il tempo vola!!!
A presto!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab apr 25, 2020 5:44 pm

Occhio che specialmente sui modelli più vecchi - generalmente caratterizzati dagli alimentatori ‘neri’ era abbastanza normale stare alti con il potenziometro - specialmente in digitale capitava spesso di non riuscire più a raggiungere il segnale voluto anche con il trimmer al massimo.

Successivamente sono uscite schede molto più sensibili e ottiche audio molto più luminose e il problema si è ridotto molto.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » sab apr 25, 2020 8:40 pm

Grazie per le dritte! Il trasformatore è grigio. Non so neppure se sia il suo originale. L'audio è pompatissimo. Con il volume a 2,5 sembra che crolli la casa. Avendo solo l'analogico credo che un'abbassatina della luminosità non potrà che far bene.
Vi riaggiorno dal mio post tra un paio di giorni...ho nuove domande per voi!
Buona serata!!!!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab apr 25, 2020 9:13 pm

Non casca il mondo ma... non si fa cosi'! :)

Il livello della cella non va usato per regolare il volume "in sala" assolutamente. Se il livello della cella non e' corretto la riduzione del rumore viene applicata in modo scorretto.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

FrancescoV
Utente 8mm
Messaggi: 101
Iscritto il: ven set 13, 2019 2:44 pm

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da FrancescoV » dom apr 26, 2020 11:45 am

Chiarissimo. Per ora ho tarato nel modo scorretto. Appena ci liberano forse so a chi chiedere per farlo con i giusti parametri e le giuste attrezzature...provvederò.
Buona domenica!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24234
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Progetto 35mm "James"

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab mag 16, 2020 1:52 pm

E' tanto che non scrivo ed ora non ricordo cosa ho fatto! E' stato un periodo molto attivo e proficuo. Faro' una lista.

1. La testa DTS e' installata e funziona. Purtroppo il mio lettore XD10 mi e' morto tra le braccia! Non si avvia piu'. Il guasto "per fortuna" e' nella scheda madre, una comune ASUS dell'epoca. Sembra che vi sia un problema sull'alimentazione della CPU e ci sto lavorando - questo in effetti sta richiedendo molto tempo.
IMG_20200426_233142.jpg
IMG_20200426_233142.jpg (241.99 KiB) Visto 256 volte
F602994E-DE27-4D64-8908-A125D6964EB4.jpg
F602994E-DE27-4D64-8908-A125D6964EB4.jpg (403.5 KiB) Visto 256 volte

Regolazione dei "4V" sulla testa DTS.
IMG_9789.JPEG
IMG_9789.JPEG (155.84 KiB) Visto 256 volte
IMG_9792.JPEG
IMG_9792.JPEG (211.41 KiB) Visto 256 volte

Nel mentre ho comprato una vecchia scheda madre "equivalente" (stesso chipset ma marca diversa) che, contrariamente a quello che dicono su certi forum oltreoceano, funziona perfettamente con il DTS. La differenza tra DTS e la concorrenza in questo caso e' che il DTS e' un comune PC con schede aggiuntive proprietarie. Il DTS XD-10 ha sopra Linux e collegando un monitor e' possibile vedere l'avvio del sistema operativo.
IMG_20200506_182738.jpg
IMG_20200506_182738.jpg (74.94 KiB) Visto 256 volte

Purtroppo anche questa scheda sentiva il segno del tempo e ho dovuto sostituire diversi condensatori e rifare diverse saldature. Ma adesso funziona ok.

I condensatori da sostituire sulla scheda di ricambio
IMG_20200507_184209.jpg
IMG_20200507_184209.jpg (81.07 KiB) Visto 256 volte
IMG_9857.JPEG
IMG_9857.JPEG (169.39 KiB) Visto 256 volte

Anche il vecchio DTS-6 "Jurassic Park" (nel senso che e' del 1993 con i vecchi CDROM con i "caddy") ha richiesto intervento: la batteria ha perso acido e stava devastando tutto cio' che aveva intorno. Per fortuna me ne sono accorto in tempo e ho potuto rimuoverla prima che causasse danni eccessivi. Ho ordinato un portabatteria per una classica CR2032, la vecchia scheda 386 ha un connettore per una batteria esterna!
IMG_20200514_181152.jpg
IMG_20200514_181152.jpg (93.98 KiB) Visto 256 volte
IMG_20200514_181147.jpg
IMG_20200514_181147.jpg (93.8 KiB) Visto 256 volte

E' proprio una scheda madre "Jurassic Park"!
IMG_20200514_181311.jpg
IMG_20200514_181311.jpg (184.62 KiB) Visto 256 volte
2. Ho montato la mia Cat 701 che in effetti e' in ottime condizioni.
3. Ho montato sopra la Cat 701 le altre mie teste che avevo da una parte da molti anni. Quelle hanno richiesto molta manutenzione e pulizia e qualcuna onestamente non e' in ottime condizioni. Ma funzionano tutte senza problemi - specialmente ora che sono "sistemate" per quanto possibile.

4. Ho trovato un gentiluomo in Austria che mi ha venduto un po' di ricambi per il proiettore!! Ho quindi potuto sostituire i feltri delle frizioni, l'albero del rocchetto superiore e i rocchetti dentati che facevano un chiasso colossale. Adesso i rulli della testa SDDS non oscillano come prima - per colpa dell'alberino piegato - e i rocchetti dentati hanno smesso di fare baccano!

Tuttavia rimango con un problema sui dischi di cercamica che tenevano la pellicola in posizione lateralmente: dovrebbero girare lentamente ma non lo fanno per via di eccessiva usura dei piccoli supporti metallici che li tengono in posizione. I ricambi ricevuti purtroppo sono ugualmente usurati.
IMG_9927.JPEG
IMG_9927.JPEG (216.91 KiB) Visto 256 volte

5. Sto installando un rele' temporizzato per temporizzare la ventola della lanterna in modo che rimanga accesa per qualche minuto dopo un'accensione e poi si spenga. Al momento e' sempre accesa.

6. Ho cablato i LED del suono attraverso il rele' principale del motore. In questo modo i LED si accendono solo quando gira il motore. Per fare cio' ho dovuto smontare e pulire il contattore perche' alcuni contatti erano ossidati e non funzionavano piu'
IMG_9827.JPEG
IMG_9827.JPEG (399.18 KiB) Visto 256 volte

7. Ho cablato sia il CP650 che il DTS in modo che entrino entrambi nel decoder SDDS. Questo unicamente perche' l'SDDS ha due ingressi "6channel" e quindi da una unita' posso selezionare con un pulsante tra SDDS, Dolby e DTS.
IMG_20200426_231744.jpg
IMG_20200426_231744.jpg (202.73 KiB) Visto 256 volte
IMG_9801.JPEG
IMG_9801.JPEG (239.13 KiB) Visto 256 volte
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Rispondi