DOLBY CP 65

Forum tecnico di carattere generale
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » ven set 13, 2002 10:50 am

Electrovoice: Tanta roba! Sono le mie preferite anche se ultimamente le Outline hanno scalfito la pole!

Le electrovoice le monta Arcadia, secondo me sono molto piu' brillanti delle JBL, peraltro ottime. Perche' tra amplificatori outline, casse electrovice... ti ritrovi i surround RCF? <img src=icon_smile_wink.gif border=0 align=middle>

Anche il subwoofer e' Electrovoice? Sai mica il modello?

(Puoi scrivermi in e.mail per favore, vorrei chiederti una cosa in privato ma hai occultato il tuo indirizzo e.mail!)

Ciao!


Antonio Marcheselli
Firenze

sciutoste
Messaggi: 49
Iscritto il: lun set 09, 2002 1:52 pm
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da sciutoste » ven set 13, 2002 12:27 pm

Stasera controllo meglio.. mi pare che tutto il fronte anteriore sia ELETTROVOICE. Purtroppo la memoria fà acqua da tutte le parti..
Non riesco a spedirti E-MAIL in privato... comunque il mio indirizzo è: HOPE376@YAHOO.IT
Grazie...

sciutoste
Messaggi: 49
Iscritto il: lun set 09, 2002 1:52 pm
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da sciutoste » lun set 23, 2002 9:14 am

Mi scuso per nn averti risposto prima ma, causa influenza, sono ritornato oggi...
Il fronte anteriore è composto da n. 3 casse ELECTROVOICE mod. XEQ-504 A.
Qualcuno mi sà dire qualcosa a proposito di queste casse?
Il sub non ha nessun marchio o targhetta identificativa,presumo sia ELECTROVOICE, ma non ne sono sicuro..
Alla prossima...

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun set 23, 2002 4:18 pm

hope

il XEQ-504 A e' un crossover dedicato alle EV e sostituisce il pannello delle connessioni, per questo non hai trovato il modello della cassa. Non saprei se tale crossover sia applicabile a tutte le EV o solo al modello TL606DW dove ho trovato tale crossover.
Comunque sia le EV sono delle casse eccellenti. Se si tratta dei TL606DW (ha uno o due woofer?) e' una cassa da 800W, circa 97dB di sensibilita'. Che amplificatore lo pilota? Quanto e' lunga la tua sala?

Facci sapere se c'e' qualche altra scritta su quelle casse!

Ciao


Antonio Marcheselli
Firenze

Cinemascope
Messaggi: 7
Iscritto il: lun set 23, 2002 9:27 pm

DOLBY CP 65

Messaggio da Cinemascope » lun set 23, 2002 9:41 pm

ciao a tutti sono un nuovo iscritto.

come dice "gio" i 2 led verdi devono essere equamente accesi. Può capitare che con il codino non si riesca a rendere omogenea la luce dei due led, in quel caso meglio usare l'oscilloscopio.
Per l'amico che ha aperto la discussione, il CP 65 è un buonissimo processore (con il sistema step a diodi sono andati sulla luna), se vuoi migliorare la qualità audio senza prendere la digitale (che costa una cifra per il CP65), fatti cambiare la lettura audio con quella A led e ti garantisco che ne esce un ottimo lavoro.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun set 23, 2002 10:10 pm

Ciao Cinemascope

Non sapevo che il livello dolby si potesse verificare anche con l'oscilloscopio. Cosa intendi per "sistema step a diodi"?
A proposito di lettura LED: per quanto tempo ancora le pellicole saranno compatibili con le lampade ad eccitazione?

Ciao!


Antonio Marcheselli
Firenze

Cinemascope
Messaggi: 7
Iscritto il: lun set 23, 2002 9:27 pm

DOLBY CP 65

Messaggio da Cinemascope » mar set 24, 2002 1:11 pm

ciao Antonio,

xquanto riguarda il dolby tone dicevo che se non si riesce ad ottimizzarlo sicuramente c'è da ritarare le fotocellule.
Per le lampade eccitatrici credo che si vada avanti ancora un bel po' (almeno fin che c'è la pellicola) e poi hanno: buona durata e un costo modesto.
Per quanto riguarda il programmatore, intendo il modello in voga negli anni 80 prima del Vector. E' composto da una griglia con dei fori dove crei come un mosaico, inserendo i diodi, i passi che le macchine devono fare (FP1,FP2,mezza luce ecc..)

ciao

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » mar set 24, 2002 7:06 pm

Cinemascope,

Allora diciamo: il dolby tone e' una cosa, l' A-Chain e' un'altra! Il dolby tone regola il livello della cellula, con l'oscilloscopio si regola fisicamente la posizione della testa analogica e rispettivo led (A-Chain).

Diodi. Ah! Pensavo che ti stessi riferendo a qualcosa riguardo il Cp65! Ho presente il meccanismo.

Ciao!


Antonio Marcheselli
Firenze

giorgio
Utente 35mm
Messaggi: 293
Iscritto il: mer set 25, 2002 12:13 am
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da giorgio » mer set 25, 2002 2:40 am


Vuoi che ti dica un'altra cosa? sai dove vanno a sfogarsi i gas raffreddamento delle lampade dei fedi? NELLA CABINA!!!! risultato? temperatura tropicale anche il 20 di gennaio!!!
COSA COSA COSA?????
FATTI IMMEDIATAMENTE INSTALLARE UN ESTRATTORE CHE PORTI I GAS SVILUPPATI ALL'ESTERNO: LE LAMPADE XENON SVILUPPANO UN QUANTITATIVO DI OZONO CHE SE INSPIRATO A LUNGO ANDARE PuO PORTARE ALLA STERILITA'!!!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer set 25, 2002 6:57 pm

Ciao Giorgio, benvenuto.

Certamente non e' troppo salutare respirare l'aria di raffreddamento delle lampade. Ma le nuove lampade xenon non emettono quantita' eccessive di ozono, in pratica lo fanno solo nel momento dell'accensione, poi la quantita' e' minima o nulla.
Almeno questo e' quanto ho letto.

Ciao


Antonio Marcheselli
Firenze

sciutoste
Messaggi: 49
Iscritto il: lun set 09, 2002 1:52 pm
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da sciutoste » lun set 30, 2002 9:15 am

Ho controllato bene le casse Electrovoice. Non appare nulla oltre alla sigla XEQ-504A. il sub è un "grosso" cubone di circa 1 mt x 1 mt. senza alcuna indicazione di marche o modelli. Appena rientro prendo le misure esatte e la misura del sub...chissà che qualcuno l conosca..
Per quanto riguarda il problema di ventilazione della cabina, l'unico disagio avvertibile immediatamente è l'eccessiva temperatura..

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » mar ott 01, 2002 12:45 am

Da quel che ho capito il crossover sostituisce la targhetta della cassa.
Il sub dovrebbe averla pero'. Descrivici bene come e' fatto!!

Ciao


Antonio Marcheselli
Firenze

Avatar utente
Gio
Utente 35mm
Messaggi: 3560
Iscritto il: gio mag 30, 2002 6:16 pm
Località: Veneto
Contatta:

DOLBY CP 65

Messaggio da Gio » mar ott 01, 2002 3:17 pm

CIAOOO!

mi incuriosiva quella del raffreddamento in cabina... ho visto parecchie cabine senza estrazione diretta dell'aria delle lanterne ma avevano sempre e comunque un estrattore che espelleva l'aria all'esterno... come normativa non so come funziona ma concordo con Antonio che non ci sia pericolo (del resto l'aria in cabina è aria che è passata accanto all'ampolla di quarzo per raffreddarla no? Che temperatura ha?)

ah mi sovviene una domanda: le lampade allo xenon da 2000W a freddo, che pressione hanno?

CIAO CIAO

Giovanni

P.S. ho fatto una modifica perché ho trovato qualche errorino di grammatica... <img src=icon_smile_big.gif border=0 align=middle>

Modificato da - Gio il 02/10/2002 01:50:09

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer ott 02, 2002 8:59 am

xenon 2000: non lo so con esattezza ma... TANTA! Occhio a maneggiarle!

A me inizialmente nessuno lo aveva detto e le maneggiavo con tranquillita', le appoggiavo dove capitava (anni fa). Poi mi avvertirono del pericolo.
Un giorno, seguendo le istruzioni OSRAM, ne feci scoppiare una da buttare. Era chiusa nella sua custodia, nella sua scatola, in un sacchetto di plastica.
La feci cadere da un metro. Tiro' uno scoppio sordo numero uno. Quando riaprii la scatola mi accorsi che la protezione di plastica della lampada era scoppiata insieme alla lampada. Ma siamo matti, mi sono detto! Il giorno dopo comprai subito maschera e guanti!
Quindi: molta attenzione!

Ciao


Antonio Marcheselli
Firenze

sciutoste
Messaggi: 49
Iscritto il: lun set 09, 2002 1:52 pm
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da sciutoste » mer ott 02, 2002 9:36 am

Appena ho possibilità di poter andare dietro lo schermo ti faccio le misure esatte del sub e guardo se ci sono altre TARGHETTE, oltre a quelle del crossover..
Per quanto riguarda il discorso del problema di ventilazione in cabina.. ti posso dire che dopo 2/3 ore di proiezione, l'aria diventa MOLTO secca e sopratutto CALDA!!! L'unica possibilità di ricircolo è una finestra in fondo alla cabina che io, ovviamente, apro anche in pieno inverno...

stivmen
Utente 35mm
Messaggi: 1625
Iscritto il: gio mag 09, 2002 9:13 pm
Località: Lombardia

DOLBY CP 65

Messaggio da stivmen » mer ott 02, 2002 12:28 pm

senza spendere un capiatle tanto è solo aria calda che esce dalla lanterna puoi utilizzare i tubi in plastica (quelli che usano provvisori i muratori ci sono di vari diametri e ti consiglio di mettere un aspiratore alla fine del tubo prima che scarichi l'aria all'esterno
stefano

sciutoste
Messaggi: 49
Iscritto il: lun set 09, 2002 1:52 pm
Località: Italy

DOLBY CP 65

Messaggio da sciutoste » mer ott 02, 2002 4:02 pm

L'idea nn è male...se nn fosse per un piccolo particolare!
I ventilatori di raffreddamento della lanterna,sono stati montati a filo del soffitto, restano solo 4-5 dita per far uscire l'aria..nessuno spazio per eventuale tubo!! :-)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

DOLBY CP 65

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer ott 02, 2002 8:03 pm

Togli l'aspiratore, metti una curva di 90 gradi al suo posto. Prosegui fino alla finestra e installa gli aspiratori vicino alla finestra (o vicino al proiettore, a seconda che sia fatto per aspirare o per soffiare).

Ciao

Antonio Marcheselli
Firenze

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

DOLBY CP 65

Messaggio da GV » mar dic 31, 2002 10:59 pm

Hola a tutti,

dopo aver letto la lunga storia, anch'io voglio dire la mia.

Il CP-65 è un eccellente processatore.
Comparto l'opinione di chi preferisce la riproduzione analoga alla digitale. La qualità del suono è decisamente migliore, le tonalità sono piu gradevoli. Per arrivare al digitale manca lo stereo nel surround ed un poco di SW.
Per la regolazione della catena A (ovvero il tramo pellicola/processatore) e specificatamente il centraggio del lettore, suggerisco che si faccia con l'oscilloscopio e l'analizzatore di spettro in parallelo.
Infatti a volte si raggiunge un ottimo risultato con l'oscilloscopio, peró controllando poi con l'analizzatore si scoprono buchi in certe frequenze. Se non arrivano al processatore, questo non le potrá inventare!!
É necessaria l'equalizzazione, probabilmente la graduazione del surround é bassa e per questo non si apprezza. Attenti: i problemi che ho avuto con il 65 sono stati maggiormente con le schede Cat. 350, ed il problema si rifletteva sul surround!
Ad orecchio l'equalizzazione decisamente non si puó fare!
Non dimenticare che il surround dev'essere graduato sui 92dB invece dei 95 dello schermo.

Le casse EV sono eccellenti, peró gli esperti in cinema dicono che i migliori risultati si ottengono con musica in vivo, e non tutti i tipi di musica!!
La cinematografia moderna (98% effetti speciali) preferisce le casse JBL, le quali hanno una eccellente riproduzione dei bassi.
A proposito, qualcuno di voi lavora con Stage Accompany?
Conosco la marca per fama, e ho tutti i dati teorici, peró non ho mai avuto la possibilitá di metterci "l'orecchio"!!

Attenti con gli estrattori.
Antonio ha ragione, la salute non soffre dovuto ai 'gas' (la sigla OFR nel codice Osram significa appunto "libero da ozono").
Peró la lanterna e la lampada si soffrono per il calore. Non dimenticate che la mancanza di sfogo all'esterno obbliga il riciclaggio dell'aria, la quale si scalda sempre piú e puó portare la temperatura al disopra del valore accettabile. La lampada dovrebbe lavorare sempre in condizioni similari. Un impianto con scarico all'interno della cabina produce condizioni diverse dipendenti dalla temperatura propria ambientale e non del calore sviluppato dalla lampada.
Se la memoria non mi tradisce la pressione interna del gas xenon deve aggirarsi sulle 10 atmosfere.

Hasta pronto, muchachos!
Giorgio.

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

DOLBY CP 65

Messaggio da GV » mar dic 31, 2002 11:17 pm

Hola di nuovo,

mi sono dimenticato la parte del centraggio del proiettore.
Effettivamente il primo centraggio nella Fedi si fa meccanicamente con il "vitone".
Gia che non ha una finestrella "limabile" e i bordi orizzontali si muovono insieme, bisogna alzare/abbassare il proiettore affinché l'immagine risulti centrata.

Antonio, muovere l'obbiettivo dal suo asse ottico ha una finalitá differente da quella di centrare l'immagine.
Lo spostamento assiale é a volte necessario per correggere la deformazione "chiave di volta ottica" (keystone in inglese).
Per i proiettori con mascherina "limabile" (oggigiorno tutti sono cosí) io procedo nel seguente modo:
- Centro l'asse ottico con il raggio laser all'indietro, facendo il primo controllo con il centraggio in una mascherina originale, nuova, nella quale ho marcato il centro geometrico dell'immagine.
- Procedo al centraggio dello specchio e dei sopporti anteriore e posteriore della lampada.
- Giro il raggio e centro meccanicamente (con il "vitone") il proiettore con lo schermo.
- A questo punto con la lima si adatta la masherina al formato e allo schermo (io uso la pellicola della Schneider, la preferisco all'americana).

Mi sono incontrato con alcuni proiettori che avevano centrato operando sull'asse ottico dell'obbiettivo, ed il proiettore non era sull'asse dello schermo.
Il problema piu evidente era dovuto all'impossibilitá di mettere a fuoco tutta l'immagine, specialmente in formato scope.

Hasta luego,
Giorgio.

Rispondi