Mascherini

Forum tecnico di carattere generale
Rispondi
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Mascherini

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer mag 21, 2003 1:02 am

Ciao a tutti

Visto che con cinemadelcarbone si parlava di mascherini vorrei porre una domanda. Premesso che non ho mai fatto un mascherino, ho avuto modo recentemente di soffermarmi sull'immagine dell'RP40 e volevo sapere un po' di cose.

Qual'e' la procedura ottimale per realizzare i mascherini? L'immagine proiettata in verticale dovrebbe cadere esattamente sulle linee "anamorphic" e "1.85" "1.66" ecc.ecc?

Cosa deve succedere lateralmente? Ho visto che c'e' una freccetta con una cifra che delimita un bordo. E' quello il bordo massimo della proiezione? Esiste una "safe area" al di la' di tale bordo? Fermo restando che non è consigliato "sbordare" da tali bordi quanto è possibile sbordare senza incorrere in problemi (vedere cose che non devono essere viste tipo linee chiare, timecode DTS ecc. ecc.)?

Ciao!

Antonio

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

Mascherini

Messaggio da GV » gio mag 22, 2003 4:12 am

Hola a tutti,

la pellicola RP40 la considero un mezzo di controllo più che uno di costruzione. Io lo uso raramente, preferisco la pellicola della Schneider.

Considero altresí che esistono due categorie di mascherini, conseguenti alle condizioni preesistenti le quali non dipendono dal proiezionista o dal tecnico, bensí dal progetto originale.
Da questo dipendono infatti le corrette dimensioni dello schermo e la lunghezza focale degli obbiettivi.
Avremo quindi mascherini che si adattano correttamente all'immagine in funzione dello schermo, ed altri che non lo fanno.

Una volta allineato il proiettore con il Align-O-Tron nei due sensi, verso la parte posteriore e verso lo schermo, proietto la pellicola di controllo (RP40 o Schneider) in formato scope e mi fisso nelle dimensioni dell'immagine.
Per i nuovi progetti sempre scelgo la coppia obbiettivo/schermo in modo che l'immagine sia un poco piú grande dello schermo. Cerco di mantenere l'immagine persa al disotto dell'8%.
Se si da questa condizione (immagine leggermente piú grande dello schermo), tolgo la pellicola e limo il mascherino alla misura dello schermo.
Se non si da questa condizione, ovvero il progetto fu mal calcolato, possiamo avere due sole alternative: immagine molto piú grande dello schermo o piú piccola. Nel primo caso si limerá il mascherino alla misura dello schermo ed avremo una perdita d'immagine piú o meno grande; nel secondo mi fisso una riferenza nello schermo dei bordi (uno alla volta) e limo il mascherino senza pellicola, usandola per brevi tempi solo per controllare.
Una volta limato il formato scope passo al panoramico. Per i nuovi progetti cerco sempre di usare obbiettivi a focale variabile, anche quando i calcoli danno come perfetta una focale fissa. Monto la pellicola di controllo e aggiusto la focale fino a quando l'immagine supera leggermente i bordi superiore ed inferiore. A questo punto mi fisso una riferenza nello schermo per i bordi laterali (uno alla volta) e li limo per primi, proiezione a vuoto, controllando eventualmente con la pellicola. Finalmente limo i bordi orizzontali facendoli coincidere con i bordi dello schermo.
Se la proiezione della pellicola non copre l'altezza completa dello schermo procedo con un lato alla volta, sempre controllando con la pellicola.

La tecnica per limare non é difficile ne speciale, peró bisogna essere molto pazienti, limare e provare, limare e provare, ...
A volte un solo colpo di lima rende inutilizzabile il mascherino, o comunque irremediabilmente danneggiato.

Io uso una lima triangolo, una piana, una lama metallica molto fine (puó essere una lama di una seghetta) e carta abrasiva molto fine.
Il triangolo lo uso per fare un'incisione al centro del lato e vedere la misura sullo schermo. Naturalmente sempre mi fermo un poco prima per avere un margine di sicurezza. Poi procedo con la piana per avere il lato il piú diritto possibile. Gli angoli li avvicino con il triangolo e li finisco con la carta abrasiva montata sulla lamina metallica (il bordo dev'essere piú fine dell'angolo della lima triangolo).

Per i nuovi progetti sempre scelgo schermi montati tipo giorno, e procuro che gli angoli siano fabbricati con una curva di 20 cm di raggio. Il risultato mi sembra eccellente.

Per terminare, mai arrivo ai bordi segnati sulla pellicola di controllo; sempre mi mantengo all'interno degli stessi. Considero che é meglio 'mangiarsi' una minima parte dell'immagine e non avere proiezioni con i bordi alla vista, e non poter risolvere il problema!
Ho visto molte finestre di proiezione con nastro adesivo attaccato al vetro per 'nascondere' mascherini mal tagliati!
Vi sono poi finestre di proiezione che generano 'riflessi' quando il bordo limato si avvicina molto a parti della finestra stessa. Posso ricordare la finestra Kelmar montata nei proiettori Century e Christie. Si riduce un poco l'antipatico riflesso pitturando nero mate il bordo della finestra dal lato opposto alla pista sonora.

É possibile che la mia tecnica sia molto 'mia', ovvero personalizzata, peró mi risulta pressoché impossibile limare un mascherino proiettando la pellicola, non vedo i bordi che sto limando, per cui si tratta di una condizione personale che altri potrebbero superare. Voglio ricordare che con questo metodo bisogna fare molta attenzione al tempo che si mantiene la proiezione a vuoto.

Naturalmente tutti sanno che l'immagine é invertita e che si lima in modo inclinato. Solo voglio ricordarlo ...

Spero aver scritto in modo comprensibile.


Una nota fuori testo: saró per alcuni giorni in Italia a partire dal 29. Se qualcuno nella provincia di Pavia o sud Milano mi vuol invitare a visitare la sua cabina, sará un piacere accettare ...
Arriveró un paio di giorni anche in Toscana, peró, amico Antonio arrivo solo fino a Massa, ti prometto che la prossima volta arriveró a Firenze per visitarti.

Saluti,
Giorgio.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Mascherini

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio mag 22, 2003 10:24 am

Ciao Giorgio

Grazie della esauriente spiegazione!

Quindi non è consigliabile arrivare anche solo un po' oltre la linea di demarcazione del formato relativo... Ho ben presenti i problemi legati ad un mascherino troppo aperto e non voglio certo vederli sullo schermo. Solamente che una sala mi taglia davvero troppo in altezza e avrei voluto scendere un po' a compromessi lateralmente per recuperare un po' di margine in alto (anche io ho le focali regolabili)

Faro' qualche esperimento, tanto ho due sacchi di mascherini nuovi... (non lo dite a cinemadelcarbone!!! ma le nostre sono cinemeccanica!).

Grazie e alla prossima visita in Firenze!

Antonio

giorgio
Utente 35mm
Messaggi: 293
Iscritto il: mer set 25, 2002 12:13 am
Località: Italy

Mascherini

Messaggio da giorgio » ven mag 23, 2003 2:39 am

in realtà una piccola safe zone c'è, ma varia da film a film. cmq stando nelle delimitazioni (o poco al di dentro) non si dovrebbe incappare in "effetti collaterali" p.e. visibilità del time code DTS.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Mascherini

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab mag 24, 2003 2:17 pm

Ho capito, grazie...

Vedro' cosa posso fare!

Ciao
A

Antonio Marcheselli

Rispondi