problema di proiezione

Forum tecnico di carattere generale
cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » lun mag 05, 2003 2:26 pm

Salve,
io con altri amici abbiamo aperto un cinema di piccole dimensioni (140 posti) a Mantova.
E' stato installato un proiettore manuale (mi riprometto poi di essere più preciso con le informazioni tecniche). Ho riscontrato pero' il seguente problema :
durante la proiezione di alcuni film (non tutti) se compare un particolare chiaro su un fondo scuro (e solo nelle zone periferiche dello schermo) viene sbavat verso il basso. Ho fatto notare al proiezionista il problema, lui ha abbassato un po' la potenza della lampada ... ma diciamo che ogni tanto ricompare... che potrebbe essere?
il proiezionista (un grand'uomo per tutti gli altri aspetti) è un po' poco elastico sui mascherini: ci capita di proiettare film datati ... con formati un po' inusuali ... lui usa sempre lo stesso mascherino tagliando e aggiusta per non tagliare le teste... da dove si capisce che mascherino usare? Anche recentemente... proiettando il film "Angela" di Roberta Torre, venivano tagliate le teste regolarmente... lui mi ha detto "perchè erano imprecisi i neri tra i fotogrammi"...
grazie per l'attenzione e scusatemi per l'imprecisione tecnic (daltra parte proiezionista non sono).

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

problema di proiezione

Messaggio da GV » lun mag 05, 2003 3:01 pm

Buongiorno Cinemadelcarbone,
le 'sbavature' che noti con il bianco intenso é dovuto probabilmente ad una sfasatura fra l'otturatore e la croce di malta. Potrebbe essere dovuto tanto ad un errore di fase come ad un eccessivo gioco fra gli ingranaggi che governano i due sistemi. É difficile dirti come assicurarti e correggere il difetto perché non dici qual'é il proiettore.
Dovresti avere almeno tre mascherini: cinemascope, panoramico e normale. I formati puoi dedurli vedendo il fotogramma: linea divisoria fra i fotogrammi minima ed immagine deformata (anamorfizzata) = scope; stesso fotogramma con immagine normale = normale; linea divisoria grande = panoramico.
Saluti,
Giorgio.

gianlucamanzoni
Utente 16mm
Messaggi: 182
Iscritto il: mar mar 11, 2003 1:03 am
Località: Sardegna

problema di proiezione

Messaggio da gianlucamanzoni » lun mag 05, 2003 3:22 pm

Ciao e benvenuto nel forum.

Quando la scritta bianca "fila" su un fondo scuro, vuol dire che l'otturatore non è in fase con la croce di malta:Per ottenere proiezioni senza quelle fastidiose sbavature,occorre che i due organi(croce di malta con l'otturatore)siano perfettamente sincronizzati.
Altrimenti lo spostamento di ciascun fotogramma nella finestra avviene prima che l'otturatore abbia intercettato interamente il flusso luminoso,oppure continua dopo che il flusso luminoso sia stato liberato dall'otturatore.
Di solito si agisce sull'otturatore per fare la regolazione.
Se i titoli filano nella parte superiore l'otturatore è in anticipo,
se filano inferiormente l'otturatore è in ritardo.

Ogni formato ha bisogno della giusta accoppiata "obiettivo-mascherino"
Di solito nei contenitori della pellicola ci sono tutte le specifiche tecniche,compreso il formato di proiezione.

Ciao
Gian Luca

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » lun mag 05, 2003 3:38 pm

agire sull'otturature è fattibile? ovvero è un'operazione eseguibile semplicemente? il proiettore dovrebbe essere un prevost meccanico.
mi riprometto di essere più preciso in futuro.
grazie mille

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

problema di proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun mag 05, 2003 3:50 pm

Ciao Cinemadelcarbone

Concordo con gli amici, il tuo otturatore e' fuori fare e probabilmente non poco se la cosa e' visibile. Lascia stare la potenza della lampada dove sta!

Regolare l'otturatore e' di per se' un'operazione abbastanza semplice ma bisogna vedere come si regola sul prevost, non l'ho mai fatto.

Per verificare, guarda dentro il mascherino (eventualmente rimuovendo l'obiettivo) con la luce del quadro accesa e metti una mano sul rullo della croce di malta. Facendo girare A MANO lentamente la macchina dovresti percepire un movimento della croce di malta non in fase con la chiusura della luce da parte dell'otturatore. In particolare o il rocchetto parte PRIMA che la luce sia completamente otturata o l'otturatore scopre prima che il rocchetto si sia fermato.

Formati: Giorgio, non sono d'accordo con te. I formati 1.85 e 1.66 non sono sempre riconoscibili dalla banda nera. Il fatto che alcuni film in tali formati abbiano o meno la banda nera e' casuale. Esistono film in 1.85 senza bande nere, questo non vuol dire che siano 1.66. L'unico modo per stabilire se un film e' 1.66 o 1.85 e' affidarsi alle scatole/code o verificare di persona. Questo lo dissero in molti su Film-Tech e in particolare lo disse il grande John Pytlak, senior manager Kodak. Ed in effetti mi è capitato di montare film con alcune parti dotate di bande nere e altre no. Non sei d'accordo?

Riguardo alle teste tagliate Giorgio ha comunque ragione: se proiettate film "d'autore" ti conviene avete un set mascherino/obiettivo per 2.35, 1.85, 1.66. Ovviamente ogni mascherino va con il suo obiettivo, non puoi usare sempre lo stesso...

Inoltre sei sicuro che il tuo formato 1.85 sia ben dimensionato? Dovresti proiettare un anello di RP40 (ora si chiama PA35) e verificare che la porzione proiettata sia quella giusta. Lo stesso puoi farlo per il Cinemascope. Proiettare film in 1.66 con obiettivo 1.85 e' brutto, e' vero che sposti il quadro per non tagliare le teste ma se il regista voleva inquadrare anche i piedi forse una ragione c'era... :D

Benvenuto!!

Ciao
A

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

problema di proiezione

Messaggio da Walter » lun mag 05, 2003 4:06 pm

Ciao, io avevo lo stesso problema sul mio vecchio Eureka12 della Pion. L'otturatore era bloccato con tre viti, allentate le quali si riusciva agevolmente a regolare la posizione dell'otturatore. E' un'operazione semplice ma da eseguire con una bella dose di pazienza e precisione.
Ho notato in alcuni cinema lo stesso difetto che però secondo me non è causato dal disallineamento dell'otturatore, ma molto + probabilmente dal fatto che la parete dietro al telo è bianca e riflette la luce in certe circostanze (se la pendenza della proiezione è alta crea strisciature ampie).


CIAO

WALTER

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » lun mag 05, 2003 4:10 pm

grazie mille
... non è un problema di riflessi dietro ( quello origina sdoppiamenti e non striature) in quanto abbiamo una quinta teatrale scurissima dietro... sarà proprio l'otturatore...
... se intanto avete altre dritte sulla manovra... io ci provero' insieme a Giorgio ... il nostro mitico proiezionista...

gianlucamanzoni
Utente 16mm
Messaggi: 182
Iscritto il: mar mar 11, 2003 1:03 am
Località: Sardegna

problema di proiezione

Messaggio da gianlucamanzoni » lun mag 05, 2003 4:27 pm

Agire sull'otturatore è possibile,ricorda però di farlo a piccoli passi:ad ogni piccola regolazione fai una prova(anche proiettando uno spezzone con dei titoli) e se necessario intervieni finchè non trovi la posizione giusta.
Se come dici i titoli filano verso il basso e quindi l'otturatore è in ritardo,non devi far altro che allentarlo e spostarlo leggermente in avanti(considerando il senso di ratazione).

Ci sarebbe una piccola e remota possibilità che il tuo proiezionista
faccia il riccio inferiore troppo piccolo(subito dopo il rocchetto della croce di malta),il che provoca un richiamo dela pellicola quando viene proiettata.Puoi verificare tu stesso la lunghezza del riccio,che dovrebbe essere di tre/quattro fotogrammi.

Ciao
Gian Luca

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

problema di proiezione

Messaggio da GV » lun mag 05, 2003 4:31 pm

Hola,
io uso un modo che mi sembra molto facile, sicuro e rapido.
Smolla le viti che fissano l'otturatore sul suo asse (dovrebbero essere 2) ed assicurati che l'otturatore giri libero sull'asse stesso.
Con il rocchetto della croce di malta in posizione di riposo metti una riferenza che coincida con uno dei denti (un fil di ferro, la punta di un cacciavite, ecc.).
Gira manualmente il motore finché la riferenza coincida con il secondo dente in rotazione (la croce di malta sará alla metá del suo movimento).
Mantenendo bloccato il motore gira l'otturatore finché il centro della paletta coincida con il centro dell'apertura della finestra di proiezione. Si possono fare previamente delle marche che aiutino a questo allineamento.
Fissa finalmente l'otturatore sull'asse.

Antonio, grazie per la tua precisione.
La mia ha voluto essere una indicazione non tanto tecnica ma comprensibile per chi non 'mastica' tanto il mestiere.
Quando parlo della linea divisoria intendo lo spazio fra un fotogramma ed un altro, e non necessariamente della linea nera. Lo spazio puo essere qualsiasi cosa.
Per un operatore é la forma piú rapida di verificare tra i formati comuni.
E beati voi che sempre avete le indicazioni tecniche scritte nelle scatole!!!
Un saluto,
Giorgio.

stivmen
Utente 35mm
Messaggi: 1625
Iscritto il: gio mag 09, 2002 9:13 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da stivmen » lun mag 05, 2003 7:32 pm

di formati di proiezione ce ne sono altri tra cui il mitico 1 1:33 che si puo' fare usando sia il mascherino che l'obbiettivo dello scope senza anamorfico( questo sistema si usava ai tempi del carbone e con mono obbiettivo quando dopo la pubblicita cinegiornali si proiettavano presentazioni scope al momento giusto bastava inserire l'anamarfico;
I prevost sono uguali agli altri proiettori basta svitare due o tre viti e regolare la fase.
se non si ha la coda di messa in fase un 'anello sottotitolato bene è l'ideale in alternativa una coda biancxa con interlina nera della tecnicolor non in quadro tenere le line nere vicino alla base dello schermo e si vedono le sfilature.
Per regolare la fase nei cinemeccanica tenere la messa in quadro tutta alzata avvicinare il blocco verso lo sportello.
Per vedere meglio prendere un fogliuo di carta bianco appoggiarlo allo sportello di proiezione e proittare su di quello con un obbietto a fuoco normalmente si usa il più lungo di focale
stefano

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

problema di proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun mag 05, 2003 10:56 pm

Giorgio,

scusa per il tono frettoloso ma ero appunto di corsa oggi pomeriggio!
Cosa intendi con lo spazio tra i fotogrammi? Lo spazio nero? Il problema e' che non tutte le stampe sono fatte con lo spazio nero e quindi come posso stabilire se un film e' flat o 1.66 se tale spazio non c'e' o comunque non e' uguale in tutte le parti? Quando cominciai a lavorare come proiezionista anche io sapevo questa cosa ma mi ritrovavo a proiettare tutti, TUTTI i film in 1.66 mentre poi son venuto a sapere che i film USA non sono mai in 1.66. Per questo ci tengo a precisare la cosa!!
Anche noi non abbiamo indicazioni valide sulle scatole...

Cinemadelcarbone,
Concordo che e' una questione di prove e pazienza. Procurati uno spezzone di titoli di coda, anche di un trailer, possibilmente ben stampati (nitidi) e fissi e fai le tue prove.

Stefano
Ma intendevi nera con interlinea bianca immagino... Non sarebbe + visibile in questo caso?
Il metodo dell'anamorfico per i cinegiornali lo usavano anche a Firenze in un cinema dove non avevano (hanno) il doppio obiettivo. Peccato che in quel caso proietti le pubblicita' formatop francobollo... :)

Ciao
A

P.S. Ma allora ci siete tutti sotto sotto a guardare, basta che venga fuori un argomento interessante... ;)

GV
Utente 8mm
Messaggi: 100
Iscritto il: dom nov 03, 2002 2:30 pm
Località: Caracas - Venezuela

problema di proiezione

Messaggio da GV » lun mag 05, 2003 11:14 pm

Antonio,
a parte l'argomento interessante credo che chi é, o é stato operatore, conosce molto bene il 'formicolío nello stomaco' prodotto da un problema.
Il poter aiutare un collega a soluzionarlo sicuramente é la ragione piú importante a far scattare la molla ...
E credo pure che é MOLTO importante che ognuno dica la sua, sempre s'impara qualcosa ... anche da un errore ...
Saluti,
Giorgio.

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » mar mag 06, 2003 12:13 am

Grazie mille a tutti! Non mi aspettavo un tale interesse...
Il Cinema del Carbone è nato a Mantova da 6 volontari ... dopo la chiusura di ben 5 sale in centro in pochi anni..
... ha visto la luce da poco piu' di 30 giorni e conta già di circa 600 soci !!! Tutti lavorano come volontari (ovvero 0 ero)... escluso il proiezionista( chiaramente è il suo lavoro, deve pur vivere!). Il problema è che vogliamo fare buone proiezioni (e i soldi...tirati fuori con un mutuo... son già finiti) ... quindi non possiamo spendere nulla per i prossimi mesi ...
La proiezione rende bene (eccetto quel piccolo difettuccio che ho segnalato e il problema dei mascherini...)... abbiamo qualche problema sull'audio (rigorosamente mono... me temo che l'impianto che ci hanno venduto sia un po' scarsino...). Chi volesse venire a trovarci è ben accolto!!! In futuro poi (chissà...siamo ancora a livelli di sogno) magari possiamo metterci qualche euro e fare delle migliorie (e lì, chi vorrà di voi, sarà utilissimo)...magari un dignitoso dolby...
Grazie ancora.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24297
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

problema di proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » mar mag 06, 2003 2:07 am

Giorgio

Certo che si', e' che non pensavo che voi foste sempre li'... :)
E come se lo ricordo bene il formicolio allo stomaco, adesso ho molto piu' sangue freddo ma ricordero' sempre il primo giorno da solo e quella maledetta cinghia rotta ad uno dei miei proiettori... :D

Non pensavo che non ci fossero gli stati del mondo nell'elenco... "estero" e' alquanto brutto!!! Provvedero'!!!!!

Carbone (posso chiamarti cosi'? ;))
E' un piacere aiutarti, per quello che possiamo!! Facci sapere come e' andata. Per l'otturatore non devi spendere nulla, solo un po' di tempo. Per il mascherino invece si' perche' a parte il mascherino che puoi farti anche da solo con un po' di pazienza ma ci vuole l'obiettivo giusto...
E per il suono... Qual'e' il problema?

Buona fortuna!!

Antonio

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » mar mag 06, 2003 12:16 pm

Per la regolazione dell'otturatore vi faccio sapere (la provero' domenica prima della proiezione... un bel po' prima).
per quanto riguardo il sonoro... vi faro' sapere (in futuro) le specifiche tecniche... non abbiamo fretta (non avendo soldi).
saluti
Fabio

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

problema di proiezione

Messaggio da Walter » mar mag 06, 2003 12:30 pm

cinemadelcarbone, io sono del parere che un buon impianto mono (magari i famosi fedi valvolari) sia meglio certi dolby scadenti e mal tarati (mi è capitato di andare in un cinema dove gli effetti coprivano il parlato!!!).
Posso farti un domanda? Come mai avete scelto questo nome "particolare" x il cinema?

CIAO

WALTER

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » mar mag 06, 2003 12:42 pm

si chiama cinema del carbone per due motivi:
1)sorge nel teatro del dopolavoro ferrovieri (treni= carbone...)
2) nell'atrio c'è una vecchio proiettore con lampada a carbone (così mi è stato detto)...

non ho idea dell'impianto mono che abbiamo, ma orecchio è un po' scadentino (dignitoso pero')... secondo me con la perizia di qualche buon proiezionista, un po' di amore e qualche cambiamento... può diventare interessante

se qualcuno è interessato a venire a trovarci... noi siam solo contenti

mantova poi è molto bella...

vale una visita

Ciao

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

problema di proiezione

Messaggio da Walter » mar mag 06, 2003 2:55 pm

Mantova è bella...ci sono venuto in gita in 5a elementare:D.
Magari una domenica mi faccio i 130 kilometri che ci separano e vengo a trovarti... nel caso prima o poi decidessi ti mando una mail.

CIAO

WALTER

cinemadelcarbone
Utente 8mm
Messaggi: 111
Iscritto il: lun mag 05, 2003 2:12 pm
Località: Lombardia

problema di proiezione

Messaggio da cinemadelcarbone » mar mag 06, 2003 3:30 pm

benone!
chiaramente ti aspetto a pranzo a casa mia ad assaggiare un po' di specialità locali.

giorgio
Utente 35mm
Messaggi: 293
Iscritto il: mer set 25, 2002 12:13 am
Località: Italy

problema di proiezione

Messaggio da giorgio » mer mag 07, 2003 12:16 am

Ariecchime qua (scusa anto' se non ti ho piu' risposto...)
Se c'è l'intenzione di proiettare film d'autore bisognerebbe munirsi di 4 obiettivi (+ anamorfico):
1 x lo scope
1 x l'1:1,85
1 x l'1:1,66
1 x l'1:1,33
per i mascherini l'ideale sarebbe averne 4 anche di essi, in quanto quello per lo scope potrebbe essere "ristretto" in larghezza, e comunque è troppo aperto in altezza (anche se, a mio avviso, a volte è meglio mostrare un po' d'interlinea che tagliare l'immagine!!!)
il motivo per cui consiglio l'adozione dell'1:1,33 è che si, è vero, molto cinema "d'annata" è in formato 1:1,33 / 1:1,37. ma anche parecchio cinema di autori "marginali", ma importanti per la cinematografia (per l'italia vi ricordo Jean-Marie Straub e Danielle Huilliet e il loro "allievo" Paolo Benvenuti) girano, a tutt'oggi, in 1:1,33.
Certamente, la proiezione di questi film in 1:1,66, o, peggio, 1,1:85 "rovinerebbe" la scelta del regista!
In quanto a capire il giusto formato di proiezione... beh! Non è facile.... molti film americani (ma anche di altre nazionalita', anche italiani) hanno il "fotogramma pieno", con un'interlinea sottilissima, quasi come quella dell'anamorfico, ma vanno proiettati in flat (usualmente 1:1,85). Le scritte sulle scatole, se il film non proviene dal laboratorio di sviluppo di Cinecitta' (L'ing. Federico Savina, da anni, giustamente vuole che siano applicati gli adesivi recitanti "proiettare in ....." su ogni copia che viene stampata!), non sono attendibili al 100%!!!
Oggi, per esempio, sto proiettando un film sulle quali scatole c'e' scritto (a pennarello su scotch di carta) "Proiettare con mascherino 1:1,66"... infatti il film è 1:1,33!!! Per fortuna che conosco il film (proiettato da me decine di volte!) ed ho potuto provvedere... ma sapete quanti me ne capitano con la dicitura sbagliata?
Ho un idea: perche' non facciamo un database dei formati dei film?

Rispondi