passaggio totale al digitale

Discussioni riguardanti il Cinema Digitale
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24057
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab feb 22, 2014 7:34 pm

Non mi è esattamente chiaro cosa vuoi dire. Immagino poi che tu intenda "un dvd per il NOLEGGIO al negoziante costa 60 euro".

Al tempo delle VHS era parzialmente giustificato dal fatto che la VHS era di qualità superiore per reggere molteplici passaggi. Ricordo comprai una VHS di qualità "broadcast" da usare ogni notte per registrare Star Trek :) per poi riversarla su una cassetta apposta, e costava parecchio.

Ad ogni modo non ti seguo.
Io non dico che sia così semplice proiettare un Blu Ray, ho detto solo che utilizzando un Blu Ray la qualità è similare a quella di un DCP. Che poi il Blu Ray te lo diano o meno è un altro paio di maniche.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

sirilli
Utente 8mm
Messaggi: 139
Iscritto il: mer nov 22, 2006 3:15 pm

Messaggio da sirilli » gio feb 27, 2014 4:14 pm

Scusa ma adesso sono io che non intendo. Giustificato cosa? Non è un fatto di qualità ma di mercato. Io compro all'ingrosso ad un certo prezzo e rivendo ad un prezzo maggiorato. Le videoteche spendono tot per i film (che sia vhs, dvd o altro) e dopo tot affitti si coprono le spese e da lì si comincia a guadagnare (pensando al singolo titolo).
Leggevo che i piccoli cinema, che non possono permettersi di spendere decine di migliaia di euro per un proiettore digitale, potrebbero (così c'era scritto nell'articolo) usare proiettori "normali" e blu-ray. Ti chiedevo se avevi sentito da qualcuno se ne sta parlando a livello di categoria o simile, o se qualcuno ha già cominciato a farlo.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24057
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio feb 27, 2014 8:24 pm

"giustificato" era riferito al prezzo della VHS da noleggio: erano cassette di qualità superiore per reggere molteplici passaggi.

Non credo che l'industria del cinema sarebbe contanta se i cinema mandassero in prima visione i Blu Ray: il Digital Cinema è lì per un motivo: qualità, luminosità, accuratezza dei colori, contrasto, sicurezza...
Qualcuno potrà accordarti un BD di un vecchio film ma a parte quello penso che la partita sia chiusa. I proiettori digitali non sono più così costosi eh?
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

sirilli
Utente 8mm
Messaggi: 139
Iscritto il: mer nov 22, 2006 3:15 pm

Messaggio da sirilli » dom mar 02, 2014 12:17 pm

Non so. Ho letto l'anno scorso che dovrebbero chiudere il 60% delle monosale perchè non possono permettersi il passaggio al digitale. L'estate scorsa mi dissero che il proiettore più economico è un Nec da 35.000 euro.
Ovviamente è importante quanti soldi uno a da parte. Una volta il cinema faceva tanti guadagni, e grazie a quello le monosale hanno potuto permettersi i lavori per diventare multisala. E bisogna vedere come "gli gira" al propietario del cinema, magari se lo può permettere ma essendo un mercato in crisi (e lo sarà sempre di più) preferisce chiudere. Poi ci sono quelli che dovrebbero trovarsi un altro lavoro, e piuttosto si accontentano di quello che guadagnano con il loro cinema, che per molti sarà anche una passione.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24057
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom mar 02, 2014 12:48 pm

Sicuramente è una spesa, ma penso che o il cinema è proprio a terra altrimenti oggi non è un tremendo problema. Voglio dire, anni fa erano costosi, si andava sui 60.000 ma oggi ci sono appunto macchine molto più a buon mercato. Senza contare l'usato che dovrebbe esistere a questo punto.
Non dico che sia semplice ma se il 60% delle monosale chiudesse mi viene da pensare che forse avrebbe chiuso lo stesso - o giù di lì.

Poi non è sempre tutto così chiaro e così limpido. Un cinema che conosco poco ha messo un appello su Facebook: "o compriamo il proiettore digitale o chiudiamo, ci servono 60.000 euro". Ho chiesto che razza di macchina compravano con 60.000 euro e non c'è stato verso di saperlo. E tutti a dire "poverini", non so se mi spiego! :)

Non so come funzionino le agevolazioni in Italia onestamente, qui vedo che moltissime sale si sono potute permettere il proiettore, molte il 4K perché SONY fa la VPF. Molte sale non cinema si sono attrezzate perché non serve il personale e basta un piccolo ripostiglio (il "POD") per accogliere un proiettore che altrimenti non sarebbe mai stato possibile installare.
In una remota sala del Galles hanno montato un piccolo NEC sul pavimento della cassa e convertito un piccolo magazzino in sala da penso 30 posti. Con il 35mm non sarebbe mai stato possibile.

In una città di cui è pietoso e saggio tacere anche il nome (cit. da Il Nome della Rosa) una catena di cinema è andata avanti per 20 anni con il fil di ferro nonostante un'accordo possibilmente discutibile le abbia relegato TUTTI - e dico TUTTI - i Blockbuster americani riempiendo le sale come scatole di sardine. Quando sono arrivati i multisala e chiaramente il pubblico si è spostato in massa dove gli schermi non stavano su con lo scotch allora han cominciato a piangere miseria "chiudiamo!".
Intendo dire che occorre guardare un po' più a fondo queste cose. Fermo restando che l'operazione è a maggior vantaggio per le distribuzioni, non credo che una sala "chiuda" se si presuppone una spesa simile, considerando che questa spesa fornisce dei vantaggi (contenuti alternativi e assenza di un proiezionista).
Capisco che una piccola sala non si sogna di licenziare il proiezionista di punto in bianco ma se il lavoro non c'è più magari la persona può essere riutilizzata per qualcos altro. Io ero proiezionista, il mio lavoro ora non esiste più: come dici te qualcuno si accontenta, qualcuno però si impunta.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

David 2001 Bowman
Messaggi: 27
Iscritto il: lun mag 03, 2010 10:23 pm

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da David 2001 Bowman » lun apr 07, 2014 11:26 am

La data sembra essere stata spostata a fine giugno, ma sembra che quelli che non avevano fatto il "grande" passo non lo abbiano ancora fatto :o.O: perchè la multisala che solitamente frequento ha ancora solo 1 sala digitale su 7... allora vi chiedo, siamo ancora al 70% o abbiamo fatto un passo avanti al 73%? :clap:

luca1975
Utente 35mm
Messaggi: 334
Iscritto il: lun set 15, 2008 12:39 am
Skype: lucas.1975
Località: Appiano Gentile (CO)

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da luca1975 » gio ago 07, 2014 1:20 pm

Mi sono imbattuto in questo articoletto
http://www.ilfattoquotidiano.it/2014/08 ... r/1079598/

A volte resto senza parole....
Senza musica la vita sarebbe un errore

Avatar utente
Sydneyblue120d
Utente 35mm
Messaggi: 1294
Iscritto il: mar dic 29, 2009 4:34 pm
Località: Mantova

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Sydneyblue120d » gio ago 07, 2014 1:33 pm

Allora mettiti comodo sulla sedia, fai un respiro profondo e apri questo link :D

http://www.filmferrania.it/
Inesperto appassionato di Cinema

Fbrighi
Digital Cinema Mastering Engineer
Messaggi: 833
Iscritto il: dom apr 17, 2005 7:42 pm
Località: Friuli-Venezia Giulia

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Fbrighi » gio ago 07, 2014 1:37 pm

In quell articolo si fa riferimento alla pellicola per le riprese, che viene usata e manipolata con crismi ben piu severi delle "copiacce", figlie di tre-quattro replicazioni di fila, di vetusta memoria.

Qui si parla di registi "integralisti" che non vogliono rinunciare alle vecchie abitudini, vuoi per affezione vuoi perche ritengono la qualita superiore. E comunque si parla di registi con un certo potere contrattuale (tarantino e nolan fanno incassare grisbi elevati ai produttori) ...di certo se lo avessero preteso chesso un Sommers o un Gavin Hood la risposta sarebbero state pernacchie.

La catena distributiva successiva resta e restera digitale ...anche fosse un Dio in terra il regista, warner o fox di turno di certo non si metterebbero a distribuire pellicola solo per farlo felice (con tutta la spesa fatta sostenere per la digitalizzazione e i vecchi 35mm rimossi poi). Considerata la qualita pre produttiva e della pellicola originale, la copia dcp ne risultera sempre di "alta qualita" a sua volta (vedasi TDK rises, girato in pellicola e di resa eccellente ...pure in 4k...ma gli esempi sono molteplici).

Fkb
FKB

Avatar utente
Sydneyblue120d
Utente 35mm
Messaggi: 1294
Iscritto il: mar dic 29, 2009 4:34 pm
Località: Mantova

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da Sydneyblue120d » gio ago 07, 2014 4:50 pm

[TROLL MODE ON]
Io sono contento che Nolan si sia finalmente liberato di quella palla al piede di Pfister, forse smetteremo di vedere scene girate in IMAX che sembrano girate in 8mm :D
[TROLL MODE OFF]

Comunque il commento che più mi ha fatto riflettere è quello di Scorsese che ha detto, grossomodo, "Nessuno si è mai sognato di togliere matite, pennarelli e colori perché ora ci sono gli ipad" :)

BTW credo che qualche copia di Interstellar sarà stampata e proiettata in IMAX pellicola nel mondo.
Inesperto appassionato di Cinema

luca1975
Utente 35mm
Messaggi: 334
Iscritto il: lun set 15, 2008 12:39 am
Skype: lucas.1975
Località: Appiano Gentile (CO)

Re: passaggio totale al digitale

Messaggio da luca1975 » gio ago 07, 2014 5:09 pm

Che i registi parlino facendo riferimento alle pellicole usate per le riprese va benissimo, e direi pure che mi fa piacere che un artista possa usare e usi ciò che meglio crede essere necessario per produrre la propria opera. Quello che mi lascia senza parole non sono gli incisi dei registi ma i commenti della giornalista inseriti fra una citazione e l'altra e i commenti dei lettori in calce.....
Senza musica la vita sarebbe un errore

Rispondi