Conversione lungometraggio indipendente

Discussioni riguardanti il Cinema Digitale
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24281
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer dic 07, 2016 9:49 pm

il punto è che il contenuto cinema è PER FORZA XYZ quindi se non lo fosse lo Stereoscopic player mostrerebbe i colori sbagliati :)

DCP-o-matic funziona MOLTO bene. Non l'ho usato per tanti anni perché pensavo fosse mediocre ma un giorno quello che usavo di solito non mi permetteva di fare una CPL 7.1 e ho provato DOM. Non solo ho potuto fare tutto quello che facevo con altri programmi ma DOM ha realizzato la CPL in una frazione del tempo! E lo sviluppatore è sempre disponibile ad aiutare se qualcosa non va.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da pclarici » gio dic 08, 2016 12:55 am

iachidda ha scritto:(...) non saprei se per via del programma DCP o matic, la sequenza di tif non era stata interpretata coem video unico , ma le la apriva come sequenza di video
Questo è strano. Ho preparato un paio di DCP che hanno girato diversi festival internazionali, e per ottenere un risultato migliore siamo partiti proprio dai TIF. L'unica accortezza è quella di numerarli in sequenza e tenerli in un'unica cartella, che poi caricherai nel tab Content di DCP-o-matic utilizzando "Add Folder". È possibile che se provi a selezionare in blocco i singoli file immagine il programma li interpreti come degli still, ai quali di default viene assegnata una durata di 10 secondi per fare slideshow.

Ho visto il tutorial: anche a me come ad Antonio è sembrato di capire che il tizio consigli il ContentType ADV (pubblicità) o TST (Test) proprio perché sono quelli meno diffusi, e quindi quando il server li carica l'operatore non può non notarli in lista. Personalmente preferisco trovare un film nella categoria giusta che è FTR, non in quella più libera! :)
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 9:53 am

Grazie a tutti e due,
Antonio, DCP o matic deve essere pensato bene (secondo me ), io ho un I7 con 6 core fisici e 24 gb di ram con 7 HD in raid 0 e lui ha sfruttato al 100% tutti e quanti i core del mio sistema per tutto il tempo, casomai non si "appoggia" sulla GPU per velocizzare la codifica, ma poco male (secondo me)
un video già in non compresso 1998*1080 24p audio 5.1 24bit 48 lo ha codificato in circa 3 volte il tempo della durata del video , che (da quanto ho letto online) non mi sembra malaccio .
se funziona bene enlla proiezione al cinema "lo adottero" anche in futuro

Pietro buongiorno a te,
è come dici tu, sono abituato a Premiere ed After Effects , dove l'importazione delal sequenza di immagini fisse avviene tentrando dentro la sequenza di immagini e selezionando la prima e mettendo una spunta in "sequenza immagini" , in questo caso invece devi indicare la cartella e poi "interpretare il metraggio" come framerate . ho appena provato come imprtazione di cartella TIF e importazione di cartella DPX e funziona alla perfezione . l'unica cosa è che nelal finestra di importazione, quando importo la cartelal con i tif dentro o con i DPX, mi scrive fra parentesi tonda affianco "spostamento immagini) , presumo sia normale, ma la scritta è imquietante...

capisco i vostri dubbi sulla praticità di vare il film "indicizzato" nella giusta categoria, e utilizzerò la vostra indicazioen di metterlo nella giusta categoria.


una domandina riguardo al bitrate della parte video, quale valori sono più consigliati per un "flat 1998*1080 ? 100 Mbit/s sono appropriati o consigliate di alzare questo valore? di codifiche ne compio ogni giorno a bizzeffe, ma in quelle del DCP è un primo tentativo. grazie a tutti Daniele
Daniele

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 10:15 am

per il bitrate, qui ho letto di impostare il massimo 250 che è gestito tranquillamente e chiaramente offre una qualità migliore
viewtopic.php?f=18&t=9701#p92773
confermate che alla mia risoluzioen è la scelta giusta?
Daniele

Avatar utente
fpego
Nuovo Utente
Messaggi: 80
Iscritto il: dom dic 23, 2012 9:22 pm
Località: Origgio
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da fpego » sab dic 10, 2016 1:37 pm

iachidda ha scritto:io ho un I7 con 6 core fisici e 24 gb di ram con 7 HD in raid 0
Ciao, perdona l'intromissione ma quando ho letto che hai 7 hard disk in raid 0 ( :wowo!!: :wowo!!: :wowo!!: ) mi sono chiesto: meccanici o SSD?
Spero siano meccanici, altrimenti con SSD in raid 0 vai a saturare prima tutta la banda di un SATA 3.
Se ti si rompe uno solo dei 7 HD che fai? :aa:
Cineteatro di Origgio - http://www.cineteatroriggio.it/

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da pclarici » sab dic 10, 2016 3:30 pm

Il bitrate massimo è effettivamente 250mbit/s. È una cosa mia, ma in genere imposto 200 (Scope) o 225 (Flat) per non spingere al massimo l'architettura (decoder/storage) dei server più vecchi. In realtà l'unico episodio di frame drop che ho visto in vita mia è stato quasi dieci anni fa mentre spostavo da una sala all'altra lo stesso film che stavo proiettando, condizione che successive versioni software Doremi hanno poi impedito, ma mi sono trovato bene e quei 25 o 50 mbit/s non spostano nulla.

Se si tratta di materiale SD, magari compresso e proveniente da DVD che devo presentare in rassegna, 150 bastano e avanzano.

Per quanto riguarda i tempi, effettivamente non c'è accelerazione GPU ma tieni conto che se hai più macchine in studio DCP-o-matic ha anche un buon sistema di clustering: io converto a 4/5 fps utilizzando un Core i5 3.1 4C e un i5 1.8 2C collegati in LAN. Oggi come oggi con 3/4 i7 6700K ti costruisci un sistema di codifica faster-than-realtime a costi limitatissimi, niente di paragonabile alle soluzioni proprietarie con schede encoder hardware.

Particolare la configurazione di 7 dischi in RAID 0, sono tanti! Li avrei immaginati più in RAID5 o 6.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 4:04 pm

Ciao ragazzi intanto grazie per le risposte. Ho provato a codificare i jog 2000 a 250 ma DCP o matic mi ha avvisato che sui consigliaca 200. Quindi ho impostato 200 e buonanotte. Il video e' stato girato in UHD e downscalato in 1920 1080 pre editing.
Cosa devo copiare su HD formattato da linux ? Tutta la cartella del progetto o i files dentro ( con la rispettiva sottocartella)?

In7 hd in raid 0 soko meccanici in box esterno collegati con doppia scsi . Finiscono in un controller interno pcx ex x8. In aggiunta ho in raid 0 interno di due wd da 3 TB ciascuno . Lavoro su files 4k in raw non compresso e mi serve velocita' nei multicam. E' rischioso ma faccio una copia su hd esterno ukteriore pre editing
Daniele

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da pclarici » sab dic 10, 2016 4:13 pm

Solo la sottocartella con il nome del DCP.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 4:25 pm

Quindi la sottocartella piu' interna dove c'e' il file audio e quello video e gli altri pochi files. Scusate il doppio inserimento e gli errori da cell
Daniele

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24281
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab dic 10, 2016 7:21 pm

La limitazione dei 250Mbit è DCI ma anche Hardware. I server Dolby sono sempre stati molto flessibili, l'hardware del media block può andare ben oltre i 250Mbit (parlo della "vecchia" cat.862). I Doremi invece non vanno oltre i 250Mbit e oltre il decoder crasha con un bel flash verde e poi nero intanto che il decoder si riavvia. Non sapevo che software recenti impedissero questa cosa, mi pare sensato.

Diciamo che stare un filo sotto probabilmente non fa male e, come dice Pietro, non sarà mai notato da nessuno.

Interessante anche la funziona cluster di DOM. Come dice Pietro con qualche PC economico puoi farti un sistema che ti permette di codificare in pochissimo tempo.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da pclarici » sab dic 10, 2016 8:13 pm

Antonio Marcheselli ha scritto:(...) I Doremi invece non vanno oltre i 250Mbit e oltre il decoder crasha con un bel flash verde e poi nero intanto che il decoder si riavvia. Non sapevo che software recenti impedissero questa cosa, mi pare sensato.
Questo purtroppo non so se sia mai stato risolto, a dire la verità sull'IMB qualche volta ho visto il decoder crashare anche con contenuti 4K a prescindere dal bitrate. Sinceramente sono episodi che non so ricondurre a una specifica versione sw/fw.

Quello che sicuramente hanno implementato solo dopo un certo punto è il limite di velocità nel trasferimento di contenuti quando il server è in riproduzione: all'inizio non c'era ed era tecnicamente possibile mandare in crisi lo storage. È successo un sacco di tempo fa, ma ho visto il film diventare uno slideshow! :D
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 8:29 pm

Piu' che impedire ti avvisa. Ti suggerisce 200. Sta a te poi seguire l' avviso
Daniele

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 8:38 pm

E sui 4k che valori si usa come bitrate. Io con il codec da video domestici h 264 sto a 30 sui bluray, sui video da vedere direttamente da pc sto a 100mb/s per la parte video. Il codec h264 pero' e' una potenza per qualita' buona a basso bitrate. Il jpg 2000 non penso sia equivalente ma piu' simile ai codec " all i"
Daniele

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24281
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab dic 10, 2016 9:25 pm

Daniele, mi riferivo al server ma forse Pietro si riferiva a DCP-o-Matic.

Il JPEG2000 è riconosciuto molto valido. E' un codec che codifica ogni fotogramma indipendentemente però. Per il 4K il limite è il medesimo quindi, di nuovo, starei attorno ai 200 di nuovo. Ricorda che non devi fare una versione 2K. Le macchine 2K sono perfettamente in grado di gestire la versione 2K senza alcun intervento da parte di nessuno.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 10:25 pm

Ho letto delle caratteristiche del jpg 2000 che codifica tlogni singolo frames come.lo e' il codec all i e come chiaramente la sequenza di tif di dpx e di png. Il codec j264 ha un frame codificato per intero ogni 12 circa e negli altri segna solo le differenze da quel frame. A 4k 250 Mbit/s mi sembrano pochini. Non ho compreso invece la questione del 2k. Intendi il 2k non in versione flat o cosa? Per ora ho fatto il 1998.1080 peche' girato senza renere in considerazione un crop piu' spinto. In futuro potorei osare formati piu' wide . I 4k potrei anche editarli, ma penso che le sale 4k dalle.mie parti siano poche. Sapevo una a Riccione al D.MaX mi sembra... sicuramente voi siete.piu' informati su questo
Daniele

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 10:27 pm

Sulla struttura del proiettore con server e altri accessori ho bisogno di un corso rapido
Daniele

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24281
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab dic 10, 2016 10:32 pm

Daniele

Mi cadi sui messaggi multipli? :) Ricorda che entro 10 minuti puoi modificare il messaggio inserito.

250Mbit è comunque il limite imposto. Macchine con mediablock integrato possono sicuramente fare molto di più ma siccome la CPL poi finisce anche su macchine più datate, il limite rimane. Onestamente sono in pochi ad usare tutti i 250Mbit/s, spesso i film scendono di bitrate - e molto.

4K e 2K sono compatibili. Non so esattamente come funziona ma mi han detto che è come i layer di Google Maps - quando vedi che su una connessione lenta la definizione aumenta a strati. Il DCP 4K contiene anche un "core" 2K. Quindi la macchina 2K semplicemente utilizza solo quel core 2K e ignora il 4K.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

iachidda
Messaggi: 45
Iscritto il: mar dic 06, 2016 7:20 pm
Località: PESARO

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da iachidda » sab dic 10, 2016 11:07 pm

Il 4 k e il 2k sono uno la meta' del.secondo. io spesso riprendo in UHD e non in 4k perche' la meta' e' esattamente il full hd 1920. 1080. Bella la cosa del supporto 4k che ha al suo interno il 2k per i cinema che non possiedono il 4k stesso. !
Per la "connessione lenta" devo ancora capire bene come funziona il sistema di proiezione. Lunedi dovrei poter vedere finalmente il proiettore e almeno capiro' qualcosa in piu' per ora il test del 5.1 l'ho effettuato nel mio impianto 5.1 domestico. Vedremo.come.si comporta al cinema

Dei messaggi multipli chiedo scusa e mi regolero' per il futuro. Nel forum che seguo la modifica resta sempre fruibile, la cancellazione invece e' a tempo limitato per i non appartenenti allo staff.
Daniele

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da pclarici » sab dic 10, 2016 11:54 pm

Come ti diceva Antonio, tutte le sale 2K possono leggere DCP 4K.

In sostanza io riassumerei la questione così: se hai girato in 4K (o in UHD) e fatto tutta la postproduzione in 4K (o UHD), genera un DCP 4K a 200mbit/s e vai tranquillo che funziona dappertutto. Ci sono più schermi 4K di quelli che pensi, e altri si aggiungeranno in futuro.
Se invece in uno qualunque dei passaggi hai lavorato in semplice 2K (o HD), fai un DCP 2K perché l'eventuale upscaling all'ultimo secondo non aggiunge nulla.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24281
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Conversione lungometraggio indipendente

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom dic 11, 2016 12:00 am

Il 4 k e il 2k sono uno la meta' del.secondo.
in verità uno è quattro volte l'altro. Purtroppo però il limite in banda è il medesimo. E' il medesimo anche in 3D e in 3D HFR!
Nel forum che seguo la modifica resta sempre fruibile,
in passato abbiamo avuto utenti che modificavano messaggi vecchi nelle discussioni (magari pensando di rispondere) e altri che per ripicca cancellavano i loro messaggi quindi ho dovuto imporre questa restrizione.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Rispondi