Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Discussioni riguardanti il Cinema Digitale
Rispondi
pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da pclarici » mer lug 05, 2017 10:31 pm

Qualche anno fa mi ero fissato con l'idea di scrivere un'applicazione TMS/LMS in grado di girare su NAS commerciali tipo Sinology o QNAP, e ho anche tirato giù gran parte dell'interfaccia utente. Mi sono fermato per due motivi: primo, perché non sono riuscito a trovare un modello commerciale valido (come venderlo? a quanto? come gestire l'assistenza?) e secondo - più rilevante - perché non ho trovato nessuno che fosse in grado di svilupparla.

Però l'idea mi è rimasta: perché un dispositivo relativamente semplice come un TMS deve costare migliaia di Euro?
E la risposta a mio paere è una sola, almeno per quanto riguarda le strutture piccole o piccolissime.

Non deve, e voglio dimostrarlo con un piccolo esperimento a costo zero o quasi.

Qui che entra in gioco CinéDigital Manager, il software TMS vero e proprio. È la parte più complessa del sistema, perché per lavorare con i server e i proiettori più diffusi chi scrive il programma deve produrre tonnellate di carta tra contratti e accordi di riservatezza, altrimenti non avrà mai accesso alle API necessarie per rendere il sistema interoperabile. Impossibile costruire qualcosa di simile nei ritagli di tempo. Se non avessi trovato e installato CDM non avrei fatto nulla.

Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine
Immagine

CinéDigital Manager non ha centinaia di funzioni ma ha quelle che servono: principalmente monitoraggio delle sale e comando di server, proiettori (solo Serie 2) e processori audio, creazione di playlist, eliminazione di materiale da schermi multipli, scheduling, trasferimento di contenuti tra sale o dalle librerie verso tutti gli schermi (può anche seguire in automatico lo schedule) e gestione centrale delle KDM. Volendo si possono anche integrare telecamere IP e controlli manuali delle luci - ma per quest'ultima opzione credo servano interfacce relay specifiche non vendute in Italia. Insomma, o non sono riuscito a capirlo io e non è documentato da nessuna parte, o con un normale JNior purtroppo non funziona.

È relativamente leggero, ma soprattutto è freeware fino a due schermi. Mi informerò a breve sui costi della licenza full, ma voglio credere che non sia una follia - a differenza di altri prodotti concorrenti.

L'aspetto LMS è decisamente più semplice: con FileZilla Server, sulla stessa macchina che fa girare il TMS si possono condividere una o più cartelle. La potenza di calcolo necessaria è irrisoria, gli unici limiti sono la velocità dell'interfaccia Ethernet e del drive e l'eventuale necessità di ridondare il sistema - ma su questo torneremo dopo. In ogni caso, nella configurazione di CinéDigital Manager si possono specificare un numero illimitato di librerie (ad esempio OpenSky, MART e la cartella/drive condivisa interna), da cui poter attingere liberamente. Nell'ottica dell'esperimento ho scelto di collegare un comunissimo drive esterno tramite USB. Se avessi utilizzato un PC diverso (leggi: più veloce e più costoso, tipo il Cubi N di MSI) avrei potuto montare un modello SATA interno. Rinunciando alla portabilità è anche possibile separare nettamente la parte storage da quella di controllo e prendere un NAS comune da collegare sulla stessa rete del mini PC, a patto che ci giri sopra un server FTP.

È il momento di passare all'hardware. Come vi ho anticipato, l'aspetto sperimentale della cosa sta essenzialmente qua.
Rullo di tamburi, ed eccolo...

Immagine

Di fronte a voi c'è tutto il TMS/LMS. Gli servono solo il suo alimentatore e un collegamento Ethernet. Se volete - ed era il requisito fondamentale che cercavo per sostituire il portatile che uso normalmente - potete staccare due cavi, metterlo in borsa e in 5 minuti ricollegarlo in un altro cinema. È una libreria mobile, autonoma a tutti gli effetti: un po' di furbizia nella configurazione della rete e anche il TMS funziona plug-and-play nel secondo cinema.

Ecco i componenti:

- MiniPC Z83-II, lo trovate prodotto da diversi OEM cinesi ma sono tutti uguali. È su Amazon a 99 Euro, monta un processore quad core Atom x5, 2GB di RAM ma soprattutto le due porte che ci servono, ossia la USB 3.0 e la Gigabit Ethernet. Ce ne sono anche modelli simili più costosi, tipo lo Z83-4 o lo Z84, ma la realtà è che quelle piccole differenze in termini di specifiche non aggiungono nulla all'uso che ne dobbiamo fare, non ci servono più RAM o la Wi-Fi. Monta Windows 10.

- Drive esterno autoalimentato USB 3.0 Toshiba da 2.5", capacità 2TB e prezzo inferiore alle 80 Euro sempre su Amazon. Come premesso, è una soluzione di compromesso condizionata dalla volontà di mettere tutto in borsa in pochi secondi. Un disco da 3.5" a 7200rpm con alimentazione separata garantirebbe prestazioni migliori, ma gli 85MB/s misurati in uscita da FileZilla a mio parere sono sufficienti per lavorare in una piccola struttura.

Totale, meno di 180 Euro esclusi mouse, tastiera e monitor, che comunque sono tutti superflui se dopo la prima configurazione ci installate sopra un server VNC o TeamViewer e accedete da remoto. Per una libreria che avrà anche delle limitazioni, ma nella mia esperienza è comunque ampiamente adeguata a semplificare il lavoro di una piccola multisala.

Ora, le note dolenti: ovviamente la scelta di questi componenti ultra-economici e ultra-compatti ha un punto critico, e cioè l'assenza totale di ridondanza. Ci sono un solo alimentatore e un solo drive, è impossibile garantire sia la tenuta dei dati che il funzionamento 24/7.

Il fatto è che la configurazione completa costa 180 Euro, che è meno del costo del solo alimentatore ATX ridondante da server - per non parlare del resto della macchina che devi costruirgli intorno. Ed è proprio per questo che, a mio parere, nessuno impedisce di comprare due kit completi e configurarli in modo che ogni notte si sincronizzino tra di loro.

D'altra parte, non è necessariamente un sistema mission-critical: un TMS facilita la gestione di uno o più server ma non è indispensabile, se cade il TMS la proiezione non si ferma. Discorso simile per la libreria: personalmente la uso non tanto come archivio principale (2TB sono pochi), quanto per consolidare e gestire meglio parte dei contenuti già presenti su OpenSky e MART, ad esempio per tenere solo i trailer più aggiornati senza dover necessariamente scorrere tutte le versioni e/o sincronizzare la pubblicità tra i vari schermi. Questo significa che se anche si rompesse il drive USB e non ci fosse il PC di backup di cui sopra, non perderei nulla di indispensabile - o quantomeno, che per il mio specifico utilizzo il fastidio legato alla eventuale perdita dei dati non vale le migliaia di Euro di un LMS "vero" e dei relativi costi di assistenza.

Insomma, questo è il livello zero di un TMS/LMS, volevo dimostrare che poteva funzionare ed effettivamente funziona.
Si può migliorare e potenziare in un miliardo di modi, ma il punto è uno: potrei anche metterci un doppio Xeon e decine di Terabyte, ma IMHO comunque non raggiungerei mai i prezzi che oggi vengono richiesti per un sistema commerciale. E soprattutto, a meno di non avere 12 schermi non ci farei assolutamente nulla.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da Antonio Marcheselli » mer lug 05, 2017 11:26 pm

se è quello che ho visto a Barcellona l'anno scorso faceva TUTTO (a pagamento) compreso il passaggio di trailer su monitor esterni via raspberry pi in funzione del film proiettato in sala. Cambiando la sala si cambiava tutta l'organizzazione dei monitor in automatico.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da pclarici » gio lug 06, 2017 12:06 am

Sì, non ho capito se è una caratteristica compresa nella versione a pagamento o un'integrazione con un secondo software di digital signage sempre fatto da loro che si chiama CinéDigital Display. Interessanti anche i moduli che consentono il collegamento con il programma di cassa e le piattaforme di pubblicità, anche se in entrambi i casi purtroppo si tratta di sistemi venduti solo in Francia.

Però tutto quello a cui ho fatto riferimento nel post è presente già nella versione free, limite dei 2 schermi a parte.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
Elia Orselli
Moderatore da Baskerville
Messaggi: 1045
Iscritto il: dom nov 18, 2007 9:31 am
Località: Imola, Bologna
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da Elia Orselli » ven lug 07, 2017 12:08 pm

Argomento interessante. Occhio che l'ultima immagine non risulta più disponibile.
Elia

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da pclarici » ven lug 07, 2017 1:06 pm

Grazie per la segnalazione, non l'ho toccata ma pare che imgur gli abbia cambiato lo shortlink.
Probabilmente è colpa della famigerata lobby dei TMS.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
Elia Orselli
Moderatore da Baskerville
Messaggi: 1045
Iscritto il: dom nov 18, 2007 9:31 am
Località: Imola, Bologna
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da Elia Orselli » mar ott 10, 2017 3:22 pm

Sto sperimentando anche io il TMS nella versione gratis su mini-pc e mi sembra interessante.
Sottolineo un dettaglio della funzione di trasferimento, che Pietro già preannunciava:
Screenshot_20.jpg
screenshot trasferimento
Screenshot_20.jpg (71.53 KiB) Visto 2553 volte
è possibile trasferire senza difficoltà DCP già ingestati con IMB Christie (che normalmente scombina i file e rende il recupero impossibile manualmente) non solo verso altre sale o library, ma anche su pc e hd esterni.

Per contro l'interfaccia di comando remoto di proiettore IMB (Solaria One) e processore audio (Ultra Stereo) risulta funzionate solo all'avvio del software: chiusa una prima volta e riaperta i comandi del proiettore sono inibiti e solo il riavvio del sw permette di usarli nuovamente, mentre restano efficienti il comando delle macro dell'IMB e le regolazioni del processore sonoro. Ho provato a chiedere delucidazioni, ma almeno per ora non ho avuto risposta.
Elia

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da pclarici » mar ott 10, 2017 4:24 pm

Purtroppo ho trovato due note dolenti:

1. Il prezzo non è basso quanto credevo. Francamente pensavo costasse poche centinaia di Euro in tutto, invece ne costa circa 750+IVA per schermo - tutto escluso, perché ho richiesto espressamente di non usufruire di servizi di installazione/assistenza.

2. Confermato il fatto che il JNIOR non è gestito direttamente, e anche la non compatibilità con i proiettori Serie 1.
Anzi, diciamola tutta: ho chiesto chiarimenti a uno dei rivenditori italiani, che per tutta risposta mi ha mandato uno screenshot dicendo "ma no, nessun problema, ecco un NEC NC1200C configurato". Quando gli ho fatto notare che i proiettori NEC che iniziano per 1 e i proiettori Serie 1 non sono la stessa cosa, non ho ottenuto più nessuna risposta.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
German
Messaggi: 40
Iscritto il: sab gen 03, 2004 4:04 pm
Località: Verbania

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da German » mer ott 11, 2017 6:18 pm

Dopo avere speso centinaia di migliaia di euro in proiettori e server, pretendere di spendere poche centinaia di euro per software TMS, un miniPC e un HDD autoalimentato sarebbe come comprarsi una lamborghini e mettere le gomme 145/65 R13.
Per la esperienza che ho con lo Screenwriter di AAM, che oltre a lavorare con RAID a 8 dischi, di aver bisogno memoria oltre agli 8GB e licenza annuale per schermo (non ti danno nemmeno la possibilità di usarlo gratis con 2 schermi, e non parliamo dei bug), CDM è molto valido.

Il Jnior non viene gestito dalle macro sul server? il cdm gestisce le automazioni create da loro... non hanno implementato quelle di terzi. Lo Screenwriter invece non gestisce nessun tipo di automazione.
-Hey doc, dove siamo?
-Ragazzo, la domanda esatta è: quando siamo?

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1707
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da pclarici » mer ott 11, 2017 11:04 pm

German ha scritto:Dopo avere speso centinaia di migliaia di euro in proiettori e server, pretendere di spendere poche centinaia di euro per software TMS, un miniPC e un HDD autoalimentato sarebbe come comprarsi una lamborghini e mettere le gomme 145/65 R13.
Per carità, la percezione del valore è soggettiva. Dal mio punto di vista, una semplice interfaccia (peraltro fatta anche male, sinceramente era migliore quella che avevo fatto io che non lo faccio nemmeno di lavoro) che non fa altro che accedere al contenuto dei server collegati e al massimo gestire qualche trasferimento FTP non può costare quelle cifre.

Simpatico vedere le timeline di 4 sale nella stessa schermata, ma sinceramente per 3000 Euro mi tengo aperte 4 finestre di VNC.
Sicuramente avrei un'idea diversa se di schermi ne avessi 10, ma il punto è proprio questo: loro questo software lo dovrebbero vendere alle mini-multisala come le mie, e secondo me a un quarto del prezzo ne venderebbero dieci volte tanto. Magari mi sbaglio.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
Mauro
Moderatore
Messaggi: 4223
Iscritto il: mer mag 28, 2003 11:58 am
Località: Milano

Re: Mini TMS/LMS autocostruito [Lungo]

Messaggio da Mauro » dom dic 31, 2017 11:21 pm

Installato CineDigital Manager così per curiosità: ne sono rimasto veramente soddisfatto, in considerazione soprattutto della scomodità di utilizzo del TCP o dell'interfaccia da browser del Solaria One.
"Only the projectionist gets final cut" (W.Friedkin)

Rispondi