Il Player DTS

Curiosità dal mondo Tecnologico - solo articoli di approfondimento - sezione moderata
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio mag 17, 2007 12:46 am

Approfondimento tecnico

(ps: se le immagini si rimpiccioliscono e non sono ingrandibili fatemelo sapere)

Il DTS e il suo funzionamento.

Venni a conoscenza del DTS nel lontano 1994, quando uscì il film “generazioni”, cambio di guardia dell’equipaggio di Star Trek, serie che adoravo da un po’ di tempo.
All’uscita del film, pur non essendo ancora particolarmente appassionato di cinema, mi recai con mio fratello al cinema Vittoria a vederlo.
Uscendo dalla sala mio fratello mi faceva notare come l’audio fosse stato favoloso, che sentiva le cose che giravano intorno.
Devo essere sincero: io non mi ero accorto assolutamente di niente!!!

Ma uscendo mi soffermai su un cartello spillato sotto le locandine di “Generazioni”.

Più o meno diceva: “Questo cinema è equipaggiato con il sistema DTS a 6 canali separati”.

Sul momento pensai “6 canali? E dove sono?” E cominciai a contare, ma a 6 non ci arrivavo mai!!

Da quel giorno, forse un po’ per il suggestivo commento di mio fratello cominciai a capire quale sale avessero il DTS.

Tagliamola corta. Quando entrai a lavorare nel mio primo cinema, per l'appunto il Vittoria, trovai questo vecchio DTS, un DTS-6 montato addirittura per Jurassic Park!
Io non sapevo niente di come funzionava il DTS o quella cabina di proiezione. Ero alle prime armi!
Il primo film in DTS che proiettai (purtroppo il cinema proiettava pochissimi film in DTS) fu Star Wars I, nel settembre 1999, a 4 mesi dal mio ingresso nel cinema.
Trovai assieme alle scatole del film un “volante”, erano le vecchie custodie dei dischi DTS.
Con emozione caricai i dischi nel lettore e cominciai a fare qualche prova.
Purtroppo il risultato non era soddisfacente per il semplice fatto che l’audio saltava, e io non capivo perché visto che ero un novellino.

E qui la mia innata curiosità e necessità di capire come funzionano le cose per saperle usare meglio mi ha spinto a capire come esattamente funzionasse il DTS.

Facciamo una premessa.
Cos’è il DTS?
Il DTS è un sistema audio, antagonista al Dolby. Inventato dalla Universal e da Steven Spielberg per Jurassic Park nel 1993 si proponeva come un sistema alternativo al Dolby Digital dalla migliore qualità in quanto dotato di un bitrate (la quantità di dati digitali) particolarmente elvato: 1500kbit/s circa contro i 320kbit/s della controparte Dolby.
E’ composto da un lettore esterno in cui vanno inseriti i CDROM (uno o due) relativi al film in proiezione. Una testina montata esternamente sul proiettore provvederà ad informare il lettore del punto esatto in cui si trova la pellicola.

Torniamo a noi e arriviamo direttamente ai risultati.
Quando ho aperto per la prima volta una unità DTS, la DTS-6 del Vittoria, rimasi molto sorpreso di trovarvi dentro… un PC basato su Intel 386 sx (nemmeno dx!). Un normalissimo, e antiquato, PC con una normalissima scheda madre dotata di 1MB di Ram se non erro, connettori ISA 16bit e 8 bit. Un normalissimo controller SCSI, due normalissimi lettori CD SCSI, e giusto quattro schede proprietarie DTS.
Il lettore più moderno, il DTS-6D, segue la stessa filosofia. Solo che il processore è diventato un 486 e le schede proprietarie son diventate due.
img013 (Small).jpg
img013 (Small).jpg (42.2 KiB) Visto 10072 volte
img014 (Small).jpg
img014 (Small).jpg (48.82 KiB) Visto 10072 volte
img015 (Small).jpg
img015 (Small).jpg (53.89 KiB) Visto 10073 volte
Il processore APTX100 che si occupa della decodifica hardware del DTS
img012 (Small).jpg
img012 (Small).jpg (44.63 KiB) Visto 10070 volte
Il principio di funzionamento del DTS è molto semplice: le teste di lettura posizionate sui proiettori si occupano di leggere un segnale di sincronia chiamato “timecode” (codice temporale) che informa in tempo reale il lettore sulla posizione esatta al frame del film in proiezione, oltre che al film in proiezione, attraverso un numero di serie univoco.
Una volta che il lettore riceve questi dati (posizione e numero di serie) anzitutto verifica se i dischi inseriti coincidano al film in proiezione, tramite confronto del numero di serie, e se questo controllo dà esito positivo il sistema sincronizza l’uscita dell’audio con la posizione indicata dalle teste di lettura timecode.
Il sistema è basato appunto su un normalissimo PC 386 o 486. Il sistema operativo è niente popo’ di meno che il DOS! Il DOS viene caricato da una scheda AQRM (Acqutek modello PM-8002) che in pratica simula un floppy A: su cui risiede il DOS, i driver del controller SCSI (i classici vecchi .SYS che si trovavano nei vecchi PC oltre all’MSCDEX per far vedere l’unità sotto DOS) e un banale file DTS.EXE che va a cercare SUI DISCHI un ulteriore file DTS.EXE e lo esegue.
DSC02249 (Small).JPG
DSC02249 (Small).JPG (44.72 KiB) Visto 10071 volte
Sì, il sistema operativo presente sull’unità è quanto basta per caricare i driver, in realtà il software che governa l’unità è caricato ogni volta dai CDROM. Questo consente alla DTS di “aggiornare” in tempo reale le unità semplicemente salvando una versione diversa di DTS.EXE sui CDROM.
Il vecchio DTS-6 non aveva la scheda AQRM, se non ho capito male, almeno fino ad un certo punto, funzionava con un CHIP “ROM-DOS” presente sulla D422, la scheda di gestione timecode.

Ovviamente per operare su quest’interfaccia, e vedere cosa succede, è sufficiente installare una vecchia scheda video ISA nel lettore e collegare un monitor qualsiasi. Si vedranno tutti i passaggi del software compresa una utile schermata di status durante il funzionamento.

All’avvio quindi il sistema presenta una normalissima schermata di una scheda madre, con tanto di conteggio della memoria. Poi si caricano i driver dei CDROM e infine si attende che venga inserito un CD. Se il CD è inserito o viene inserito viene caricato il sofware presente sui dischi, che di default si pone in una condizione di “play all reels with timecode”, in altre parole si pone in attesa di timecode.

Questa schermata che vedete con “il codice da Vinci” è un riepilogativo di tutti i parametri di funzionamento ed è la schermata “play all reels with timecode
DSC02252 (Small).JPG
schermata DTS
DSC02252 (Small).JPG (48.48 KiB) Visto 10069 volte
Più in dettaglio in alto a sinistra troviamo la versione del software presente sul CD. Nel nostro caso 2.51.20. Subito sotto la versione del chip del Timecode. E’ un chip presente sulla scheda di gestione timecode che a quanto pare non fa solo quello per motivi che vedremo. La DTS ha aggiornato negli anni questo chip, ormai da diverso tempo siamo alla 1.46.
Più in basso i vari valori

Player type: il tipo di lettore e come è configurato (c’è la possibilità di configurare un lettore SV – Special venue - per riprodurre una combinazione di canali diversa
Delay-Fixed: Il ritardo impostato della testa di lettura in base alla sua posizione sulla macchina. Il ritardo “fixed” evidentemente è un valore impostato di fabbrica perché non cambia mai.
CDROM Driver: In maiuscolo i drive che hanno un CD dentro. In minuscolo quelli “vuoti”.
Timecode Mode: Da qualche parte ricordo esiste/esisteva il modo di far funzionare il DTS anche con Timecode in standard SMPTE invece che in standard DTS. Per esempio per far sincronizzare l’unità non da una testa DTS ma da un apparecchio esterno.
DAC bin 0-15: non ne ho idea! #61514;
Sync at opt hd: immagino sia “Sync at optional Hard Disk”. Evidentemente è possibile installare un hard disk. Io ci ho provato ma la scheda madre non accetta né floppy né HD non avendo i connettori (ai tempi usavano controller esterni) e comunque per configurarli occorrebbero i driver, e quindi dovremmo riscrivere la memoria che contiene il sistema operativo.

Title: il titolo del film. E’ scritto in ogni file letto dal lettore, assieme al numero seriale
Setup: Esistono dei dischi di setup con toni vari per fare test di riproduzione e impostare i livelli. Se il disco è riconosciuto come “setup” allora viene riprodotto automaticamente senza timecode.
Rx Serial #: Numero di serie ricevuto. Corrisponde al titolo del film
SN Status: Non saprei. Immagino che quando il numero di serie ricevuto è valido vada su OK
SN Counter: anche qui non saprei visto che questo valore parte da zero e in pochi secondi si assesta sempre su 25.
End of File: se il timecode continua ma il file audio finisce il lettore interrompe ovviamente la riproduzione e segnala che la riproduzione è interrotta in quanto si è raggiunta la fine del file
De-Emphasis: Non ne ho idea!
Default NR: Il formato di fall-back in caso di sgancio del DTS. Ormai non serve a niente, ma una volta era possibile che il film fosse in DTS e la traccia analogica fosse Dolby A o anche mono.
Unmute count: valore importantissimo. Il numero delle volte che il lettore chiama DTS sul processore. Quindi il numero delle volte che il processore sgancia in SR.
Reel Changes: il numero di parti che sono passate. Un trailer DTS è considerata una parte.
Edit count: se il DTS si trova improvvisamente fuori sincrono per più di pochi millisecondi la considera un “edit” e cioè fa una microinterruzione e torna immediatamente in sync. L’interruzione ha un fade-out e un fade-in in modo che sia impercettibile. Se il fuori sync è ridotto il DTS corregge variando la velocità di riproduzione.
Sync error: l’errore di sync in tempo reale. Sta fisso su 0 o su valori che poi comunque dopo pochi istanti tornano a zero.
Edit TC: il punto del timecode in cui è stato fatto l’ultimo edit. Il problema è capire a cosa corrisponde quel numero in minuti e secondi! In ogni rullo il timecode parte da zero.
Unmute TC: il punto del timecode in cui il DTS ha chiamato il formato 11 sul processore dolby.

In questo caso dovevo aver avviato il processore da poco in quanto altrimenti Un mute TC sarebbe stato ad un valore molto basso (i primi secondi del rullo 1) e visto che “un mute count” sta ad 1 è impossibile che il processore nel frattempo abbia sganciato e riagganciato in un altro punto. Evidentemente l’unica volta che ha agganciato non lo ha fatto all’inizio di un rullo.

In alto a destra abbiamo in tempo reale il timecode alla testa di lettura (Reader) e il punto effettivamente riprodotto in quel momento (Player) che poi non è altro che il timecode letto, più il delay impostato. Il primo numero non sono le ore ma il numero del rullo. Il resto sono i classici minuti, secondi, frame.

Il valore “Queue/min” è fondamentale nel troubleshooting di un player DTS.
In pratica rappresenta il buffer di lettura dell’audio. L’audio viene letto dai CD in anticipo rispetto a quanto necessario, e riprodotto in sala qualche secondo dopo. Nel frattempo permane in un buffer, che serve a compensare eventuali problemi di lettura dei CDROM.
Il primo valore, “queue” (in inglese: Coda) è in tempo reale la quantità di suono presente nel buffer. Maggiore è il numero, meglio è. “Min” rappresenta il valore minimo raggiunto dal buffer nell’arco di una proiezione. Tale valore si resetta quando il lettore sgancia in SR.

Un sistema ben funzionante manterrà il minimo del buffer superiore a 100, calcolando che più di 150 il buffer non contiene. Piccole incertezze di lettura, cambio parte, cambio disco, porteranno il buffer a scendere, per istanti, anche sotto a 100 ma mediamente la lettura non scende mai sotto questo valore. Se durante il film troviamo il minimo del buffer, esempio, a 10, vuol dire che per un lettore ha avuto qualche problema in lettura ed è riuscito a recuperare giusto pochissimi istanti prima che il buffer arrivasse a zero (e il player sganciasse in Dolby).
Nel momento in cui il buffer arriva a zero (mancanza timecode prolungata, errore di lettura) il player sgancia nel formato di backup indicato.
Nel momento in cui il player è nuovamente in grado di riprodurre audio e si riaggancerà sul processore Dolby, il conteggio ricomincerà da capo e il valore “unmute count” passerà a 2.

Il funzionamento nel dettaglio del player DTS è molto semplice e può essere semplicemente schematizzato con un diagramma di flusso.
img009 (Small).jpg
img009 (Small).jpg (26.85 KiB) Visto 10068 volte
Si comincia con l’inserimento dei CDROM e il passaggio della pellicola nella testa di lettura. A questo punto il lettore carica il software dai CD, verifica il contenuto audio dei dischi stessi, e si pone in una condizione di attesa di timecode. In questa condizione il LED “SYSTEM” lampeggia e tutti gli altri sono spenti.
Appena il lettore riceve del Timecode valido (quindi un numero di serie e un riferimento temporale) questi accende la spia “TIMECODE” sul frontale ad indicazione, appunto, che il timecode è ricevuto correttamente.
Immediatamente al ricevimento del timecode il lettore confronta il numero di serie ricevuto con quello presente sui CDROM.
Se i numeri coincidono si accende la spia “CDROM” – indicante che i CDROM inseriti corrispondono al Timecode – e immediatamente la spia “DIGITAL” che indica la riproduzione del suono. Contemporaneamente il cavo di automazione del DTS chiama sul processore Dolby il formato “11” che lo caratterizza e in sala viene riprodotto audio DTS.

Nel momento in cui per mancanza di timecode, di corrispondenti files sui dischi, o di problemi di lettura la riproduzione dovesse rendersi impossibile il lettore immediatamente richiama il formato di backup (indicato su Default NR) e ritorna in una condizione di attesa.

Immagine

Poiché il sistema DTS legge l’audio da dei CDROM e non dalla pellicola, si ha la possibilità di una interessante caratteristica.
Quando il Timecode viene a mancare, il lettore prosegue la riproduzione del suono per circa 3 secondi prima di sganciare in SR. In questo modo brevi tratti di pellicola rovinati, giunte, deformazioni, graffi, scotch niente possono contro il DTS che riproduce in maniera impeccabile anche se il timecode è leggibile a tratti.
Ovviamente dopo 3 secondi di “fiducia” il lettore non può continuare e sgancia in SR.

[ironia: moltissimo tempo fa qualcuno mi spiegò questa cosa adducendo il fatto che il DTS controlla la sincronia ogni 10 secondi e quindi in caso di stop improvviso l'audio prosegue appunto per 10 secondi!!]

Questa caratteristica ha delle controindicazioni banali, ma che se non sono conosciute portano a considerare il sistema DTS “inaffidabile”.

Immaginiamo per esempio di ricevere un film con un “hardlock” in testa. E immaginiamo di tagliare tale hardlock e di spostarlo assieme a tutti gli altri trailer, qualche minuto prima nel blocco pubblicitario.
Spesso il Timecode DTS viene stampato con un certo anticipo sull’inizio del film. Ipotizziamo che tagliando sul nero senza troppa attenzione si vada ad includere in FONDO all’hardlock qualche centimetro di Timecode. Per il film non è un problema, in quanto anche se si va a proiettare uno spezzone di film, il DTS non fa che adeguarsi alla sincronia ricevuta, che parta da zero o no.

Ma proiettiamo adesso il nostro blocco pubblicitario. Alla fine del nostro hardlock riposizionato, il lettore DTS vede qualche centimetro di timecode di inizio film. Il Player a quel punto si sincronizza e aggancia l’inizio del film, che diciamo sia silenzioso. A quel punto passa la giunta e il timecode finisce subito per passare ad un altro trailer.
Ma abbiamo detto che il player DTS prima di sganciare in assenza di timecode aspetta circa 3 secondi. E quei 3 secondi purtroppo in questo caso vanno a sovrapporsi all’audio del trailer successivo, magari con l’inizio della fanfara 20th FOX (l’inizio del film!) prima di sganciare di colpo con l’audio corretto della pellicola.

Questo ovviamente è evitabilissimo: è sufficiente aver cura di non tagliare via pezzi di timecode dal film!!

Altro piccolo “inconveniente” è che se la proiezione dovesse interrompersi la riproduzione audio continuerebbe tranquilla per circa 3 secondi prima di interrompersi.
Infine, l’intervallo. Usanza ormai abbandonata, per fortuna, dalle distribuzioni, era quella di levare 1 secondo di audio prima della scritta “intervallo” in modo che al passaggio della scritta “INTERVALLO” l’audio sulla pellicola fosse già terminato. Con il DTS questo non funziona perché sì il timecode è assente da un secondo, ma per due secondi il player DTS continuerà con l’audio presente sul file, e questo comprende anche i beep di sincronia presenti in fondo alle code.
Ovviamente l’intervallo non è presente né concepito in USA e quindi alla DTS, giustamente dico io, si sono ben guardati dal pensare una soluzione a questo “inconveniente”.

Il player DTS si collega ad un processore audio attraverso due cavi (in figura il DTS-6 che aveva i cavi 6-channel e automation integrati nel grosso connettore nero).
img010 (Small).jpg
img010 (Small).jpg (44.18 KiB) Visto 10068 volte
Il cavo “6 channel” è il cavo che trasporta l’audio a 6 canali dal lettore al processore audio Dolby.
Il cavo “automation” è il cavo che si occupa di selezionare il formato 11 (external 6-channel) quando il Player DTS è in grado di riprodurre il suono e il formato 05 (Dolby SR) quando non è più in grado di farlo.

Il cavo “automation” si miscela con il cavo automazione proveniente dalla nostra automazione. Vi è spesso un’interfaccia dallo scopo secondario che vedremo.

E’ da notare una differenza fondamentale tra un processore Dolby e un processore DTS.

Il processore Dolby ha completo controllo sulla sua codifica Dolby Digital. Se si tenta di selezionare un formato 10 (Dolby Digital) quando la decodifica digitale per qualche motivo non è attiva, il processore (CP65, CP500, CP650… tutti quanti!) non accettano la commutazione, rimandando in Dolby SR.

Per quanto riguarda il Format 11 invece, il processore Dolby non ha alcun ritorno dal player DTS. Quindi se l’operatore o l’automazione selezionano il Format 11 e l’unità DTS in quel momento non sta riproducendo niente in sala andrà il tenebroso muto in quanto, appunto, il Processore Dolby non ha alcun feedback dal player DTS.

Questo comporta che sia inutile far sì che l’automazione richiami l’audio DTS ad inizio film in quanto se per qualche anomalia il lettore non riproduce (semplicemente il player lasciato spento oppure la pellicola che non passa per la testa di lettura) in sala non ci sarà audio.

Inoltre, proprio perché il processore Dolby non ha alcun feedback, se l’automazione o l’operatore impostano manualmente un formato diverso dal Format 11 DOPO che il lettore DTS si è richiamato, tutto il resto della proiezione proseguirà nel formato selezionato manualmente perché anche il DTS non ha alcun feedback dal processore Dolby e non ha modo di sapere che qualcuno ha modificato il formato audio.

Questo è motivo di confusione spesso tra gli utilizzatori del DTS in quanto spesso le automazioni vengono impostate per chiamare un formato e non lasciare al lettore “carta bianca” per selezionarsi quando è pronto. Stesso inconveniente se l’automazione richiama il formato SRD DOPO che il player DTS si è selezionato: il resto della proiezione proseguirà in SRD e non in DTS nonostante il lettore riproduca per tutto il tempo regolarmente.

Altro piccolo inconveniente da tenere a mente è la funzione di Auto Digital dei processori CP500 e CP650. Si tratta di una piccola funzione, inutile a mio avviso, che permette al processore di switchare automaticamente in SRD qualora venga selezionato un formato diverso dall’SRD e sia invece presente una traccia SRD valida.

Esempio: seleziono MONO, ma è presente una traccia SRD valida? Il processore automaticamente passa in SRD a meno che non prema nuovamente MONO; a quel punto il processore capisce che si tratta di una mia scelta e rimane in MONO.

Il problema è che con il CP500 il Format 11 (il DTS) non era incluso nell’elenco di formati da cui il processore aveva il permesso di passare a SRD e comunque era tutto impostabile; nel CP650 questa funzione è stata rimossa e anche il Format 11 è diventato parte di quei formati che il CP bypassa nel momento in cui viene rilevata traccia SRD valida.

Risultato? Il Player DTS si richiama in Format 11 ma il processore passa immediatamente in SRD. Serve una seconda pressione del tasto “11” per far capire al processore che si desidera per davvero riprodurre il Format 11. Soluzione? Disabilitare l’auto digital! ;)

Per questo motivo ho sentito le più disparate spiegazioni: dal nuovo cavetto che collega il DTS al CP e che consente al CP e al DTS di dialogare e di sapere cosa sta facendo l’altro, a improbabili interferenze e automazioni forzate per dare impulsi lunghi decine di secondi per forzare il richiamo in DTS!

Sono stato prolisso e probabilmente poco chiaro.
In sintesi: il processore DTS è un sistema molto affidabile, è sufficiente conoscere le basi del suo funzionamento. Come per tutte le cose direi.

Magari se qualcuno ha delle domande sarei ben lieto di rispondere.


_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

Iv@no
Fisherman
Messaggi: 712
Iscritto il: mer giu 16, 2004 11:19 pm
Skype: panarello1
Località: Piemonte
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da Iv@no » gio mag 17, 2007 2:46 am

Ne approfitto subito ;)
Non ho capito bene:
Se durante una proiezione il film da dts passa a sr/srd torna su dts appena possibile da solo o si deve richiamare il formato a mano ?

Lunghi giorni e piacevoli notti

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da Walter » gio mag 17, 2007 8:37 am

Quindi, se in un film lungo decidessi di fare l'intervallo dovrei stare col dito pronto sul cp a mettere in MUTE all'apparire della scritta INTERVALLO...:(
Non m'è ben chiaro il discorso del collegamento al CP. Col mio CP 500 quando parte un CD in DTS lui va da solo a riprodurre questo formato, non serve che pigi io il bottone!

WALTER - Cinema Teatro Loverini
www.loverini.it

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » gio mag 17, 2007 9:55 am

Comunque il bitrate APTX-100 è di 882 Kbps... :|
La DE-EMPHASIS consiste nel processo di de-enfasi o de-enfatizzazione delle alte frequenze. Agisce sullo spettro sonoro riducendo la parte alta dello stesso nel caso in cui il master (dal quale è stata tratta la traccia DTS) contenga probremi di fruscio o quant'altro...una sorta di approssimativa riduzione del rumore!

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Gianluca Breda
Utente 35mm
Messaggi: 1064
Iscritto il: ven dic 01, 2006 2:21 pm
Località: Lombardia

Il Player DTS

Messaggio da Gianluca Breda » gio mag 17, 2007 11:04 am

grazie mille antonio!!

quando dici che che il timecode informa con precisione "esatta al frame" intendi che ogni singolo fotogramma ha un suo codice univoco, giusto?

un'altra domanda... ammettiamo che io, nella mia sala "premacero", decida di mettere il DTS per ovviare al fatto che la traccia SRD mi arrivi gia' bella che sbriciolata.

Mediamente considero che per ogni passaggio da un cinema all'altro il singolo rullo perda 1 fotogramma (stima enormemente ottimistica): ammettendo che a me la pellicola arrivi al 5o passaggio ottengo che all'altezza della giunta ci sia un gap tra una parte e l'altra di ben 5 fotogrammi.

Ammettiamo, sempre per sfiga cosmica, che all'altezza della giunta il timecode sia rovinato: mi becco 3 secondi in ritardo ed in piu' enormemente fuori tempo (anche se piu' o meno l'effetto e' il medesimo) oppure appena la testa DTS ritrova un timecode valido smette di riprodurre i famosi 3 secondi "ad occhi chiusi"?

spero di essere stato chiaro^^

Gianluca

Avatar utente
Daniele Buttafava
Utente 35mm
Messaggi: 1289
Iscritto il: mer giu 29, 2005 11:48 pm
Località: Genova Liguria

Il Player DTS

Messaggio da Daniele Buttafava » gio mag 17, 2007 11:40 am

Gialu.Per esperienza (lavoro con questo sistema fin da Jurassic park)il Dts e' il sistema digitale piu' affidabile,ti posso assicurare che anche se la pellicola e' completamente andata ma il time code e' appena leggibile il processore manterra' comunque sempre il sistema perfettamente funzionante.Mi e' gia' capitato di passare copie completamente distrutte con tagli vistosi ma con il DTS perfettamente funzionante e,sempre in sincrono.
Non posso dire altrettanto del Dolby D purtroppo!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio mag 17, 2007 12:41 pm

Evidentemente c'è un passaggio sul collegamento che non è chiaro, proverò a rileggere se me lo segnalate mi fate un favore.

No, il DTS è completamente autonomo, si richiama in 11 e torna in 05 da solo. Questo sia all'inizio del film sia durante la proiezione per qualsiasi problema.

Walter: Sì, se hai un automazione flessibile l'ideale è mettere un richiamo al muto quando passa in intervallo altrimenti in sala continua l'audio e poi... BEEP.

Sempre che non abbiano deciso di levare i BEEP dalla fine dei files.

Ho scordato di scrivere che i CD DTS sono normalissimi CD DATI. Contengono quindi un file DTS.EXE e tanti files quanti sono i rulli. Ogni rullo ha un suo file audio che contiene le stesse identiche informazioni del Dolby Digital, comprese le code nere. Quindi se il timecode si interrompe a FINE RULLO (vd intervallo, la macchina si ferma) il DTS prosegue a leggere non sul file del rullo successivo, bensì sul file del rullo attuale, riproducendo in sala il rimanente suono e il BEEP di sincronia.

Ho anche scordato di scrivere cosa vuol dire "END OF FILE", aggiornerò.

Mac: Penso che tu abbia ragione, mi confondo con il DTS casalingo!

Gianlu: calcola che il timecode è accanto all'immagine. Se il Timecode è rovinato... il film è da buttare!!! Per avere problemi di timecode il film doveebbe essere realmente accartocciato!!
Ad ogni modo se proprio capitasse una giunta con 10 secondi di audio mancante, e in quel punto il timecode non viene letto, il player continua per 3 secondi fuori sincrono e poi sgancia. Ma è una possibilità veramente remota!!
Ovviamente se durante quei 3 secondi "di fiducia" il DTS si ritrova un timecode tutto differenze, aggiorna immediatamente l'audio rimettendosi immediatamente in sincrono.

Calcola anche che la testa DTS, contrariamente alla maggioranza delle teste SRD, è SEMPRE posta PRIMA della proiezione. Questo fa sì che il player possa aggiustare l'audio immediatamente al passaggio della giunta e non un secondo dopo.

Ciao!
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » gio mag 17, 2007 4:36 pm

Infatti è il DTS "domestico" che utilizza un bitrate di 768 o 1536 Kbps (rispettivamente per PAL o NTSC) nel caso in cui il campionamento sia a 48 KHz (doppio se si utilizza il DTS 96/24), mentre per quanto riguarda i CD (musicali, non cinematografici) codificati DTS la frequenza di campionamento sara 44,1KHz ma con un bitrate di 1234 Kbps ... 8)

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio mag 17, 2007 10:33 pm

I parametri che sono in basso me li sono scordati.

LAST CHANGEOVER: In inglese "changeover" è il cambio macchina. Da una certa versione software del DTS in poi è stato stabilito che il changeover (quindi il vero e proprio cambio macchina) doveva essere modificato. Infatti con due proiettori ci sono due teste di lettura. In principio se il player era in esecuzione e riceveva altro timecode dall'altra testa, il player prendeva il nuovo timecode come quello nuovo.
Questo costringeva ad un po' di attenzione perché se mentre andava il primo proiettore si mandava avanti il secondo proiettore, anche a lampada spenta, il DTS sincronizzava immediatamente sul secondo proiettore.
Per minimizzare problemi, le nuove versioni software controllano se il rullo in questione è pari o dispari. Se è in esecuzione un rullo PARI il player riterrà timecode valido dall'altra testa di lettura solamente se proveniente da un rullo Dispari e viceversa! E se non erro di numero maggiore (quindi niente cambio macchina da 5 a 4). Almeno credo, ho solo letto e non ho mai provato.

NonSync Closure: un contatto esterno al processore, del quale non ricordo l'utilità.

CD Motor Mode: Normalmente i CDROM si fermano dopo 30 minuti (1800 secondi) di inattività. E' possibile specificare un tempo diverso e, immagino, anche di non fermarsi mai. In questo caso mi avvisa che dopo un certo timeout (specificato sotto) i CDROM si fermano. Ovviamente se il CDROM "A" sta lavorando il "B" non si ferma mai.

Motors/countdown: Questo è il tempo che rimane per fermare i CDROM. Se non ricordo male l'asterisco indica il motore del CD che gira e il tempo (zero in questo caso, il film sta andando) indica il tempo rimanente allo stop per risparmio energetico. Di default 1800s.

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » dom mag 20, 2007 12:57 am

Un lettore CD-ROM SCSI 4x della Toshiba lo posso montare nel DTS-6D in sostituzione di uno degli originali?

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom mag 20, 2007 2:34 am

Dunque.

Ufficialmente, ovviamente, no.
La DTS sostiene che il firmware dei loro lettori è modificato.
Io ho provato diversi lettori, in sostituzione degli originali. Ovviamente serve qualcosa di compatibile come interfaccia.
Ho provato masterizzatori waitec, lettori DVD pioneer, masterizzatori yamaha, lettori plextor, altri Toshiba ma 40x.

Tutti hanno avuto problemi. Chi riavviavano tutto il player all'avvio, chi funzionava ma ogni tanto saltava l'audio, chi non era veloce a sufficienza per partire al secondo tempo o anche al primo avvio ecc. ecc.
I Toshiba 40x sono andati bene per un annetto poi, inspiegabilmente?, han cominciato ad andare a gusto loro. Magari bene per tre giorni, poi una giornata saltavano 50 volte a spettacolo...

Come ultima chance ho ordinato dagli USA gli stessi medesimi lettori originali, stesso modello. Sono fondi di magazzino ovviamente ma li ho trovati nuovi imballati e a poco prezzo.

Li ho su da quando è uscito Spiderman, o pochi giorni dopo. Stiamo monitorando spettacolo per spettacolo (segnamo il valore di Unmute count, che deve corrispondere agli spettacoli, e il "MIN" del queue, per valutare).
Solamente ieri abbiamo trovato uno spettacolo agganciato due volte, tutti gli altri 40 circa spettacoli sono andati sempre bene e con QUEUE minimo > 100.
Continuerò a monitorare per un po', ma a quanto pare la storia del firmware potrebbe essere una bufala. Forse semplicemente i player sono ottimizzati per quella decina di CDROM che la DTS ha cambiato nel tempo.

Ad ogni modo se non la so sbagliata i nuovi kit contengono un nuovo controller SCSI (come quasi sempre!) e un Bridge SCSI-IDE e i CDROM sono diventati DVDROM. E a quanto ne so a questo punto può essere montato qualsiasi lettore, purché tutti uguali.

Il fatto è che la DTS, sempre che la mia fonte sia corretta, vende il kit a circa 600 euro per tre lettori CD/DVD. Calcolando che ho pagato gli XM-5401B (i lettori originali) 15 dollari... :D

Una cosa la preciso: ovviamente le mie sono sperimentazioni da chi non ha di meglio da fare e perché ci tengo ad avere il DTS funzionante che altrimenti adesso giacerebbe su uno scaffale.

L'unica alternativa professionale per far funzionare PER BENE un player DTS è ricorrere ai pezzi di ricambio originali.

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » dom mag 20, 2007 9:56 am

Grazie 1000!
Comunque penso funzioni perchè il lettore che ti dicevo è l'XM-5701B ed ha caratteristiche simili all'XM-5401B che utilizzi!!!

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » dom mag 20, 2007 10:44 am

Non è che per caso ti ricordi la posizione dei jumper per il 2° lettore?

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom mag 20, 2007 1:14 pm

Io ho usato gli XM-6401B (40x) ma con cattivi risultati.

Fondamentalmente puoi riferirti qui http://www.dtsonline.com/techcenter/index.html pagina 12, seleziona ID1, ID2, ID4 come da tabella. I CD devono prendere un ID SCSI preciso.

Termina solo l'ultimo in catena.

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » dom mag 20, 2007 3:36 pm

Purtroppo non sono registrato che non utilizzo nel mio cinema il DTS, ma la modifica la devo fare ad un DTS-6 di un mio amico proiezionista a Foligno! :oops:

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom mag 20, 2007 4:07 pm

La registrazione è gratuita!

Ripeto però: non è un sistema affidabile.

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » ven giu 01, 2007 12:10 pm

Ho scoperto che l'XM-5701B è il lettore SCSI 4x montato di default nei primi DTS-6!!! Una piccola domandina però.... è necessario x forza utilizzare lo stesso tipo di lettori contemporaneamente? Non potrei ad esempio utilizzare Toshiba e Teac insieme?

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24284
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Il Player DTS

Messaggio da Antonio Marcheselli » ven giu 01, 2007 1:11 pm

Sicuro? I primi DTS6 montavano quelli con lo sportellino e il caddy! Favoloso, li avevo al Vittoria ma non ne ricordo il modello.
Comunque i primi so che erano addirittura 2X!

L'utilizzo mescolato forse è anche possibile ma presumo che sia sconsigliato! Vedi se funziona ma non farti ingannare da uno spettacolo che va.

E ricorda che in situazioni di anomalia il DTS può benissimo inchiodarsi e NON selezionare il formato di backup sul processore!!

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpson

MacGyver
Utente 16mm
Messaggi: 178
Iscritto il: ven ott 29, 2004 11:16 pm
Località: Umbria
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da MacGyver » sab giu 02, 2007 1:23 pm

Hai ragione,si tratta della 2^ versione successiva alla prima con caddy 2x! :)
Mmmmm....tentar non nuoce...vediamo che succede...! Peggio di un'esplosione :? non può esserci altro...spero! :D

Marco Coldagelli - Cinema Teatro "Don Bosco" - Gualdo Tadino (PG)

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Il Player DTS

Messaggio da Walter » sab dic 01, 2007 3:02 pm

Stamattina, seguendo i consigli del buon Antonio, ho dotato anche il mio player DTS di scheda video e monitor;):

Immagine:Immagine 86,03 KB

WALTER - Cinema Teatro Loverini
www.loverini.it

Rispondi