My new life in the UK

Discussioni di tutti i tipi, ma non di Cinema
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » gio lug 16, 2009 1:54 pm

Eccolo qua.

Stavolta "giardinetti" perché ormai non sono più nessuno :)
Più avanti aggiorno per bene con una descrizione completa e qualche foto. Voglio solo dire che - cercando di essere oggettivo - la differenza UK-Italia è abissale. Il breve viaggio da casa mia all'aereoporto di Pisa è stato costellato di disservizi e di situazioni al limite del paradossale.
Arrivato in UK, nonostante i 40m di ritardo dell'aereo, sono riuscito a prendere il treno in 15 minuti secchi da quando sono uscito dall'aereo, compreso controllo documenti, acquisto biglietto, ritiro bagagli. E' semplicemente un altro modo di fare.
Il treno ovviamente era perfettamente in orario e ho sentito persone lamentarsi del ritardo e chiedere informazioni al personale per le coincidenze, in quanto il treno è arrivato con 55 secondi d'orologio di ritardo all'ultima stazione.
In Italia mi sono divertito ad appuntarmi tutti i problemi riscontrati, ho riempito una pagina. Poi scriverò dettagliatamente :)

Per il resto, arrivare di giorno, con il sole, il verde, i contrasti del tramonto e la temperatura gradevole mi hanno fatto sentire bene. Qui mi sono sentito a casa, anche per amici che ho ritrovato, e questo ha aiutato molto psicologicamente. Anche il solo conoscere i posti aiuta, non mi sento perduto.

Ora piano piano mi sistemo un po'. Per adesso mi sento convinto di aver fatto la scelta giusta.

A presto
Antonio
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
88stressato
Il Troll del Forum
Messaggi: 916
Iscritto il: gio dic 11, 2008 2:04 pm
Skype: proiezionista88
Località: Lombardia - Cremona
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da 88stressato » gio lug 16, 2009 8:31 pm

Antonio Marcheselli ha scritto: Stavolta "giardinetti" perché ormai non sono più nessuno :)
non è vero che non sei piu nessuno!!!! che stai dicendo!!!!!! sei stato.... sei e sarai sempre un proiezionista...dentro!!!!!! la passione del cinema sarà sempre con te!!!! non potrai dividerti da lei!!!!!

Stefano
Perchè il Vero Cinema lo trovi solo da noi!!! www.cinemaurora.it

Iv@no
Fisherman
Messaggi: 712
Iscritto il: mer giu 16, 2004 11:19 pm
Skype: panarello1
Località: Piemonte
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Iv@no » ven lug 17, 2009 2:48 am

88stressato ha scritto:
! sei stato.... sei e sarai sempre un proiezionista...dentro!!!!!!
Stefano
Questa mi sà di minaccia :)

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » ven lug 17, 2009 12:10 pm

mi sà di minaccia
Minaccia alla lingua Italiana. :D

Sto preparando un piccolo resoconto, da stasera sono più sstemato e con una buona connessione.

Cia
A
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
88stressato
Il Troll del Forum
Messaggi: 916
Iscritto il: gio dic 11, 2008 2:04 pm
Skype: proiezionista88
Località: Lombardia - Cremona
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da 88stressato » ven lug 17, 2009 9:39 pm

e dai... stiamo qua a guardare stò piccolezze!!!!!!

:hahaha: :hahaha: :) :) :hahaha: :hahaha:

qualche errore...ci puo scappare!!!

Stefano


P.s
x Antonio.... è ora che modifichi nel tuo profilo la località...non sei più in Toscana!!!!
Perchè il Vero Cinema lo trovi solo da noi!!! www.cinemaurora.it

Avatar utente
Gio
Utente 35mm
Messaggi: 3560
Iscritto il: gio mag 30, 2002 6:16 pm
Località: Veneto
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Gio » ven lug 17, 2009 10:34 pm

55 minuti li ritengo "ritardo", 55 secondi ritengo con ragionevole dubbio che il mio orologio sia un po' in anticipo :)

Aspettiamo il resoconto!!!

p.s. "nessuno" mi par proprio di NO :ok:
Giovanni Zampieri
La petite Lumière cinemultisala - Belluno

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab lug 18, 2009 1:12 am

No no, proprio 55 secondi e comunque ho scoperto che il mio orologio è in anticipo di 60 secondi. :)
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Walter » sab lug 18, 2009 2:27 pm

Boh, io continuo a pensare che su te ci sia qualche strano congiungimento astrale che diffonda su te sfiga in italia e fortuna in UK :hahaha: :hahaha:
WALTER - Cinema Teatro Loverini
http://www.loverini.it

Gianluca Breda
Utente 35mm
Messaggi: 1064
Iscritto il: ven dic 01, 2006 2:21 pm
Località: Lombardia

Re: My new life in the UK

Messaggio da Gianluca Breda » sab lug 18, 2009 5:03 pm

speriamo quantomeno che la sua dose di sfiga italiana se ne rimanga sopita in attesa del ritorno e non si metta a tormentare qualcun'altro del forum!
Ti conviene cercare un lavoro migliore, i proiezionisti vanno a letto tardi, sono pagati poco e vedono la vita passare attraverso una finestrella di ispezione.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab lug 18, 2009 7:28 pm

Parliamone.

Dunque qui sono arrivato e "non funziona l'aspirapolvere". Potete vagamente immaginare una casa con moquette non aspirata da mesi...

Scopro che mancano semplicemente i sacchetti. Vado in giro e non trovo niente. Così penso "siamo in UK, qui le poste funzionano e magari posso ordinare facilmente online".

Trovo http://www.dustbag.co.uk inserisco il modello dell'aspirapolvere (economico, mai sentito, sottomarca LG) e compare subito il modello del sacchetto.

3.99 sterline. Lo compro. Di default c'è la "spedizione veloce" di Royal Mail, 2 (DUE) sterline. Scelgo quella normale da 1 sterlina tanto è venerdì, prima di lunedì non arriva niente.
Ricaricando la pagina mi scordo di cambiare la spedizione, e quindi opto per quella rapida da 2 sterline.

Ecco quanto. Stamattina alle 10.00 (SABATO) c'è il pacchetto. Please note data e l'orario di ordine.
Vacuu_bag.jpg
Vacuu_bag.jpg (22.92 KiB) Visto 10237 volte
Capite? In meno di 24 ore ho avuto il mio pacchetto, di sabato mattina, e ho speso 5,99 sterline facendo un ordine il venerdì pomeriggio alle 3.30 del pomeriggio. A saperlo risparmiavo l'autobus.

Ora il pavimento è pulito. E' solo un piccolo esempio, qui le cose funzionano - mediamente - così. Non c'è da stupirsi.

A presto
Antonio
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
mbarsot
Utente 35mm
Messaggi: 484
Iscritto il: sab gen 21, 2006 4:32 pm
Località: Lombardia

Re: My new life in the UK

Messaggio da mbarsot » sab lug 18, 2009 10:24 pm

dove stai esattamente?

che fai di giorno ? Sfrutti il tuo fascino di italiano con le inglesi ? racconta,dai!

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » sab lug 18, 2009 11:17 pm

Lo leggi accanto al mio profilo e sulla foto che è qua sopra! ;)

Reading! che si scrive come "leggendo" ma si pronuncia come "leggevo + ING".

http://maps.google.co.uk/maps?f=q&sourc ... 4&t=h&z=11

50km ad ovest di Londra.

Più tardi vedo se completo il messaggione e scrivo tutto. Per ora mi sto sistemando in casa e ambientando. Lunedì comincia il corso e cercherò un lavoro qualsiasi.

Ciao
A
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Walter » dom lug 19, 2009 12:23 pm

Bene, pensa che le poste Italiane (che a te hanno perso l'impossibile) hanno recapitato ai miei genitori Sabato mattina alle 10.00 la cartolina che io ho spedito dal mare (320 km) venerdì mattina alle 9.00... :hahaha: :hahaha: :hahaha:
Sono contento che la buona sorte lì ti sorrida...significa che hai proprio fatto la scelta giusta ;) ;) ;) ;) ;)
WALTER - Cinema Teatro Loverini
http://www.loverini.it

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom lug 19, 2009 1:48 pm

Guarda bene è quella dell'anno scorso.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3808
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Walter » dom lug 19, 2009 3:23 pm

No no, è giusta: probabilmente la velocità di consegna delle poste italiane è inversamente proporzionale all'importanza della missiva da recapitare :Doh:
WALTER - Cinema Teatro Loverini
http://www.loverini.it

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom lug 19, 2009 7:32 pm

Eccomi in un momento di relax e vi racconto un po' di cosette.

Mi sono sistemato nella mia stanzina con connessione Virgin Media 10Mbit in Fibra ottica (costa quanto Alice 7Mbit da noi).

Allora, io vi prometto di essere obiettivo, veramente, sto cercando anche io di capire bene la situazione perché non è detto che questo posto mi piaccia, e niente mi trattiene dal tornare indietro. Quindi sto cercando di analizzare il tutto seriamente, cercando di levare la variabile emozione dall'equazione. Ma sinceramente...

Dunque, alle 11.00 sono alla stazione di Signa. Il monitor che dà gli avvisi al pubblico finalmente funziona (il giorno prima era "in attesa di connessione" come lo era a Gennaio quando sono partito per il medesimo viaggio) e vedo che il mio treno è in arrivo al binario 3.
Prendo le mie due valigie (quella da stiva di 19,7Kg con 20Kg di massimo consentito!) e mi avvio al binario 3. Passo i binari 1 e 2, arrivo all'uscita... uscita?



Eh sì, il binario 3 non esiste! Sicuramente perché hanno rimosso uno dei binari per - immagino - manutenzione ma il sistema di visualizzazione indica ancora il binario 3. Quello di messaggistica invece no, ma finché il treno non si avvicina resti comunque nel dubbio!
Il treno è il classico Regionale. Definirlo "scassato" è un eufemismo. I vagoni sono stati retrofittati con l'impianto di condizionamento che - chiaramente - non funziona. E' in moto, soffia aria ma calda. I finestrini sono stati per fortuna sbloccati (c'è infatti l'adesivo sotto "carrozza condizionata - finestrino bloccato") altrimenti era un delirio.

Appena il treno supera la velocità della luce (immagino 100Km/h) pare di essere sulla USS Enteprise 1701A nel film "Star TRek I" quando le gondole di curvatura entrano in CAVITAZIONE (andare a minuto 1:55)



La carrozza scuote come una dannata e il rumore e il chiasso è infernale. Frenando in carrozza entra un promettente forte odore di bruciato.

Incredibile: mi controllano il biglietto. L'ho fatto online quindi è un foglio stampato da me con un codice a barre e un codice alfanumerico. Serve un terminale per controllarne l'effettiva validità. La signorina lo guarda e me lo rende :D
La prossima volta lo faccio con photoshop.

La porta di separazione tra la carrozza e le uscite non c'è, è scardinata, e il rumore è se possibile ancora più forte.

Alla stazione di Pisa Centrale devo recarmi al binario "14 aereoporto". Scendo le scale ma non trovo alcuna indicazione. Decido di seguire la numerazione e scopro che il cartello è messo troppo alto e una trave lo copre, lo vedi solo quando ti ci avvicini. Se non lo sai, vaghi per sempre nel sottopassaggio.
Con me sale in ascensore la signorina Hula Hop, con degli Hula Hop (mi pare) a tracolla.

Attendiamo l'orario alla piattaforma 14 quando sentiamo un annuncio in lontananza: il binario 14 è lontano dagli altri e il sistema di messaggistica ovviamente lì non funziona. Una signora dice in inglese ad altre persone "we must change our track" o qualcosa di simile ma io - che sono Italiano - non capisco cosa dica l'annuncio in lontananza ma mi viene il dubbio. Mi avvicino ad un monitor - che non è vicino - e scopro che hanno cambiato binario: dal 14 all'8. Così via al binario 8. Faccio presente al macchinista che al binario 14 non c'è l'annuncio gli chiedo di farlo presente. La risposta è "sìsì, lo farò presente". Lo faccio presente anche ad una signorina di FS che guardando al cielo e aprendo le braccia mi dice "lo farò presente, ogni tanto non funziona"...

La signorina Hula Hop non ha capito e così resta in attesa al binario 14...

Ovviamente anche sulla navetta PISA-PISA AE l'aria condizionata non funziona e il chiasso - seppure a bassissima velocità - è notevole. Appena si ferma il treno attendiamo un minutino affinché le porte si aprano e finalmente posso scendere a terra.
All'interno dell'aereoporto vado a mangiare qualcosa ad un self service al piano di sopra. A parte una cameriera che leva il vassoio al povero viaggiatore in fianco a me prima che abbia finito di mangiare niente da segnalare.
Appena lo sportello EasyJet è indicato sul monitor si assiste alla trasumanza dei viaggiatori per accaparrarsi non so cosa, forse i posti in cima all'aereo? Lo sportello è il numero 2 ma... vabbè lo vedete da soli
15072009_001 (Small).jpg
15072009_001 (Small).jpg (34.13 KiB) Visto 10160 volte
Il monitor è coperto dalla colonna.

Siccome la fila ostruisce il passaggio degli altri passeggeri verso un corridoio, e siccome ci sono io davanti a questo corridoio, via via che la fila avanza io sto fermo così che si apra un passaggio per evitare ai viaggiatori di incunearsi nella fila del volo. Sarà un caso ma molte persone mi hanno ringraziato vedendo che mi spostato o comunque agevolavo il passaggio e casualmente era sempre un "Thank you" e non un "Grazie" quello che sentivo. Vabbè, sono pignolo.

Al controllo raggi X non c'è un tavolo per aprire le valigie e estrarre il portatile, devi farlo per terra o su un tavolo che sta dietro, lasciando momentaneamente incustodito il resto.

E qui finisce la storiellina Italiana. L'aereo era in ritardo di 30/40 minuti. All'interno hanno tentato di congelarci, dalle bocchette dell'aria condizionata usciva vapore come nelle celle frigorifere!!! Ma in linea di massima il volo è stato gradevole a parte l'atterraggio quando per evidente vento l'aereo sculettava da far paura e devo essere sincero la cosa non mi piaceva punto.

In UK siamo atterrati appunto in ritardo di 40 minuti circa. Quindi invece che alle 15.55 alle 16.35. Il mio treno partiva alle 17.03. Non ce la farò mai.

Percorro il lungo corridoio - perfettamente segnalato - fino al "Baggage reclaim". Faccio la fila del controllo passaporto dove il mio nominativo viene controllato al terminale e non solo data un'occhiata alla foto come a Pisa. Ci sono credo più di 10 addetti al controllo quindi la lunga fila scorre molto veloce. L'area dell'aereoporto è under construction da Gennaio. Male. Ma comunque è climatizzato e si è cercato di rendere comunque la cosa esteticamente decente. Le segnalazioni sono impeccabili, niente fogli posticci o scritte a mano. La direzione per raggiungere la biglietteria del treno è indicata chiaramente dietro una costruzione in cartongesso.
Faccio quindi subito il biglietto e vado a prendere la valigia, che quando arrivo è lì che mi aspetta. Continuo a seguire le indicazioni verso i treni, guardo sul monitor quale piattaforma devo scegliere, scendo e alle 16.53 sono di fronte al binario!!!! Tutto grazie ad un servizio impeccabile e a delle segnalazioni perfette.

Il treno alle 17.00 arriva. Alle 17.03.00 parte. Come avevo già scritto le carrozze - almeno di questa compagnia, sono più di una - sono vecchie. Ma sono efficienti. Il treno non fa casino, non puzza, non è rotto o vandalizzato. Però l'aria condizionata non funziona, ma se non ho capito male non funziona su nessuna carrozza. Avrei gradito ma poco male, non è caldissimo.
Il treno lemme lemme si avvia alla sua destinazione. Il controllore passa praticamente dopo ogni stazione, ha il terminale per fare i biglietti e per il pagobancomat. Il sistema di messaggistica scritta funziona e quello di avviso sonoro idem, anche se è un po' basso. Notare che i messaggi li fa il controllore stesso non sono automatici e se c'è qualche nota da fare la può fare direttamente lui.

Qui c'è una certa cultura della fila: prima si fa scendere, poi si sale e tutti in fila indiana. C'è chi sale in bicicletta e chi sale con le valigie, nessun problema.

Sento dei clienti chiedere al controllore informazioni, non capisco bene pare che il treno sia in ritardo e han paura di perdere la coincidenza. Eppure il treno è arrivato alla mia stazione, l'ultima, con 55 secondi di ritardo. E' ritardo? No, ho scoperto poi che ho l'orologio in anticipo io. Boh.

In stazione ci sono le macchine per i biglietti automatici: pulite, tenute bene, semplici da utilizzare. A Pisa ho visto che han finalmente messo una macchinetta per i biglietti all'aereoporto: era esilarante: piena di biglietti posticci e scritte ovunque, faceva girare la testa solo a vederla!

Sono qui ovviamente da pochi giorni quindi non posso dire molto. Ma ho fatto compere per casa e non posso non pensare che siamo davvero in un altro paese.

Sono entrato da Mark & Spencer, che ha un bellissimo assortimento di indumenti. IN generale le cose sono molto più ordinate che da noi, è tutto molto più chiaro per la scelta. Tra le altre cose mi serve una giacca da mezza stagione. Ne trovo una che costi poco e vado ai camerini. Ai camerini ci sono degli addetti che ti danno una "tesserona" di plastica con dei fori (una scheda perforata) corrispondente al camerino. L'addetto ti chiede quanti indumenti devi provare, inserisce la tessera in una macchina e digita il numero degli indumenti. Questo in modo che quando esci loro sappiano quanti indumenti devi restituire!!! Semplice.

Porto due giacche di due misure diverse. Ne scelgo una. All'uscita il commesso mi dice "any luck?" e gli dico che ne prendo una. Mi chiede quindi di lasciargli quella che NON prendo così LUI la mette a posto.

Perché mi stupisco per così poco? Funzionale, semplice, professionale, sicuro. Ovviamente tutti sorridenti e gentilissimi. La merce è disposta in modo molto funzionale, pochissime cose sono fuori posto.
Scendo le scale mobili ed estraggo una nota che mi ero fatto. Mi serve una spugna, per la doccia. Alzo gli occhi per guardarmi attorno con aria interrogativa e incrocio quelli di un addetto che sta scendendo le scale mobili. Basta mezzo secondo "how can I help you?". Non ho dovuto chiamarlo, è venuto lui da me immediatamente. Non vendono spugne ma mi dicono dove andare a comprarle, in un altro negozio.

Nell'altro negozio, Boots, prendo una spugna e la fila, come in tutti i negozi, è reoglamentata da un cartello "wait here to be served". Il primo commesso libero ti chiama e te vai allo sportello indicato. In questo caso c'è un sistema elettronico e addirittura la voce "go to the casher X" è maschile o femminile a seconda del sesso del cassiere!!!!!

In un altro negozio mi rendo conto che ho "tagliato" la fila passando lateralmente invece che dall'apposito percorso così per non farmi leggere in fronte "I'm Italian" torno indietro e faccio il giusto percorso, anche se comunque non c'era nessuno in fila. Scherzo con il cassiere sul fatto che deve scusarmi che sono qui da poco e non sono ancora pratico con il loro bel sistema delle file. Il cassiere dice che non è niente di speciale e io gli dico "ma io vengo dall'Italia"... :D Beh, abbiamo scherzato assieme sugli Italiani che continuamente gli entrano da destra e da sinistra! :D

Poi cos'altro... Entro in una cartoleria del gruppo Ryman. Già avevo notato una cortesia spaziale a gennaio quindi mi aspettavo la medesima cosa. Mi avvicino ad uno scaffale e trovo un addetto seduto sul pavimento che sta modificando lo scaffale. Il fatto che fosse indaffarato e seduto per terra non giustifica il fatto di non aiutare e quindi ecco un nuovo "Cheers, do you need help?".

Ho accompagnato un amico a Heatrow e nel tragitto autostradale c'era la fila che poi è emerso essere perché c'era un piccolo incidente sull'altra carreggiata: curiosi come da noi!

Ed ecco invece il peggior negozio che abbia finora incontrato: una libreria ad Oxford. Chiedo al commesso in cassa se può indicarmi i libri di Stephen King (non di Teomondo Scrofolo!). Mi chiede se posso attendere un attimo l'emissione dello scontrino e io ovviamente aspetto. Bene, il cassiere lascia sola la cliente - chiedendo se può allontanarsi un attimo per mostrarmi la sezione - ma... non sa dove sia la sezione! Prova a chiedere e nemmeno i suoi colleghi sanno aiutarmi molto. Alla fine mi dice più o meno dove dovrebbero essere ma io non li ho trovati. Quando mi lascia però un'altra persona inglese, piuttosto seccata, chiede "excuse me, can I have some help too?" segno che comunque la cosa non era molto gradita...

Oggi sono stato ad una specie di Esselunga. Perché anche qui i commessi parevano un po' bastonati e meno cortesi del solito :) Eppure Tesco è una catena famosa. E' un enorme supermercato aperto 24 su 24, tranne la domenica. Nel recarmici passiamo per delle strade di un parco e ogni tanto mi scanso per far passare i ciclisti che - sistematicamente - ti ringraziano a voce alta.

Ah, sono entrato in una banca per chiedere informazioni per aprire un conto. Non è come qui dove la banca è un luogo oscuro con i cassieri dietro i vetri e la doppia porta per entrare. In questo caso il portone è aperto, c'è una Hall con i bancomat o non so cosa e alcune persone in divisa pronte ad accoglierti. Mi avvicino da una di queste - che a sua volta si avvicina verso di me - e chiedo informazioni. Che dire, la signorina era gentilissima e preparata e quando non era sicura di una cosa andava dal supervisore e chiedeva conferma. Sono stato dentro 5 minuti, ho avuto tutta la documentazione che mi serviva tranquillamente, serenamente.

C'è anche da dire una cosa: qui si vede MOLTO spesso la polizia a giro. Ogni giorno incrocio macchine della polizia o poliziotti di ronda o di corsa. Se penso all'Italia è una cosa che capita piuttosto di rado mi pare, almeno nel mio caso.
L'altra notte c'era del fumo che usciva da una casa in centro, una ragazza ha chiamato il numero di emergenza e una pattuglia della polizia era lì in credo meno di 5 minuti, due camionette dei vigili del fuoco erano lì in pochi ulteriori minuti.

Che altro dire: se si è allergici come me è meglio evitare di stare qui!!! Se mai riuscirò ad avere una casa mia voglio in ordine
- Piastrelle
- miscelatore in bagno o rubinetti più lunghi di 2,5cm
- BIDET
- Caldaia che fa anche l'acqua calda per la doccia

:)

Ora non mi viene in mente altro. Qui fa freddo, pioviscola e la notte si dorme con la trapunta ;)
Domattina inizia il corso.

Ciao
Antonio
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Gio
Utente 35mm
Messaggi: 3560
Iscritto il: gio mag 30, 2002 6:16 pm
Località: Veneto
Contatta:

Re: My new life in the UK

Messaggio da Gio » dom lug 19, 2009 9:19 pm

Due battute che non posso non scrivere :ok:
Antonio Marcheselli ha scritto:[...]

vedo che il mio treno è in arrivo al binario 3.
Prendo le mie due valigie (quella da stiva di 19,7Kg con 20Kg di massimo consentito!) e mi avvio al binario 3. Passo i binari 1 e 2, arrivo all'uscita... uscita?
Babbano... Il binario 3 esiste, il fatto che tu non lo veda non vuol dire nulla... bastava correre e dar di capoccia al palo che hai inquadrato per cambiare dimensione... :hahaha:
Antonio Marcheselli ha scritto:[...]Che altro dire: se si è allergici come me è meglio evitare di stare qui!!! Se mai riuscirò ad avere una casa mia voglio in ordine
- Piastrelle
- miscelatore in bagno o rubinetti più lunghi di 2,5cm
- BIDET
- Caldaia che fa anche l'acqua calda per la doccia
Piastrelle ok, già il miscelatore potrebbe essere fantascienza... e se provi a comprare un bidet mi sa che come minimo chiamano un esorcista :hahaha:
Giovanni Zampieri
La petite Lumière cinemultisala - Belluno

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24152
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: My new life in the UK

Messaggio da Antonio Marcheselli » dom lug 19, 2009 9:28 pm

:hahaha: :hahaha:
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
Matteo83
Moderatore
Messaggi: 1287
Iscritto il: ven ott 06, 2006 7:01 pm
Località: Mondo - Italia - Lombardia - Brescia

Re: My new life in the UK

Messaggio da Matteo83 » lun lug 20, 2009 1:55 am

e che è la Divina Commedia ??? non finiva più il post.....
Bhe, in UK sarà meglio che in Italia...ma a mio parere gli inglesi sono freddi, distaccati, e in certi frangenti anche molto snob...
Cmq per il resto sicuramente servizi e legge funzionano a dovere lì...


Ciao
Matteo83
"Maccarone...m'hai provocato e io te distruggo, maccarone! Io me te magno!". (Alberto Sordi in "Un Americano a Roma")

“Sono un uomo di mondo, ho fatto tre anni di militare a Cuneo.” (Toto' in "Toto' a colori")

FabioComo
Nuovo Utente
Messaggi: 93
Iscritto il: mar feb 01, 2005 11:05 am
Località: Estero

Re: My new life in the UK

Messaggio da FabioComo » lun lug 20, 2009 3:08 am

Matteo83 ha scritto:Bhe, in UK sarà meglio che in Italia...ma a mio parere gli inglesi sono freddi, distaccati, e in certi frangenti anche molto snob...
Freddi, distaccati e snob?? Scusa ma dove li hai conosciuti questi inglesi? :)

Rispondi