Fermare la proiezione

Discussioni varie con tematica riguardante il Cinema
Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Fermare la proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » ven mar 11, 2005 9:01 pm

Posta posta, a qualcuno potrebbe servire! La lunghezza del post non è un problema!

Ciao
A

Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

Fermare la proiezione

Messaggio da Alvaro » ven mar 11, 2005 10:01 pm

Regio decreto 18 giugno 1931, n. 773
Approvazione del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza

Articolo unico. - È approvato l'unito testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, visto, d'ordine nostro, dal Ministro proponente e che avrà esecuzione dal 1° luglio 1931.

omissis

TITOLO III
DISPOSIZIONI RELATIVE AGLI SPETTACOLI, ESERCIZI PUBBLICI, AGENZIE, TIPOGRAFIE,
AFFISSIONI, MESTIERI GIROVAGHI, OPERAI E DOMESTICI

Capo I
DEGLI SPETTACOLI E TRATTENIMENTI PUBBLICI (1)

(1) Con d.lg. 31 marzo 1998, n. 112, sono state trasferite alle regioni ed agli enti locali, tra l'altro, le competenze in materia di turismo, sport e spettacolo.

Art. 68.
Senza licenza del Questore non si possono dare in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico, accademie, feste da ballo, corse di cavalli, né altri simili spettacoli o trattenimenti, e non si possono aprire o esercitare circoli, scuole di ballo e sale pubbliche di audizione (1). Per le gare di velocità di autoveicoli e per le gare aeronautiche si applicano le disposizioni delle leggi speciali (2).

(1) Comma così modificato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.
(2) La Corte costituzionale, con sentenza 15 dicembre 1967, n. 142, ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente articolo, nella parte in cui vieta di dare feste da ballo in luogo esposto al pubblico, senza la licenza del questore, in riferimento all'art. 17 della Costituzione. Con successiva sentenza 15 aprile 1970, n. 56, la Corte costituzionale ha dichiarato l'illegittimità costituzionale del presente articolo, nella parte in cui
prescrive che per i trattenimenti da tenersi in luoghi aperti al pubblico e non indetti nell'esercizio di attività imprenditoriali, occorre la licenza del questore.

Art. 69.
Senza licenza della autorità locale di pubblica sicurezza è vietato dare, anche temporaneamente, per mestiere, pubblici trattenimenti, esporre alla pubblica vista rarità, persone, animali, gabinetti ottici o altri oggetti di curiosità, ovvero dare audizioni all'aperto.

Art. 70.
Sono vietati gli spettacoli o trattenimenti pubblici che possono turbare l'ordine pubblico o che sono contrari alla morale o al buon costume o che importino strazio o sevizie di animali.
Articolo abrogato dall'art. 13, d.lg. 13 luglio 1994, n. 480.

Art. 71.
Le licenze, di cui negli articoli precedenti, sono valide solamente per il locale e per il tempo in esse indicati.

Art. 72.
Per le rappresentazioni di opere drammatiche, musicali, cinematografiche, coreografiche, pantomimiche e simili, la licenza dell'autorità di pubblica sicurezza è subordinata alla tutela dei diritti di autore, in conformità alle leggi speciali.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 73.
Non possono darsi o recitarsi in pubblico opere, drammi o ogni altra produzione teatrale che siano, dal sottosegretario di Stato per la stampa e la propaganda, a cui devono essere comunicati per l'approvazione, ritenuti contrari all'ordine pubblico, alla morale o ai buoni costumi. Il sottosegretario può sentire il parere di una commissione presieduta dal sottosegretario di Stato per la stampa e la propaganda, o per sua delega, dall'ispettore per il teatro, e composta:
a) da un rappresentante del partito nazionale fascista;
b) dal vice-presidente della corporazione dello spettacolo;
c) dal capo dell'ufficio censura presso l'ispettorato del teatro;
d) da un funzionario di gruppo A non inferiore al grado 6° del Ministero dell'interno, designato dal Ministero stesso;
e) da un funzionario di gruppo A non inferiore al grado 6° del Ministero dell'educazione nazionale, designato dal Ministero stesso;
f) da un rappresentante dei gruppi universitari fascisti, designato dal segretario del partito nazionale fascista;
g) da un rappresentante del sindacato nazionale fascista autori e scrittori].
Articolo abrogato dall'art. 13, d.lg. 13 luglio 1994, n. 480.

Art. 74
La concessione della licenza prevista dall'art. 68, per quanto concerne le produzioni teatrali, è subordinata al deposito presso il Questore di un esemplare della produzione, che si intende rappresentare munito del provvedimento ministeriale di approvazione.
[Il Prefetto può, per locali circostanze, vietare la rappresentazione di qualunque produzione teatrale, anche se abbia avuta l'approvazione del Ministero dell'interno] ( Comma abrogato dall'art. 11, L. 21 aprile 1962, n. 161).
L'autorità locale di pubblica sicurezza può sospendere la rappresentazione di qualunque produzione, che, per locali circostanze, dia luogo a disordini. Della sospensione deve subito essere dato avviso al Prefetto e al Ministero.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112

Art. 75
Chiunque fabbrica, anche senza carattere di continuità e senza scopo di speculazione commerciale, pellicole cinematografiche deve darne preventivo avviso scritto al Questore che ne rilascia ricevuta, attestando della eseguita iscrizione del fabbricante in apposito registro. L'iscrizione deve essere rinnovata ogni anno. Lo stesso obbligo ha chi intende introdurre nel territorio dello Stato o esportare o fare comunque commercio di pellicole cinematografiche.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 75 bis
Chiunque intenda esercitare, a fini di lucro, attività di produzione, di duplicazione, di riproduzione, di vendita, di noleggio o di cessione i qualsiasi titolo di nastri, dischi, videocassette, musicassette o altro supporto contenente fonogrammi o videogrammi di opere cinematografiche o audiovisive o sequenze di immagini in movimento, ovvero intenda detenere tali oggetti ai fini dello svolgimento delle attività anzidette, deve darne preventivo avviso al questore che ne rilascia ricevuta, attestando l'eseguita iscrizione in apposito registro. L'iscrizione deve essere rinnovata ogni anno.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 76.
Chi intende fare eseguire in luogo pubblico o aperto o esposto al pubblico azioni destinate a essere riprodotte col cinematografo deve darne preventivo avviso scritto all'autorità locale di pubblica sicurezza
Articolo abrogati dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 77.
Le pellicole cinematografiche, prodotte all'interno oppure importate dall'estero, tanto se destinate ad essere rappresentate all'interno dello Stato, quanto se destinate ad essere esportate, devono essere sottoposte a preventiva revisione da parte dell'autorità di pubblica sicurezza.

Art. 78.
L'autorità competente ad eseguire la revisione delle pellicole per spettacoli cinematografici decide a quali di questi possono assistere i minori di anni sedici. Qualora decida di escluderli, il concessionario o il direttore della sala cinematografica deve pubblicarne l'avviso sul manifesto dello spettacolo e provvedere rigorosamente alla esecuzione del divieto. Salve le sanzioni prevedute dal codice penale, i concessionari o direttori delle sale cinematografiche, i quali contravvengono agli obblighi predetti sono puniti con l'arresto fino a tre mesi o con l'ammenda da lire 20.000 a 120.000 (1).
(1) Sanzione così aumentata in virtù della moltiplicazione per quaranta dell'importo originario, a norma dell'art. 3, l. 12 luglio 1961, n. 603. La sanzione è esclusa dalla depenalizzazione in base all'art. 32, secondo comma, l. 24 novembre 1981, n. 689.

Art. 79.
Articolo abrogato dall'art. 25, l. 26 aprile 1934, n. 653.

Art. 80.
L'autorità di pubblica sicurezza non può concedere la licenza per l'apertura di un teatro o di un luogo di pubblico spettacolo, prima di aver fatto verificare da una commissione tecnica la solidità e la sicurezza dell'edificio e l'esistenza di uscite pienamente adatte a sgombrarlo prontamente nel caso di incendio. Le spese dell'ispezione e quelle per i servizi di prevenzione contro gli incendi sono a carico di chi domanda la licenza.

Art. 81.
L'autorità di pubblica sicurezza deve assistere per mezzo dei suoi ufficiali o agenti ad ogni rappresentazione, dal principio alla fine, per vigilare nell'interesse dell'ordine, della sicurezza pubblica, della morale e del buon costume. Essa ha diritto, a spese del concessionario, ad un palco, o, in mancanza di palchi, ad un posto distinto, dal quale possa attendere agevolmente all'esercizio delle sue funzioni.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 82.
Nel caso di tumulto o di disordini o di pericolo per la incolumità pubblica o di offese alla morale o al buon costume, gli ufficiali o gli agenti di pubblica sicurezza ordinano la sospensione o la cessazione dello spettacolo e, se occorre, lo sgombro del locale. Qualora il disordine avvenga per colpa di chi dà o fa dare lo spettacolo, gli ufficiali o gli agenti possono ordinare che sia restituito agli spettatori il prezzo d'ingresso.

Art. 83.
Non possono sospendersi o variarsi gli spettacoli già incominciati senza il consenso dell'ufficiale di pubblica sicurezza che vi assiste.
Articolo abrogato dall'art. 164, d.lg. 31 marzo 1998, n. 112.

Art. 84.
I Prefetti provvedono, con regolamenti da tenersi costantemente affissi in luogo visibile, al servizio d'ordine e di sicurezza nei teatri e negli altri luoghi di pubblico spettacolo.
Articolo abrogato dall'art. 6, D.P.R. 28 maggio 2001, n. 311

Art. 85.
É vietato comparire mascherato in luogo pubblico. Il contravventore è punito con la sanzione amministrativa da lire 20.000 a lire 200.000 (1). É vietato l'uso della maschera nei teatri e negli altri luoghi aperti al pubblico, tranne nelle epoche e con l'osservanza delle condizioni che possono essere stabilite dall'autorità locale di pubblica sicurezza con apposito manifesto. Il contravventore e chi, invitato, non si toglie la maschera, è punito con la sanzione amministrativa da lire 20.000 a lire 200.000 (1).
(1) L'ammenda originaria è stata così sostituita, da ultimo, con la sanzione amministrativa dall'art. 32, l. 24 novembre 1981, n. 689. L'entità della sanzione è stata così elevata dall'art. 114, primo comma, della citata l.
689/1981.

omissis

ciao - alvaro

Shuv
Messaggi: 3
Iscritto il: dom feb 27, 2005 12:59 pm
Località: Lombardia

Fermare la proiezione

Messaggio da Shuv » sab mar 12, 2005 5:26 pm

Hola!
Il probblema non esiste più se i decreti sono stati abrogati giusto?
giustamente ormai le pellicole sono ininfiammabili quindi non avrebbe più senso tenere un pompiere in sala,con tutte le norme di sicurezza che ci sono si può azzardare a dire che orma s'è in una botte di ferro no?
Bye
Shuv

Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

Fermare la proiezione

Messaggio da Alvaro » mar mar 15, 2005 10:24 pm

Ho dovuto consultare alcune normative ed ho acquistato un testo specifico. Ve lo segnalo poichè è di facile consultazione, argomenti chiari e comprensibili anche per chi ha poca dimestichezza con leggi, decreti, normative ecc:


Giuseppe Romeo
LOCALI DI PUBBLICO SPETTACOLO – Procedure autorizzatorie
III edizione – Maggioli editore
ISBN 88.387.2987.5
€ 38,00

Argomenti trattati: Pareri di agibilità - Gestione della sicurezza - Vigilanza e prevenzione incendi - Manifestazioni temporanee - Sale cinematografiche

Link della casa editrice http://www.maggioli.it

tra le varie tratta anche del "Operatore di cabina cinematografica"

ciao - alvaro

MicheleB
Messaggi: 5
Iscritto il: ven set 23, 2005 9:00 pm
Località: Piemonte

Fermare la proiezione

Messaggio da MicheleB » dom nov 26, 2006 6:38 pm

Buonasera,
avrei bisogno di un informazione, esiste qualche docuemnto scritto in cui viene indicato chi ha diritto ad ingressi di favore all'interno di multisale..???

Grazie a presto.

Avatar utente
Tobia
Utente 35mm
Messaggi: 1247
Iscritto il: mer nov 26, 2003 2:26 pm
Località: Vicenza

Fermare la proiezione

Messaggio da Tobia » dom nov 26, 2006 11:32 pm

aggiungo anche un'altra domanda:
un carabiniere sottufficiale non in servizio, ha diritto al ridotto?

Cinema Araceli - Vicenza - http://www.araceli.it/cinema

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Fermare la proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » lun nov 27, 2006 11:09 am

io penso che non lo sapremo mai... :evil:

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpsons

Avatar utente
Gio
Utente 35mm
Messaggi: 3560
Iscritto il: gio mag 30, 2002 6:16 pm
Località: Veneto
Contatta:

Fermare la proiezione

Messaggio da Gio » lun nov 27, 2006 10:50 pm

Messaggio inserito da Tobia
aggiungo anche un'altra domanda:
un carabiniere sottufficiale non in servizio, ha diritto al ridotto?
Si, come tutti i militari e agenti di P.S..

Se in servizio non paga, ovviamente perché, se in servizio non viene a vedere il film ma a fare un controllo al limite... (teoricamente lo spirito della normativa è questo)

Per gli ingressi omaggio, per rispondere a MicheleB, basta richiederli alla SIAE che poi è l'ente che timbra e autorizza le tessere omaggio "di legge". Esiste un elenco (a dire il vero di stampo teatrale...) che dovrebbe ancora, se non erro, essere esposto alle casse.

Giovanni Zampieri
La petite Lumière cinemultisala - Belluno
www.cinemalumiere.it

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 24292
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Fermare la proiezione

Messaggio da Antonio Marcheselli » mar nov 28, 2006 12:24 am

A me una volta per vedere il film gratis mi dissero che dovevano fare un controllo antidroga.
Entrarono a inizio film, uscirono a fine film.

Ciao
A

_____________
I've always wondered if there was a god. And now I know there is
-- and it's me.
Homer Simpsons

Rispondi