Christie CP4325-RGB

Discussioni riguardanti il Cinema Digitale
pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1653
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Christie CP4325-RGB

Messaggioda pclarici » gio dic 07, 2017 12:59 pm

Sono uscite le specifiche ufficiali, a mio parere ci sono un po' di cose interessanti.

1) Nella scheda tecnica preliminare si parlava di:
22,000 lumens @ 2000:1 contrast ratio
17,250 lumens @ 6000:1 contrast ratio (with new high contrast lens suite)

In quella definitiva sono magicamente scomparsi i riferimenti alle due opzioni:
Brightness • Up to 23,000 lumens (<25°C ambient)
Contrast ratio • Up to 6000:1 (with new UHC lens suite)

Ossia, ti dicono che per raggiungere il contrasto massimo devi montare una lente particolare, ma chissà perché glissano sul fatto che facendolo ti porti via un quarto della luce. Immagino quindi che oltre alla lente, la "UHC suite" contenga anche una nuova iris: questo è importante perché di fatto lo riporta più o meno al livello del Sony R815.

(Poi magari in due mesi di sviluppo hanno fatto un miracolo e sono effettivamente 23K lumen a 6000:1, ma permettetemi di credere che questa nuova scheda tecnica sia frutto del lavoro più del marketing che del reparto R&D.)

2) Le HDMI a bordo sono v1.4a. Questo significa supporto al 4K/24, ma non a frame rate superiori.
Per quanto riguarda i contenuti cinema, il proiettore viene venduto come compatibile con 2K/120 e 4K/48 se abbinato all'IMS Christie Serie 3. C'è un riferimento ad un percorso di upgrade possibile verso il 4K/120.

3) Il raffreddamento è completamente integrato, niente chiller esterno. C'è un adattatore opzionale per l'estrazione forzata dell'aria, questo immagino serva per allungare la vita dei diodi anche nelle cabine più calde (e ne so qualcosa, avendone due quasi completamente finestrate sul tetto del cinema).

Insomma, un pacchetto tecnico interessante ma non rivoluzionario. Almeno a quanto si legge, i 25K lumen a 6000:1 che avrebbero messo Sony in una situazione complicata nel campo dei laser ad alto contrasto "abbordabili" sono abbastanza lontani. Ora aspettiamo i Barco LP-HC.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
matticosez
Utente 35mm
Messaggi: 238
Iscritto il: lun apr 15, 2013 10:43 am
Località: Milano

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda matticosez » ven dic 08, 2017 5:51 am

Tutti hanno scoperto l'acqua calda, creare delle ottiche con uno strozzamento interno di luce ( iris) si è sempre fatto su qualsiasi tipo di videoproiettore per migliorare qualità e contrasto a parità di schema ottico. Nei proiettori D-Cinema per studio e color-correction tipo Barco si montavano magari lampade da 4000 W per ottenere un uscita di 6000 ansi-lumen,in questo modo si migliorava sia la qualità ottica ( qualsiasi obbiettivo ha una maggiore incisione ad un diaframmo intermedio, non tutto aperto e non tutto chiuso) che il contrasto senza esagerare per non andare completamente fuori specifiche DCI ( vedi Sony) laser o non laser non ha scoperto niente nessuno. Voglio vedere come si comporteranno i direttori della fotografia ( quelli veri ) che vedranno in studio una cosa e al cinema un 'altra.

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 23815
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda Antonio Marcheselli » ven dic 08, 2017 8:27 am

Da qualche parte dovranno pur cominciare matticosez. Non puoi rimanere a 2000:1 perché tutti hanno 2000:1.
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1653
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda pclarici » ven dic 08, 2017 6:51 pm

matticosez ha scritto:Tutti hanno scoperto l'acqua calda, creare delle ottiche con uno strozzamento interno di luce ( iris) si è sempre fatto su qualsiasi tipo di videoproiettore per migliorare qualità e contrasto a parità di schema ottico.

Certo, l'iris cat-eye da post produzione era nella confezione pure del primo NEC2500 che ho comprato nel 2007. Non mi stupisce quello, quanto il fatto che stanno consapevolmente manipolando la scheda tecnica per generare nella clientela la convinzione che loro possono fare oltre 22K lumen in HDR/EclairColor o qualunque sarà il nome commerciale con cui lo venderanno, quando la realtà - se confermata - è che sono sempre intorno ai 17.

Per il resto, penso che non sia nulla che una curva di gamma ad hoc non possa risolvere. Peter (Cineramax) su AVSForum montava macchine D-Cinema in ambito HT con iris e software custom già 5 anni fa, con il pieno supporto di Barco e MiT. Grazie al Bel-Air Circuit proiettano anche DCP, nonostante abbiano un contrasto 3/4 volte superiore rispetto a quello standard DCI. Se non si è mai lamentato (anzi) nessuno di quelli che hanno commissionato installazioni del genere - gente che guarda un Sim2 alto di gamma e dice "mah, vorrei qualcosa di meglio" - francamente credo che il risultato sia più che soddisfacente pure per il grande pubblico.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it

Avatar utente
matticosez
Utente 35mm
Messaggi: 238
Iscritto il: lun apr 15, 2013 10:43 am
Località: Milano

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda matticosez » dom dic 10, 2017 7:06 am

Obiettivamente avere una proiezione migliore di quella di un Sony 515 ( anche se fuori standard DCI ) è difficile, proiettiamo un fascio di luce su una superficie bianca , quindi quello è. Puoi migliorare contrasto, profondità colore, luminosità ecc. ma il limite fisico ottico esiste e non si possono fare miracoli, ogni brand non sa più cosa inventarsi per vendere in un mercato che oramai è un pò " cotto". Il prossimo passo sarà il cinema con gli oggetti che escono dallo schermo, magari donne, uomini fighi ,automobili, i-Phone cibo e speranza, nel prossimo kolossal uscirà anche Gesu' Cristo dallo schermo e allora saranno c.......

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 23815
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda Antonio Marcheselli » dom dic 10, 2017 10:36 am

Non capisco il tuo sarcasmo, matticosez. Sono anni che il mondo DLP non produce innovazioni - l'ultima è un chip 4K con il contrasto di un display LCD - e sei critico se un produttore trova il modo di triplicare il contrasto di un 4K. Lo Standard DCI prevedeva il 3D a 4.5fL, oggi prevede 7fL anche se in pochi lo sanno. Dobbiamo rimanere al 4.5fL perché qualcuno nel 2000 ha scritto uno standard basato sulle tecnologie dell'epoca?
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

pclarici
Esperto D-Cinema - Moderatore
Messaggi: 1653
Iscritto il: mar set 04, 2007 3:50 pm
Località: Foligno
Contatta:

Re: Christie CP4325-RGB

Messaggioda pclarici » dom dic 10, 2017 8:07 pm

matticosez ha scritto:(...) ogni brand non sa più cosa inventarsi per vendere in un mercato che oramai è un pò " cotto".

A mio parere non è cotto ora, era drogato prima.
La conversione al digitale è stata in piedi esclusivamente per le VPF e per le altre forme di contribuzione esterna, per la maggioranza delle sale non esiste la possibilità fisica di riprendere 70/80K Euro di proiettore ogni 5 anni pagando il 50% di percentuale, il personale, l'energia, le tasse e tutto il resto.

Quindi il punto è semplice: oggi un proiettore a me esercente lo vendi solo se mi convinci che nei prossimi 5 anni alla fine dei conti mi costerà meno di quello che mi sta facendo spendere quello attuale in manutenzione, consumabili ed energia. Tutti gli OEM potrebbero farlo se volessero, perché montare sorgenti a stato solido in macchine già esistenti (modifiche drastiche vere e proprie al percorso ottico le hanno attuate solo IMAX e Dolby Vision) non è un'operazione particolarmente onerosa, tanto più se non perdi nemmeno tempo a riprogettare il raffreddamento interno perché metti un chiller esterno.

Il fatto che poi mi garantisca una proiezione migliore (detto tra noi, rispetto ai DLP 4K non ci vuole molto) ma più che altro che mi consenta di fare promozione con tutte quelle belle parole tipo "laser projection", "HDR" e quant'altro è un simpatico plus. Ma resta la questione alla base: se vogliono vendere una nuova generazione di proiettori, devono accettare il fatto che non siamo scemi e che sappiamo benissimo che in qualche caso vogliono farci pagare di nuovo costi di sviluppo che dovrebbero aver ammortizzato ai tempi dei primi Serie 2.

Fai pagare 30K Euro un proiettore laser da 30K ore a 30K lumen e poi mi dici se riesci a stare dietro alla produzione, a far lavorare gli installatori e tutto il resto dell'indotto.
Pietro Clarici
www.cinemaclarici.it


Torna a “Digital Cinema”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti