GESTIRE LA SALA COMODAMENTE SEDUTI IN POLTRONCINA

Curiosità dal mondo Tecnologico - solo articoli di approfondimento - sezione moderata
Alvaro
Utente 35mm
Messaggi: 338
Iscritto il: gio mar 04, 2004 4:09 pm

GESTIRE LA SALA COMODAMENTE SEDUTI IN POLTRONCINA

Messaggioda Alvaro » sab dic 20, 2008 12:35 am

Cosa direste se, quando siete comodamente seduti nella poltroncina della sala, il tizio seduto accanto a voi tirasse fuori di tasca un minuscolo radiocomando e direttamente sotto i vostri occhi spegnesse le luci, facesse partire la proiezione, fermasse per l’intervallo e ripartisse, sempre standosene seduto in sala?

Beh, non è utopia, è solo il risultato che si ottiene installando un radiocomando multicanale e facendolo interagire con i sistemi già presenti.

Prologo: il mio amico esercente purtroppo si è infortunato (frattura del piatto tibiale) e da allora, anche se i miglioramenti fisici ci sono, è costretto alle stampelle e si trova molto a disagio nella normale deambulazione, figuriamoci a salire per l’angusta scalinata che porta fino alla cabina di proiezione. Dato che gli impegni personali mi lasciano assai poco tempo ecco che è nata l’idea di far si che la proiezione potesse venir gestita direttamente dalla sala oltrechè dalla cabina.

Le operazioni che si rendevano obbligatorie erano fondamentalmente quelle di poter controllare le luci della sala e marcia/arresto del proiettore senza dover necessariamente salire in cabina, a patto che precedentemente fosse stato già tutto predisposto; ovvero montaggio film, messa in macchina, e quant’altro necessario per lo svolgimento della proiezione. Considerando poi che la sala (monosala) è polifunzionale per cui il più delle volte ospita conferenze, compagnie teatrali, mostre, ecc. ed è anche cinema, nella sua situazione il continuo andirivieni dai / ai comandi che sono posti sia alla biglietteria che in cabina di proiezione sarebbe stato problematico.

La soluzione? O disseminare quadretti ripetitori di comando per tutto il fabbricato, o fare una bella prolunga e portare un unico quadro ripetitore comandi in sala o installare un radiocomando. La scelta, ovviamente, è caduta sull’ultima ipotesi: il radiocomando.

Scelta tra le varie che sono in commercio, è stata acquistata una “centralina” radiocomando composta di una unità ricevente e due unità trasmittenti ad 8 (otto) canali.

Caratteristiche della scheda:
Tensione di alimentazione : 12 Vdc
Numero canali: 8
Tipo di attuatori: microrelè ad un contatto a scambio
Potenza dello scambio del relè: 2A 115Vac
Tipo di attuazione: permanente / temporaneo
Portata dell’unità trasmittente: 250 mt
Impostazione del codice: binario tramite dip-switch a 10 posizioni

Materiale occorrente:
N° 1 sistema radiocomando con numero di canali uguale o superiore alle esigenze reali
N° 1 quadro a norma per installazioni elettriche di dimensioni generose atto a contenere il tutto
Eventuale alimentatore per il sistema RC
Relè di potenza (octal o undecal a seconda dell’utilizzatore) e/o relè passo-passo a seconda della tipologia di controllo da effettuare
N° 1 interruttore bipolare quale interruttore generale del sottosistema RC
Cavo elettrico (colori a norma) di idonea sezione
Eventuale altro materiale

Ed ecco le foto di alcune fasi della lavorazione: (scusate la loro bassa risoluzione ma le ho prese al volo con il telefonino durante l’installazione)

00.JPG
00.JPG (79.31 KiB) Visto 5317 volte


Da sx a dx:

Citofono linea biglietteria-palco-cabina
Quadretto comando luci
Quadro elettrico principale della cabina / sala
Quadro del radiocomando
Pulsante di sgancio di emergenza della cabina elettrica
01.JPG
01.JPG (55.21 KiB) Visto 5316 volte



Il gruppo del radiocomando.
Nel riquadro rosso la scheda ricevente ad otto canali.
Nel riquadro giallo il gruppo di potenza che interagisce con il quadro principale. (accensione/spegnimento luci e marcia/arresto proiettore)
A destra della scheda ricevente sono visibili l’interruttore generale del sistema radiocomando e due pulsanti per il comando manuale delle luci del palco (che erano nell’altro quadro e che sono stati spostati in questo), l’alimentatore a 12 Vdc 1,5A per la scheda ricevente. In alto si nota il fascio di fili che raccordano i due quadri elettrici.

02.JPG
02.JPG (91.87 KiB) Visto 5315 volte


primo piano della scheda ricevente
Sono visibili i relè a scambio, i circuiti integrati della decodifica, il gruppo ricevente in RF

03.JPG
03.JPG (67.08 KiB) Visto 5315 volte

I quadri chiusi. (mancano ancora gli sportelli ad antina)


Dato che la potenza applicabile sul contatto a scambio dei microrelè della scheda ricevente è assai esigua, è impensabile potergli far comandare direttamente un utilizzatore di potenza superiore ai 250W. Per questa ragione si è resa necessaria la parte di potenza a relè i quali sopportano potenza di qualche kilowatt ciascuno, più che sufficienti ad interagire direttamente con l’utilizzatore. Faccio un esempio: i due proiettori di luce del boccascena del palco sono da 1000 watt ciascuno. Un microrelè si sarebbe deteriorato subito. Facendo invece comandare a questo la bobina di un relè, la potenza applicata sui contatti a scambio del microrelè della scheda ricevente è dell’ordine massimo di qualche watt, mentre la potenza applicata sui contatti del relè octal è di 2Kw, all’incirca 10A con tensione di 220V, a fronte di 20A che ne regge il contato.
La centralina permette due tipi di azionamento, permanente e transitorio:
Permanente significa che premendo e rilasciando un pulsante del trasmettitore, sulla scheda ricevente il microrelè del canale corrispondente viene eccitato e rimane eccitato fino ad una nuova pressione dello stesso pulsante.
Transitorio significa che:
1) premendo e rilasciando un pulsante sul radiocomando, sulla scheda ricevente il microrelè del canale corrispondente viene eccitato per un tempo pari ad 1 secondo e quindi torna allo stato di riposo,
2) Tenendo pigiato un pulsante sul radiocomando, sulla scheda ricevente il microrelè del canale corrispondente viene eccitato e rimane eccitato fintanto che non cessa la pressione del pulsante relativo sul trasmettitore.


A V V E R T E N Z A:

PUR ESSENDO LE FOTO E DESCRIZIONE RISPONDENTI REALMENTE AD UNA INSTALLAZIONE FUNZIONANTE NELLA REALTA’ PRATICA, QUESTO POST E’ DA INTENDERSI UNICAMENTE A TITOLO INFORMATIVO E DISCORSIVO.
ciao - Alvaro

Avatar utente
Antonio Marcheselli
Amministratore
Messaggi: 23923
Iscritto il: mer mag 08, 2002 11:41 am
Località: Swindon, UK

Re: GESTIRE LA SALA COMODAMENTE SEDUTI IN POLTRONCINA

Messaggioda Antonio Marcheselli » sab dic 20, 2008 1:08 am

Ciao ALvaro

Lieto di rivederti con i tuoi articoli.

Su Internet si trovano a pochissimo prezzo schedine come la tua, a molti canali. Io sinceramente ne avevo comperata una per accendere e spegnere le luci del mio Home Theater ma curiosamente quando impostavo la frequenza di refresh del videoproiettore a 75Hz... non funzionava più! (immaginate quanto tempo c'ho impiegato a capire che dipendeva dalla frequenza di refresh del monitor!).

Poi ne ho comprata un'altra in cina, molto più configurabile (quella precedente non aveva la possibilità di impostare se impulsi o a ritenuta) e da allora ha funzionato perfettamente.

So che anche Walter ha montato qualcosa di simile. L'unica cosa di cui avrei un po' timore sarebbe l'eventuale possibilità di qualche disturbo che mi faccia accendere le luci in sala durante il film... Ancora ho in mente il quadretto che misi al Vittoria in sala per fuoco e quadro. Lungo la stessa canalina feci scendere anche i cavi per la selezione dei formati sonori del CP500. Fuoco e quadro erano 220V, il resto bassa tensione. E così un giorno, il 31/12 del 2001 se non erro, con sala gremita e "Verità Nascoste" vado a mettere a fuoco il secondo tempo e... puff, il CP500 mi va su Format 11 (ma il DTS era in riparazione).

Muto in sala, e io che corro in fondo alla sala fuori alla cassa (il quadro era per ovvi motivi vicino allo schermo, si metteva a fuoco divinamente!) e avevo la scarpe che scricchiolavano e monetine in tasca: mi sentirono tutti... :(

Poi modificai tutti i contatti e feci un piccolo circuito in modo che alla cassa arrivassero dei comandi che comandavano una piccola scheda di relè a 1 metro dal CP500 :)

Hai avuto problemi nell'inserimento del post con relative immagini?

Ciao
A
Sono sale per grandi pubbici e ciò rende doverose proiezioni per grandi popolazioni
Spettatore Anonimo

Avatar utente
vinc
Utente 35mm
Messaggi: 293
Iscritto il: gio giu 17, 2004 10:15 pm
Località: Campania

Re: GESTIRE LA SALA COMODAMENTE SEDUTI IN POLTRONCINA

Messaggioda vinc » sab dic 20, 2008 10:18 am

come sempre complimenti ad Alvaro per i suoi progetti,questo è fuori discussione,un complimento in questo caso anche ad Antonio e Walter che hanno adottato congegni simili,una cosa sola chiedo:è possibile che ci possono essere interferenze sulla frequenza usata dal trasmettitore/ricevitore con coseguenze alle funzioni del tutto?
vincenzo

Avatar utente
Walter
Amministratore
Messaggi: 3807
Iscritto il: sab giu 29, 2002 10:50 am
Località: BG
Contatta:

Re: GESTIRE LA SALA COMODAMENTE SEDUTI IN POLTRONC

Messaggioda Walter » sab dic 20, 2008 11:24 am

Anche noi da alcuni mesi stiamo lavorando ad una soluzione simile, e primi test che abbiamo effettuato le scorse settimane sono stati positivi.
Stiamo costruendo un automazione simile al vector 2000 (abbiamo 2 V5 MI), ma con touchscreen e appunto radiocomando che permette anche di regolare messa a quadro e messa a fuoco dalla sala (oltre appunto che avviare e stoppare la proiezione).
WALTER - Cinema Teatro Loverini
http://www.loverini.it


Torna a “Articoli di Approfondimento Tecnico”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti